Biathlon | 29 novembre 2018

Biathlon - Dorothea Wierer: "Spero di confermarmi tra le prime cinque"

La biatleta azzurra: "Quest'anno spero di ammalarmi meno, anche se la tensione spesso mi provoca problemi di sonno"; guarda il video di FISI TV

Biathlon - Dorothea Wierer: "Spero di confermarmi tra le prime cinque"

Si avvicina il via della Coppa del Mondo di biathlon. Domenica pomeriggio, infatti, partirà da Pokljuka la stagione 2018/19. L'Italia è molto attesa soprattutto in campo femminile, dove si presenta al via con due punte di grande valore Dorothea Wierer e Lisa Vittozzi.

L'altoatesina è ormai top five della classifica generale della Coppa del Mondo da tre stagioni, un risultato questo che l'ha proiettata già nella storia del biathlon italiano.

«Spero di riuscire a confermarmi nelle prime cinque di Coppa del Mondo - ha affermato Dorothea Wierer in un'intervista rilasciata a FISI TV - sicuramente non è facile perché il biathlon comprende fondo e il tiro, e bisogna far combaciare tutto. È difficile, ma alla fine ho sempre raggiunto quello che volevo. Il segreto per riuscirci? Parte tutto dalla mia famiglia, perché siamo cinque fratelli e bisogna essere testardi se si vuole raggiungere qualcosa».

Nelle ultime stagioni la biatleta delle Fiamme Gialle è stata spesso limitata da alcuni problemi fisici: «La mia difficoltà più grande è che mi ammalo spesso - ha affermato l'azzurra - credo sia legato allo stress, anche mentale. Ci sono tantissime gare, più o meno quaranta, e purtroppo non dormo tanto, sono una persona un po' ansiosa e forse è tutto collegato. Ecco, spero di non ammalarmi per una stagione, vediamo».

Insomma Dorothea Wierer vuole innanzitutto combattere contro se stessa e l'ansia che spesso le ha portato problemi: «Per migliorarmi ho cercato la tranquillità, mi sono concentrata sulle piccole cose. Sicuramente il fatto che siamo una squadra piccola e che siamo tutti consapevoli dei nostri mezzi ha aiutato anche me a tranquillizarmi».

Dopo tanti anni al top è anche possibile migliorare ancora? Dorothea Wierer ha la sua idea: «Ognuno ha il suo stile ma cambiare è difficile. Ho provato a modificare alcuni piccoli dettagli, ma non è facile, perché quando subentra la stanchezza in gara ricadi nei vecchi errori. L'obiettivo è riuscire a cambiare anche in gara».

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: