Combinata | 21 febbraio 2019

MONDIALI SEEFELD - Presentazione gara individuale LH/10 km

Il 22 febbraio 2019 nella combinata nordica verrà assegnato l’XI titolo mondiale individuale di una competizione con salto su Large Hill.

Credits photo: Michele Dardanelli

Credits photo: Michele Dardanelli

STORIA
La prima gara iridata della storia su trampolino grande si è tenuta nel 1999. All'epoca era denominata "Sprint", in quanto prevedeva un salto seguito da 7,5 km di fondo e si differenziava dalla classica “Gundersen”, composta invece da due salti (su trampolino piccolo) e 15 km sugli sci stretti.

Dalla stagione 2008-'09, con l’uniformazione dei format decisa dalla Fis, i chilometri da percorrere sono stati innalzati a 10. Nell'ambito dei Mondiali la competizione quindi ha assunto l'attuale fisionomia a partire da Liberec 2009.

Tenendo in considerazione anche le sprint, sino a questo momento sono 10 gli atleti capaci di laurearsi campioni del mondo in una competizione con salto su trampolino grande. In altre parole nessuno è ancora riuscito a ripetere la propria affermazione.

Sono tre gli uomini in attività a essersi già laureati campioni del mondo in questa competizione. Si tratta del tedesco Eric Frenzel (2013), dell’austriaco Bernhard Gruber (2015) e del tedesco Johannes Rydzek (2017).

Sono invece sei i combinatisti in attività a vantare almeno una medaglia in questo format. Tra essi chi è dotato del palmares più ricco è proprio Rydzek:

3 – RYDZEK Johannes [GER] (Oro 2017; Arg 2011; Bro 2015)
2 – GRUBER Bernhard [AUT] (Oro 2015; Arg 2013)
2 – FRENZEL Eric [GER] (Oro 2013; Bro 2011)
2 – MOAN Magnus [NOR] (Arg 2005, Arg 2007)
2 – BRAUD François [FRA] (Arg 2015; Bro 2017)
1 – WATABE Akito [JPN] (Arg 2017)

Moan però non sarà della partita, in quanto non convocato dalla Norvegia per i Mondiali.

In tema di nazioni, sono 6 i Paesi in grado di produrre almeno un campione del mondo in gare con salto sul Large Hill. Comanda in maniera indiscutibile la Germania con 4 successi. Sono a quota 2 gli Stati Uniti, mentre hanno primeggiato 1 volta Norvegia, Finlandia, Francia, Austria.

Sotto sette i Paesi ad aver raccolto almeno una medaglia iridata in competizioni su trampolino grande. Anche qui si nota un dominio tedesco.

11 (4-3-4) – GERMANIA
05 (1-1-3) – FRANCIA
04 (1-2-1) – NORVEGIA
04 (1-2-1) – AUSTRIA
02 (2-0-0) – USA
02 (1-1-0) – FINLANDIA
02 (0-1-1) – GIAPPONE

Al riguardo si notano tre fatti interessanti.

1)      La Germania ha mancato il podio solo nel 1999, piazzando almeno un atleta nella top-three in tutte le competizioni iridate su large hill andate in scena nel XXI secolo.

2)      Da quando il format ha assunto l’attuale conformazione (2009), la Francia non ha mai mancato il podio.

3)      Contemporaneamente l’ultima medaglia della Norvegia è datata 2007, quando ancora si disputavano 7,5 km sugli sci stretti.


STAGIONE 2018-2019

Nella stagione in corso sono andate in scena 9 gare individuali con salto su Large Hill seguito da 10 km di fondo.

L’unico atleta ad averne vinta più di una è Jarl Magnus Riiber, impostosi in ben 5 occasioni. Hanno invece ottenuto 1 singolo successo Mario Seidl, Johannes Rydzek, Vinzenz Geiger e Jørgen Graabak.

Questi atleti sono anche quelli che vantano più podi. La graduatoria delle top-three è infatti capitanata dallo stesso Riiber con 6 (5-1-0). Il norvegese è però tallonato da Rydzek con 5 (1-1-3). Segue Graabak con 4 (1-2-1), mentre si attestano a 3 Geiger (1-2-0) e Seidl (1-0-2). 

Fra chi non ha mai vinto, l’unico a essere salito più di una volta sul podio è Akito Watabe, con 2 piazzamenti nel gotha (0-1-1). Infine vantano 1 presenza fra i migliori Magnus Krog (0-1-0), Ilkka Herola (0-1-0), Fabian Rießle (0-0-1) e Wilhelm Denifl (0-0-1).

Dunque sinora sul podio delle prove con salto su Large Hill hanno sventolato le bandiere di cinque diverse nazioni. In tal senso comanda la Norvegia con 11 (6-4-1). Segue la Germania a 9 (2-3-4). L’Austria è a 4 (1-0-3), mentre il Giappone si trova a quota 2 (0-1-1) e la Finlandia1 (0-1-0).

In casa Italia non sono mai arrivati piazzamenti nella top-ten. Alessandro Pittin vanta quattro ingressi nella top-twenty, con un 12° posto come miglior risultato. Samuel Costa è stato al massimo 21°, piazzamento raggiunto in due occasioni. Il season best di Aaron Kostner è una 22^ posizione, mentre per Raffaele Buzzi è una 27^. Infine Lukas Runggaldier non ha mai superato il taglio su Large Hill.  


PRECEDENTI INNSBRUCK
Il Bergiselschanze è contesto sconosciuto per i combinatisti contemporanei, poiché non vi sono precedenti di alcun tipo. Potrebbero quindi trarre vantaggio gli atleti austriaci, abituati a confrontarsi sull’impianto durante i campionati nazionali.

PALINSESTO TELEVISIVO
La gara sarà trasmessa in diretta televisiva da Eurosport. Il collegamento per il segmento di salto prenderà il via dalle ore 10.00, mentre quello per il segmento di fondo comincerà alle 15.45.

CLICCA QUI PER LA START LIST DELLA GARA

Fra le nazioni di vertice queste sono state le esclusioni in base alle scelte tecniche.

NORVEGIA: Magnus Krog
GERMANIA: Terence Weber
AUSTRIA: Martin Fritz, Lukas Greiderer
GIAPPONE: Aguri Shimizu

L'Italia ha escluso Lukas Runggaldier.

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: