Biathlon | lunedì 13 novembre 2017

Si terranno oggi al Cio le udienze di Olga Vilukhina e Iana Romanova

Anticipate di due settimane le udienze in merito alle due biathlete. Se venisse seguito quanto fatto nel fondo, ballerebbero 2 medaglie.

La commissione disciplinare del Cio ha anticipato a oggi l’udienza in merito alle biathlete Olga Vilukhina e Iana Romanova, inizialmente programmata per lunedì 27 novembre. Si è tuttavia deciso di cambiare il calendario, unendo le due udienze riguardo le sette giocatrici di hockey previste per il 13 e il 20, posponendo tutto il faldone al 22 novembre.

L’udienza delle biathlete rientra all’interno del lavoro della commissione Oswald, chiamata a decidere in merito alle accuse di manomissione delle provette emerse dal rapporto McLaren. Va rimarcato come siano già state emesse le sentenze in merito ai 6 fondisti citati in tale rapporto. Per tutti loro si è deciso di cancellare i risultati ottenuti a Sochi 2014, con relativa perdita delle eventuali medaglie conquistate.

Nel caso del biathlon ne ballano due. L’argento della sprint, conquistato da Vilukhina, e l’argento della staffetta femminile, dove hanno gareggiato entrambe le biathlete.   

Nella sprint la quarta classificata è l’italiana Karin Oberhofer, mentre nella staffetta è stata la Repubblica Ceca a chiudere ai piedi del podio. Attenzione però. Al momento il Cio ha solamente tolto le medaglie, ma non le ha riassegnate. Non ci sono ancora state promozioni in seguito alle ultime squalifiche.   

Ciò significa che allo stato attuale delle cose, nello sci di fondo ci sono quattro medaglie vacanti. Fermo restando che tutti i verdetti emessi dalla commissione Oswald potranno essere impugnati di fronte al Tas di Losanna. Dunque l’iter giudiziario è ancora lungo e piuttosto spinoso.

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: