Salto | domenica 30 dicembre 2018

67^ VIERSCHANZENTOURNEE - Große Olympiaschanze [Garmisch-Partenkirchen]

Ormai da 56 anni la seconda tappa della Vierschanzentournee va in scena a Garmisch-Partenkirchen. Tale ruolo non è stato ricoperto solo in occasione della prima (1953), della quinta (1956-1957), della decima (1961-1962) e dell'undicesima (1962-1963) edizione. Nel primo caso fu l’evento inaugurale, negli altri tre rappresentò invece il terzo appuntamento. È però rimasta fissa la data. Si gareggia sempre nella giornata di Capodanno.

67^ VIERSCHANZENTOURNEE - Große Olympiaschanze [Garmisch-Partenkirchen]

STORIA
Il "Große Olympiaschanze venne costruito nel lontano 1921, ma prese questo nome solamente nel 1934, quando venne terminata la ristrutturazione resasi necessaria in vista dei Giochi olimpici invernali 1936, la cui gara venne seguita da un pubblico record di 130.000 persone.

Nel dopoguerra l’impianto venne rinnovato più volte (1950, 1978, 1996) agendo però sempre sulla struttura originale, tanto che nel corso degli anni il trampolino venne soprannominato “Die alte Dame”, ovvero l’“Anziana signora”.

Tuttavia l’avvento del XXI secolo e le moderne esigenze del salto con gli sci hanno reso indispensabile una ricostruzione completa. Il leggendario "Große Olympiaschanzevenne quindi abbattuto il 14 aprile 2007.

Dodici giorni dopo cominciò la costruzione dell’attuale avveniristico impianto, costato quindici milioni di euro, completato nel tempo record di sei mesi e inaugurato ufficialmente il 21 dicembre 2007. Il nuovo trampolino ha mantenuto la denominazione del precedente nonostante non abbia mai ospitato una gara olimpica.

INCIDENZA SULLA TOURNEE
In 28 occasioni (42,4%) chi si è imposto nell’Oberbayern si è poi aggiudicato il successo nella Tournèe, mentre in 51 casi (77,3%) la vittoria finale è andata a un atleta salito sul podio.

La tendenza recente, conferma a grandi linee i numeri storici. Se guardiamo all’ultimo decennio chi ha primeggiato a Garmisch-Partenkirchen ha poi conquistato la Tournée 5 volte (50%), mentre in 7 anni su 10 (70%) il vincitore è stato uno degli atleti entrati nella top-three.


VINCITORI
Sinora 53 differenti saltatori in rappresentanza di 12 diversi movimenti hanno ottenuto almeno un successo in questa tappa.

Il tedesco Jens Weißflog è il primatista assoluto con ben 4 affermazioni (1984, 1985, 1990, 1991).

Sono invece arrivati a quota 3 il norvegese Bjørn Wirkola (1967, 1968, 1969) e l'austriaco Gregor Schlierenzauer (2008, 2010, 2012).

Sono 7 gli uomini riusciti a bissare un successo. Si tratta dei finlandesi Matti Nykänen e Janne Ahonen; dell'austriaco Andreas Felder; del tedesco Jochen Danneberg; del giapponese Noriaki Kasai; dello sloveno Primoz Peterka e del norvegese Anders Jacobsen.

Fra i saltatori in attività, sono in sei a essersi già fregiati di almeno una vittoria a Garmisch-Partenkirchen. Cinque di loro sul nuovo Große Olympiaschanze, due invece sul vecchio:

3 – SCHLIERENZAUER Gregor (AUT) [2008, 2010, 2012]
2 – KASAI Noriaki (JPN) [1993°, 2001°]
1 – AMMANN Simon (SUI) [2011]
1 – PREVC Peter (SLO) [2016]
1 – TANDE Daniel Andre (NOR) [2017]
1 – STOCH Kamil (POL) [2018]

° Vittoria ottenuta sulla precedente versione del trampolino.
Va sottolineato come nessuno sia riuscito a imporsi sia sulla vecchia che sulla nuova struttura.


L'Austria è il Paese con il maggior numero di vittorie (14), braccato a 13 dal movimento tedesco nel suo complesso e dalla Norvegia. A seguire l’elenco completo

14 – AUSTRIA
13 – GERMANIA (7 DDR + 3 FRG + GER)
13 – NORVEGIA
09 – FINLANDIA
04 – GIAPPONE
04 – CECOSLOVACCHIA (3 CEC + 1 CZE)
03 – SVIZZERA
03 – SLOVENIA
02 – UNIONE SOVIETICA* 
01 – CANADA
01 – POLONIA

* Va rimarcato come i successi sovietici non possano in questo caso essere interamente assimilati a quelli russi. Infatti nel 1961 si impose Koba Zakadze, atleta in tutto e per tutto georgiano, nazione oggi indipendente, ma all’epoca parte integrante dell’Urss.

Nonostante le gare disputate siano 66, sono accreditati 67 successi. Questo perché la competizione disputata il giorno di Capodanno 1991 venne vinta ex-aequo dall'austriaco Andreas Felder e dal tedesco Jens Weißflog.


SERIE
In 9 occasioni una nazione è riuscita a realizzare doppietta piazzando due atleti nelle prime due posizioni. L’ultima nel 2014, quando gli austriaci Thomas Diethart e Thomas Morgenstern chiusero rispettivamente primo e secondo.

In 2 casi è stato monopolizzato l’intero podio:

Capodanno 1955 dalla Finlandia.
Aulis Kallakorpi precedette Eino Kirjonen ed Hemmo Silvenoinen, rispettivamente secondo e terzo.

Capodanno 1998 dal Giappone
Kazuyoshi Funaki davanti Masahiko Harada e Hiroya Saito.

Norvegia, Finlandia e Austria detengono, a quota 3, il primato di successi consecutivi.


PODI
Finora 123 differenti saltatori in rappresentanza di 15 diversi movimenti sono saliti almeno una volta sul podio.

Il tedesco Jens Weißflog domina incontrastato la graduatoria individuale per podi complessivi, avendone conquistati ben 10.

Fra gli atleti in attività, questo è il bilancio complessivo dei podi raccolti in quel di Garmisch-Partenkirchen:

1-2-2 (5) – AMMANN  Simon (SUI) [2009, 2010, 2011, 2014, 2015]
3-1-0 (4) – SCHLIERENZAUER Gregor (AUT) [2008, 2010, 2012, 2013]
2-0-2 (4) – KASAI Noriaki (JPN) [1993°, 1999°, 2001°, 2007°]
1-1-0 (2) – PREVC Peter (SLO) [2016]
1-1-0 (2) – STOCH Kamil (POL) [2017, 2018]
1-0-0 (1) – TANDE Daniel Andre (NOR) [2017]
0-1-0 (1) – VASSILIEV Dimity (RUS) [2001°]
0-1-0 (1) – KOFLER Andreas (AUT) [2012]
0-1-0 (1) – GANGNES Kenneth (NOR) [2016]
0-1-0 (1) – FREITAG Richard (GER) [2018]
0-0-1 (1) – ITO Daiki (JPN) [2012]
0-0-1 (1) – FREUND Severin (GER) [2016]
0-0-1 (1) – KRAFT Stefan (AUT) [2017]
0-0-1 (1) – FANNEMEL Anders (NOR) [2018]

° Podio ottenuto sulla vecchia versione del trampolino.

Il movimento che ha raccolto più podi è quello tedesco (44), divisi però tra Germania Est, Germania Ovest e Germania unita. Pertanto, se si parla di nazioni, la Finlandia è ancora oggi quella con più piazzamenti nelle prime tre posizioni, avendone conquistati 38. A seguire la graduatoria completa:

44 – GERMANIA (24 DDR + 11 GER + 9 FRG)
38 – FINLANDIA
36 – AUSTRIA
24 – NORVEGIA
12 – GIAPPONE
09 – SVIZZERA
08 – REP. CECA (7 CEC + 1 CZE)
07 – RUSSIA (5 URS + 2 RUS)
07 – SLOVENIA (3 YUG + 4 SLO)
07 – POLONIA
02 – GEORGIA [Sotto bandiera sovietica]
02 – UCRAINA [Sotto bandiera sovietica]
01 – CANADA
01 – ITALIA
01 – SVEZIA

Il podio italiano porta la firma di Nilo Zandanel, terzo classificato nel 1961 alle spalle del sovietico Koba Zakadze e del tedesco dell'Est Helmut Recknagel.

Nonostante siano stati ottenuti sotto bandiera sovietica, i podi di Koba Zakadze (georgiano) e di Anatoly Zeglanov (ucraino) non possono essere assimilati al movimento russo.

 

RECORD
Il record ufficiale del trampolino è detenuto dallo svizzero Simon Ammann, atterrato a 143,5 metri (tre e mezzo oltre l'Hs) l'1 gennaio del 2010.

Tuttavia non va dimenticato come in un salto di allenamento del 31 dicembre 2014, il norvegese Anders Jacobsen si sia spinto fino a 145 metri.

 

PALINSESTO TELEVISIVO
(DIRETTA INTEGRALE SU EUROSPORT)

Lunedì 31 dicembre, ore 13.45 – Qualificazione Garmisch-Partenkirchen
Martedì 1 gennaio, ore 13.45 – Gara Garmisch-Partenkirchen

CLICCA QUI PER LA START LIST DELLA QUALIFICAZIONE

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: