Salto | mercoledì 02 gennaio 2019

67^ VIERSCHANZENTOURNEE - Bergiselschanze (Innsbruck)

Innsbruck sarà la terza tappa della Vierschanzentournee per la sessantatreesima volta. Fanno eccezione quattro edizioni: nella quinta (1956-1957), nella decima (1961-1962) e nell'undicesima (1962-1963) fu il secondo appuntamento, mentre nella ventesima (1971-1972) recitò una tantum il ruolo di evento inaugurale.

67^ VIERSCHANZENTOURNEE - Bergiselschanze (Innsbruck)

SITUAZIONE TOURNEE (2/4 TAPPE)
1. KOBAYASHI Ryoyu (JPN) 548.9 pts
2. EISENBICHLER Markus (GER) -2.3 pts
3. KUBACKI Dawid (POL) -22.9 pts
4. STJERNEN Andreas (NOR) -25.4 pts
5. KOUDELKA Roman (CZE) -30.7 pts
6. STOCH Kamil (POL) -32.1 pts
7. ZAJC Timi (SLO) -34.2 pts
8. ZYLA Piotr (POL) -39.3 pts
9. LEYHE Stephan (GER) -39.9 pts
10. HUBER Daniel (AUT) -44.9 pts
11. JOHANSSON Robert (NOR) -45.1 pts
12. GEIGER Karl (GER) -50.2 pts

 

STORIA
Il Bergiselschanze prende il nome dalla collina che sovrasta la parte meridionale del capoluogo del Tirolo, appunto il Monte Isel. Fra i quattro trampolini della Vierschanzentournee è quello con la storia più ricca di grandi eventi, ma anche più tormentata e persino più tragica (seppur per ragioni non legate al salto con gli sci).

A Innsbruck il primo trampolino venne edificato in previsione dei Mondiali di sci nordico 1933. L’impianto però cadde rapidamente in disuso, divenendo inutilizzato subito dopo la fine della manifestazione.

Nel 1941, durante un torneo giovanile di calcio, i giocatori delle squadre SV Villingen e SV Innsbruck visitarono la struttura ormai fatiscente. Disgraziatamente si verificò un crollo, che causò 4 morti e svariati feriti. La sciagura spinse a demolire totalmente ciò che rimaneva della costruzione.

Terminata la seconda guerra mondiale si decise di erigere nuovamente l’impianto seguendo lo stesso progetto del 1930. Anche questo secondo Bergiselschanze ebbe vita breve, poiché venne abbattuto e sostituito da un più moderno trampolino in vista dei Giochi olimpici invernali del 1964.

Le Olimpiadi vennero poi ospitate da Innsbruck anche nel 1976, mentre nel 1985 la città fu teatro della gara su Large Hill dei Mondiali di sci nordico nominalmente assegnati a Seefeld.

Nel dicembre del 1999 il luogo fu teatro di una nuova tragedia. Al termine di un’esibizione di snowboard una folla sproporzionata confluì verso una delle uscite dello stadio e si venne a creare il caos. Cinque ragazze, tutte comprese tra i 14 e 21 anni, morirono schiacciate nella calca. Altri spettatori rimasero gravemente feriti cadendo in una scarpata a causa del cedimento di una rete di sicurezza ormai vetusta.

Il complesso fu teatro dell’ennesima ristrutturazione all’inizio del XXI secolo per festeggiare degnamente la cinquantesima edizione della Tournée, assumendo l’attuale conformazione (K120/HS130) e soprattutto diventando uno dei simboli della città di Innsbruck grazie alla sua particolare architettura a forma di serpente.

Dunque, fra i quattro trampolini della Tournée, il Bergiselschanze è stato teatro del maggior numero di gare esterne alla manifestazione in cui sono state assegnate medaglie. Si contano infatti 2 edizioni dei Giochi olimpici e 2 dei Campionati Mondiali di sci nordico, con la terza in arrivo tra poche settimane.

Curiosamente però è al tempo stesso il trampolino ad avere ospitato il minor numero di competizioni valevoli per la Vierschanzentournee. Infatti nel gennaio 2008 l'evento venne cancellato – e recuperato a Bischofshofen – a causa delle proibitive condizioni atmosferiche.


INCIDENZA SULLA TOURNEE
In 32 occasioni (49,2%) chi si è imposto in Tirolo si è poi aggiudicato il successo nella Tournèe, mentre in 50 casi (76,9%) casi la vittoria finale è andata a un atleta salito sul podio.

Questo significa che Innsbruck è la tappa il cui vincitore ha la più alta percentuale di successi nella classifica generale della Tournée.

La tendenza recente conferma quella storica, perché se guardiamo all’ultimo decennio chi ha primeggiato a Innsbruck ha poi conquistato la Tournée 5 volte (50%), mentre in 7 anni su 10 (70%) il vincitore è stato uno degli atleti capaci di chiudere nella top-three.

Tuttavia va rimarcato come, con l’avvento del XXI secolo, questa gara si sia sovente rivelata la chiave della Tournée, perché spesso ha indirizzato in maniera decisa la classifica generale verso un determinato atleta.

VINCITORI
Sinora 53 differenti saltatori in rappresentanza di 11 diversi movimenti hanno ottenuto almeno un successo sul Monte Isel.

Il norvegese Bjørn Wirkola (1967, 1969, 1970), il finlandese Matti Nykänen (1983, 1985, 1988), l'austriaco Andreas Goldberger (1993, 1994, 1996) e il giapponese Kazuyoshi Funaki (1995, 1997, 1998) hanno conquistato 3 vittorie a testa. 

Sono invece 6 gli uomini riusciti a bissare un successo. Si tratta dei finlandesi Jari Puikkonen, Ari-Pekka Nikkola e Janne Ahonen; dell'austriaco Gregor Schlierenzauer; del tedesco Helmut Recknagel e del norvegese Per Bergerud.

Fra i saltatori in attività, sono in sei a essersi già fregiati di almeno una vittoria a Innsbruck. Uno di loro però sulla precedente versione del trampolino:

2 – SCHLIERENZAUER Gregor (AUT) [2010, 2013]
1 – KASAI Noriaki (JPN) [1999°]
1 – FREITAG Richard (GER) [2015]
1 – PREVC Peter (SLO) [2016]
1 – TANDE Daniel Andre (NOR) [2017]
1 – STOCH Kamil (POL) [2018]

° Vittoria ottenuta sulla precedente versione del trampolino.


A dispetto dell’ormai cronica crisi, la Finlandia resta la nazione più vincente in assoluto sul Bergiselschanze. Addirittura va rimarcato come l’unico successo sinivalkoinen in Coppa del Mondo dal 2011 a oggi sia arrivato proprio qui, seppur in maniera estremamente fortunosa, grazie ad Anssi Koivuranta nel 2014. Quell’affermazione ha permesso al movimento suomalainen di tornare solitario al comando della graduatoria assoluta:

14 – FINLANDIA
13 – AUSTRIA
12 – GERMANIA (9 DDR + 2 GER + 1 FRG)
12 – NORVEGIA
05 – GIAPPONE
04 – UNIONE SOVIETICA*
03 – SLOVENIA (2 SLO + 1 YUG)
02 – POLONIA
01 – CECOSLOVACCHIA
01 – SVEZIA

Nonostante le gare disputate siano 65, sono accreditati 67 successi. Questo perché vi sono ben due ex aequo. Il primo datato 1956 con il sovietico Koba Zakazde e il tedesco dell’est Harry Glaß. Il secondo nel 1982 con il norvegese Per Bergerud e il tedesco dell’est Manfred Deckert. 

* Va rimarcato come i successi sovietici non possano in questo caso essere interamente assimilati a quelli russi proprio in virtù della citata vittoria di Zakadze, atleta in tutto e per tutto georgiano, nazione oggi indipendente, ma all’epoca parte integrante dell’Urss.

SERIE
In 7 occasioni la stessa nazione è riuscita a realizzare doppietta piazzando due atleti nelle prime due posizioni. L’ultima nel 2017, quando i norvegesi Daniel-Andre Tande e Robert Johansson chiusero rispettivamente primo e secondo.

In 2 casi è stato monopolizzato l’intero podio:

Il 3 gennaio 1971 ci riuscì la Cecoslovacchia.
Zbynek Hubac precedette Jiri Raska e Rudolf Höhnl.

Il 3 gennaio 1975 invece fu il turno dell'Austria.
Karl Schnabl vinse davanti a Edi Federer e Hans Wallner.

L' Austria detiene il primato di successi consecutivi, con 5, striscia peraltro recentissima (2009 Loitzl, 2010 Schlierenzauer, 2011 Morgenstern, 2012 Kofler, 2013 Schlierenzauer). 

 
PODI
Finora 125 differenti saltatori in rappresentanza di 14 diversi movimenti sono saliti almeno una volta sul podio.

Il tedesco Jens Weißflog guida la graduatoria individuale, avendone conquistati ben 9, seguito a brevissima distanza dal finlandese Janne Ahonen con 8.

Fra gli atleti in attività, questo è il bilancio complessivo dei podi raccolti in quel di Innsbruck:

1-0-4 (5) – KASAI Noriaki (JPN) [1993°, 1994°, 1999°, 2001°, 2015]
2-2-0 (4) – SCHLIERENZAUER Gregor (AUT) [2009, 2010, 2012, 2013]
0-2-2 (4) – AMMANN Simon (SUI) [2007, 2010, 2014, 2015]
1-1-1 (3) – STOCH Kamil (POL) [2013, 2014, 2018]
1-1-0 (2) – TANDE Daniel Andre (NOR) [2017, 2018]
1-0-0 (1) – KOFLER Andreas (AUT) [2012]
1-0-0 (1) – FREITAG Richard (GER) [2015]
1-0-0 (1) – PREVC Peter (SLO) [2016]
0-1-0 (1) – KRAFT Stefan (AUT) [2015]
0-1-0 (1) – FREUND Severin (GER) [2016]
0-1-0 (1) – JOHANSSON Robert (NOR) [2017]
0-0-1 (1) – TAKEUCHI Taku (JPN) [2012]
0-0-1 (1) – KLIMOV Evgeny (RUS) [2017]
0-0-1 (1) – WELLINGER Andreas (GER) [2018]

Il movimento che ha raccolto più podi è quello tedesco (41), divisi però tra Germania Est, Germania Ovest e Germania unita. Pertanto, se si parla di nazioni, l’Austria è quella con più piazzamenti nelle prime tre posizioni, avendone conquistati 38. A seguire la graduatoria completa:

41 – GERMANIA (22 DDR + 11 GER + 8 FRG)
38 – AUSTRIA
34 – FINLANDIA
27 – NORVEGIA
12 – GIAPPONE
09 – REP.CECA (6 CEC + 3 CZE)
09 – POLONIA
08 – SVIZZERA
07 – RUSSIA (6 URS + 1 RUS)
04 – SLOVENIA (3 SLO + 1 YUG)
02 – SVEZIA
02 – GEORGIA [Sotto bandiera sovietica]
02 – UCRAINA [Sotto bandiera sovietica]
01 – CANADA

Nonostante siano stati ottenuti sotto bandiera sovietica, i podi di Koba Zakadze (georgiano) e di Anatoly Zeglanov (ucraino) non possono essere assimilati al movimento russo.

RECORD
Il record ufficiale del trampolino è detenuto dall’austriaco Michael Hayböck, atterrato a 138 metri (otto oltre l'Hs) il 4 gennaio 2015.

PALINSESTO TELEVISIVO
(DIRETTA INTEGRALE SU EUROSPORT)

Giovedì 3 gennaio, ore 14.00 – Qualificazione Innsbruck
Venerdì 4 gennaio, ore 13.45 – Gara Innsbruck

CLICCA QUI PER LA START LIST DELLA QUALIFICAZIONE

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: