Salto | domenica 11 marzo 2018

Continental Cup: Manuel Fettner fa doppietta a Zakopane

L’austriaco si è imposto in ambedue le competizioni, precedendo in entrambe le occasioni Bor Pavlovcic.

Credits: M. Dardanelli

Questo finesettimana Zakopane è stata teatro della penultima tappa stagionale di Continental Cup. Sono andate in scena due competizioni, disertate però dai primi 6 della generale, in quando impegnati ad Oslo per l’opening del Raw Air. Protagonista assoluto è stato Manuel Fettner, autore di una doppietta.

Nella giornata di sabato il vento ha soffiato frontalmente, seppur con intensità diversa nel corso della prova. Al cambio però non è stato un fattore decisivo, in quanto colui che era stato maggiormente penalizzato nella prima serie ha infine vinto. Manuel Fettner infatti, avendo un pettorale basso dal momento che in stagione ha sempre preso parte a gare del circuito maggiore, si è trovato a saltare molto presto quando il vento è improvvisamente calato. L’austriaco è comunque riuscito ad atterrare a 134 metri, riuscendo a resistere in prima posizione fino al termine della prima serie, nonostante alcuni avversari si siano spinti più lontano ma con vento decisamente più favorevole. Nella seconda manche Fettner ha sfruttato al meglio in buon vento favorevole per raggiungere 138.5m, mettendo così in ghiaccio la vittoria.

Piazza d’onore per lo sloveno Bor Pavlovcic, che ha trovato così il primo acuto in una stagione alquanto deludente. Il diciannovenne di Planica ha costruito il risultato nella prima parte di gara, dove è atterrato a 137m con valutazioni stilistiche molto elevate, tenendo la scia del tirolese. Con una buona seconda prova da 135.5m è poi riuscito a difendere la posizione.

Terzo gradino del podio per un altro austriaco, questa volta proveniente dal Vorarlberg: Ulrich Wohlgenannt. Con due salti competitivi da 135m e 137m è riuscito a precedere i due atleti che hanno chiuso ex aequo in 4^ piazza, Tomaz Naglic e Felix Hoffmann. Lo sloveno ha trovato il miglior salto della serie decisiva, andando a raggiungere 139.5m, recuperando terreno fino a terminare appaiato al tedesco, autore di due prove più omogenee.

A seguire si sono piazzati due atleti Rot-Weiß-Rot, Stefan Huber 6° e Manuel Poppinger 7°, precedendo il tedesco Pius Paschke 8° e il kazako Sergey Tkachenko 9°, i quali sono precipitati in classifica dopo una prima parte di gara che li aveva visti protagonisti. La top ten è stata infine chiusa dal polacco Pawel Wasek.

Buona prova da parte dell’azzurro Federico Cecon, autore di un buon primo salto da 129m che lo aveva posto addirittura 11°, ma dopo una seconda prova non altrettanto competitiva è scivolato in 18^ piazza. Gli altri due italiani invece hanno chiuso lontano dalla zona punti: Daniele Varesco 52° e Zeno Di Lenardo 60°.

COC ZAKOPANE I – HS 134
1. FETTNER Manuel (AUT) 262.7
2. PAVLOVCIC Bor (SLO) 259.3
3. WOHLGENANNT Ulrich (AUT) 257.2
4. NAGLIC Tomaz (SLO) 255.8
4. HOFFMANN Felix (GER) 255.8
6. HUBER Stefan (AUT) 255.2
Clicca qui per i risultati completi. 

Quest’oggi il vento ha scompigliato le carte, ma alla fine i valori emersi sono stati i medesimi della prova di ieri. Manuel Fettner ha nuovamente archiviato il successo, ma con uno schema di gara differente. Nella prima manche ha realizzato il salto più lungo, atterrando a 136.5 metri, ma con vento molto favorevole, dunque la compensazione gli ha detto male, ponendolo quarto ad oltre 9 lunghezze dal leader, il connazionale Stefan Huber, andato solo mezzo metro più corto nonostante una brezza quasi nulla.

Nella serie decisiva il tirolese ha inserito le marce alte e con meteo comparabile agli avversari è atterrato a 138m, rimontando fino al successo finale. Piazza d’onore ancora una volta per lo sloveno Bor Pavlovcic, che ha recuperato una posizione grazie a un buon salto da 133.5m, mentre Huber ha chiuso 3° avendo raggiunto 131m.

Lo sloveno Tomaz Naglic invece da secondo è finito addirittura 5°, superato anche dal tedesco Felix Hoffmann 4°. Le posizioni successive sono state occupate ancora da atleti di lingua tedesca: i teutonici Moritz Baer e Pius Paschke sono giunti 6° e 9°, con l’inserimento degli austriaci Manuel Poppinger e Ulrich Wohlgenannt nel mezzo. La top ten è stata infine completata nuovamente dal polacco Pawel Wasek, questa volta ex aequo con il norvegese Fredrik Bjerkeengen.

L’italiano Federico Cecon è riuscito nuovamente a far capolino in zona punti, giungendo 29°, impresa non riuscita a Daniele Varesco 47° e Zeno Di Lenardo 61°.

Nonostante l’assenza dei primi della classifica generale, questa è rimasta invariata dal momento che gli atleti presenti erano troppo staccati per poter scalare posizioni. Marius Lindvik guida con 1102, seguito da Andreas Wank (1040) e David Siegel (968). A due gare dal termine questi tre atleti sono gli unici a potersi contendere ancora il successo. Bisognerà vedere chi tra loro sarà al via il prossimo weekend a Chaikovsky.

COC ZAKOPANE II – HS 134
1. FETTNER Manuel (AUT) 268.9
2. PAVLOVCIC Bor (SLO) 264.3
3. HUBER Stefan (AUT) 261.2
4. HOFFMANN Felix (GER) 258.9
5. NAGLIC Tomaz (SLO) 257.2
6. BAER Moritz (GER) 252.5
Clicca qui per i risultati completi.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: