Sci alpinismo | martedì 05 dicembre 2017

Stefano Bendetti, dt della nazionale di Sci Alpinismo: "Siamo un ottimo team, ma in Cina sarà un'incognita"

Il 15 dicembre prenderà il via dalla Cina la Coppa del Mondo di Sci Alpinismo: "Vi arriviamo senza gare, quindi non abbiamo alcun elemento di confronto con gli altri; per il nostro movimento, però, gareggiare in Cina è una grande occasione"

Stefano Bendetti, dt della nazionale di Sci Alpinismo: "Siamo un ottimo team, ma in Cina sarà un'incognita"

Tra undici giorni prenderà ufficialmente il via la stagione internazionale dello sci alpinismo. Il 15 e 16 dicembre, infatti, la Coppa del Mondo di Ski Alp vivrà l’apertura della stagione 2017/18 nell’inedita cornice cinese, a Wanlong, nella provincia di Hebei. Una gara che arriva molto presto rispetto al tradizionale inizio della stagione, quindi gli atleti si presenteranno al via senza conoscere il proprio reale stato di forma, non avendo avuto modo di confrontarsi con gli avversari. L’Italia si augura di poter ripetere i trionfi degli anni passati, dal momento che negli ultimi quattro anni sono arrivati altrettanti successi azzurri nella classifica generale della Coppa del Mondo, due volte con Damiano Lenzi e successivamente con i lombardi Matteo Boscacci e Robert Antonioli.

Il direttore tecnico della nazionale italiana, Stefano Bendetti, ha fatto il punto della situazione, contattato da Fondoitalia: «Abbiamo svolto fin qui un solo raduno con la nazionale, ma i nostri atleti di punta sono nella squadra del Centro Sportivo Esercito, con cui si sono radunati già più volte in vista della gara che aprirà la Coppa del Mondo in Cina, che sarà per tutti un’incognita, perché vi arriviamo senza aver fatto alcuna gara nazionale o internazionale. I ragazzi, comunque, stanno bene, li ho visti molto motivati, ma solo sul campo potremo capire a che punto saremo».

Bendetti, però, non si pone troppi problemi, perché la gara in Cina è una grande occasione per la crescita dello ski alp: «Sarà un’occasione importante per il nostro sport, di buon auspicio per le Olimpiadi. Lo scorso anno abbiamo gareggiato in Turchia, ora saremo in Cina, un buon segno per lo sci alpinismo, che si sta espandendo anche fuori dalle Alpi. Ci auguriamo, ora, che in queste zone si formino delle squadre per competere a livello internazionale».

L’allenatore responsabile della nazionale azzurra ha aspettative alte per la nuova stagione: «Da alcuni anni siamo i capifila a livello internazionale e vogliamo ripeterci anche in questa stagione. Non sarà facile, però, perché altre nazioni stanno crescendo, la concorrenza sta aumentato. Da una parte è meglio così. La squadra femminile? Stiamo migliorando, abbiamo ottenuto ottimi risultati nelle ultime stagioni e abbiamo diverse giovani in crescita. Mi aspetto diverse soddisfazioni. I giovani? Ne abbiamo tanti interessanti e con grandi potenzialità. Siamo un ottimo team, abbiamo tante risorse, veniamo da anni di successi e dietro abbiamo giovani forti e interessanti. Grazie anche all’ottimo lavoro dei club, abbiamo parecchi atleti di alto livello».

Dopo la Cina, gli atleti della nazionale azzurra saranno subito impegnati nei Campionati Italiani che si disputeranno a Bormio il 19, 20 e 21 gennaio. In programma una vertical, una staffetta e la sprint. 

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: