Sci alpinismo | lunedì 05 marzo 2018

Verso l'Epic Ski Tour, parla Anrather: "Non sarà solo sci alpinismo"

L'ideatore dell'appuntamento scialpinistico che coinvolgerà numerosi atleti e turisti tra le valli di Fiemme e Fasse il prossimo weekend ha parlato a pochi giorni dall'evento: "Siamo pronti"

Kurt Anrather è uno degli ideatori nonché deus ex machina de “La Sportiva Epic Ski Tour”, appuntamento scialpinistico in tre tappe sulle cime trentine dell’Alpe Cermis, del Passo San Pellegrino e del Passo Pordoi, giunto quest’anno alla seconda edizione.

Gli abbiamo chiesto a che punto sono i preparativi in vista dell’evento in programma dall’8 all’11 marzo prossimi: “Siamo pronti per questa seconda edizione. Stiamo lavorando sodo da un anno per dare qualcosa di speciale ai nostri concorrenti e ai partner della manifestazione”.

Quest’anno di neve ce n’è in abbondanza. Cosa si devono aspettare gli scialpinisti dalle tre tappe?
«Ė una pura goduria fare queste tappe, e lo posso dire perché negli ultimi giorni le ho percorse tutte di persona per vedere cosa ci aspetta. Oltre alla tanta neve troviamo un paesaggio veramente unico. Il tracciato viene preparato dai nostri esperti (Massimo “Macha” Dondio per l’Alpe Cermis, Thomas Zanoner per il Passo San Pellegrino e Oswald Santin per il Passo Pordoi) in modo perfetto ed è davvero fattibile per tutti».

Quali saranno le sostanziali differenze e migliorie rispetto alla prima edizione?
«Abbiamo capito dalla prima edizione che non bisogna mollare mai, basta crederci. Poi con la neve di quest’anno potremo proporre i tracciati che avevamo pensato e studiato all’inizio e quindi avremo divertimento garantito».

L’intento principale dell’evento è regalare una gara di scialpinismo “4all”. Come si avvicina questo tipo di concorrenti?
«Su questo dovremo ancora lavorare molto, per far capire che vogliamo creare un evento per tutti e non solo per i big del settore. Ma non siamo qui per mollare su questo punto. Ho capito che non si può volere tutto e allo stesso tempo, basti pensare alle parole del mio amico Oswald Santin che di scialpinismo se ne intende: "Kurt, hai in mano una Ferrari e vedrai che tra qualche anno non saprai dove mettere i concorrenti"».

Sono previsti anche tanti eventi di contorno ed agevolazioni per chi volesse alloggiare nelle Valli di Fiemme e Fassa.
«Infatti, è proprio questo il punto: stiamo cercando di dare ai nostri concorrenti e ai loro accompagnatori e familiari non solo una gara di scialpinismo, mettendo in piedi diverse opportunità e agevolazioni. Ci sarà infatti una visita aziendale al Pastificio Felicetti, o a La Sportiva (gratis), oltre ai test di materiali sempre de La Sportiva sul Passo San Pellegrino (gratis). Questo per chi vuole provare per la prima volta ad uscire sulle pelli di foca, o per chi vuole testare i materiali nuovi del nostro main e title sponsor. Venerdì avremo invece Omar Oprandi che si metterà a disposizione di tutti e farà delle uscite alle ore 10 ed alle ore 14 con gli ospiti, sempre sul Passo San Pellegrino con i materiali La Sportiva (gratis). Prezzi agevolati per i pernottamenti durante l’Epic, oppure sconti per i partecipanti e loro famiglie nelle piscine di Cavalese o a Canazei, insomma, il nostro è ben più di un evento scialpinistico!».
L’Epic Ski Tour è un evento 4All e lo sarà sempre più anche in futuro.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche: