Sci di fondo | 12 marzo 2019

Fondo - Dominio di Maiken Caspersen Falla nella sprint femminile di Drammen

La norvegese si è imposta su Jacobsen e Nepryaeva, che si fa ora minacciosa in classifica generale su Østberg, uscita ai quarti; 16ª Lucia Scardoni, 27ª Greta Laurent

Fondo - Dominio di Maiken Caspersen Falla nella sprint femminile di Drammen

Fantastica doppietta per la Norvegia nella sprint di femminile di Drammen. Maiken Caspersen Falla si è confermata imbattibile, come in occasione del Mondiale, trionfando con un grandissimo rettilineo conclusivo dove ha staccato tutte le avversarie con le sue poderose spinte. Alle sue spalle una bravissima Jacobsen, mentre terza è giunta la russa Nepryaeva, che negli ultimi metri ha superato Nilsson, avvicinando pericolosamente nella classifica generale di Coppa del Mondo a Østberg, uscita ai quarti di finale.

La Finale

In finale Falla ha preso subito la testa seguita da Nepryaeva che ha provato a prenderne le code, insieme a Jacobsen e Nilsson. La campionessa del mondo ha cercato di andare subito in fuga imponendo un ritmo altissimo, seguita da una generosissima Nilsson, che ha provato a resisterle con Nepryaeva. La fitta nevicata scesa all’improvviso ha cambiato le condizioni della pista, così in discesa Nilsson ha scavalcato Falla. Anche sul rettilineo finale la svedese ha provato ad andare a tutta ma Falla ha cambiato il proprio ritmo, confermandosene di essere in gran forma e vincendo con ampio margine. Alle spalle della campionessa del mondo, Jacobsen è riuscita a recuperare su Nilsson e chiudere seconda, mentre la svedese ha dovuto cedere anche a Nepryaeva, giunta terza e a -2 da Østberg in classifica di Coppa del Mondo.

Le altre batterie

Nella prima semifinale Falla ha preso subito la testa sfruttando anche degli ottimi materiali ma nel finale Nilsson ha mostrato una grande condizione andando all’attacco ma non riuscendo a spuntarla sulla norvegese. Alle loro spalle Nepryaeva e Jacobsen, che si sono qualificate alla finale come lucky loser.

Emozionante la seconda semifinale con Stenseth che ha lottato per tutta la gara con Diggins, che ha mostrato dei materiali degni delle norvegesi. Sul lungo rettilineo finale la norvegese è crollata, mentre alla sinistra della statunitense è uscita Anna Svendsen, che ha chiuso alle spalle di Diggins. Terza Dahlqvist e quarta Stenseth crollata negli ultimi dieci metri.

La notizia delle batterie è stata l’eliminazione della leader mondiale Østberg già nei quarti finale. Uscite nelle batterie anche le due azzurre qualificate. Lucia Scardoni ha chiuso al 16° posto, mentre Greta Laurent ha concluso 27ª.

La valdostana è partita subito in testa nella propria batteria, restando davanti fino alla discesa che precedeva il tornantino prima della salita conclusiva. Lì l’azzurra è stata infilata all’interno, ha perso il passo, si è trovata quinta e ha chiuso al sesto posto. Vittoria per Laura Gimmler davanti a Evgenia Shapovalova. Eliminazioni anche per Sundling e proprio Østberg.

Lucia Scardoni è invece giunta terza nella propria battieria, nella quale la svedese Hagstroem è andata subito all’attacco portandosi dietro Diggins, che ha mostrato degli ottimi materiali, mentre Scardoni è rimasta un po’ attardata. L’azzurra ha accelerato nel finale, quando in testa è tornata sotto Dahlqvist che è andata a vincere davanti a Diggins, brava nel finale a respingere il tentativo di rientro da parte proprio di Lucia Scardoni, generosissima ma rimasta un po’ attardata fino al tornantino, arrivata terza.

CLASSIFICA FINALE
1ª M. Falla (NOR)
2ª A. Jacobsen (NOR)
3ª N. Nepryaeva (RUS)
4ª S. Nilsson (SWE)
5ª J. Diggins (USA)
6ª A. Svendsen (NOR)
7ª M. Dahlqvist (SWE)
8ª A. Stenseth (NOR)
9ª L. Gimmler (GER)
10ª A. Lampic (SLO)
Le italiane:
16ª L. Scardoni
27ª G. Laurent

Per la classifica completa: clicca qui

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: