Sport vari | 01 maggio 2019

Dietro il successo dei campioni olimpionici c’è anche il poker

Lo sci e il poker sembrano una coppia improbabile, ma ci sono in realtà diversi sciatori olimpici che ci giocano per migliorare le proprie performance

Dietro il successo dei campioni olimpionici c’è anche il poker

Lo sci e il poker sembrano una coppia improbabile, ma ci sono in realtà diversi sciatori olimpici che ci giocano per migliorare le proprie performance. Il poker non richiede lo stesso tipo di prestazione atletica dello sci, ma c'è una componente mentale in entrambi i giochi che spinge i pokeristi a superare in astuzia i loro concorrenti.  Per questo motivo tantissimi sciatori, compreso anche il nostro Alberto Tomba si sono avvicinati al poker online a soldi veri .

Poiché il poker aiuta a prendere decisioni rapide in poco tempo mettendo da parte la propria emotività risulta un valido alleato per tenere allenata la mente degli atleti fuori dalle piste da sci. Nonostante molti pensino ancora che siano due mondi completamente paralleli, sempre più giocatori si sono avvicinati e si avvicinano al tavolo verde.

Tra gli sciatori più famosi che hanno avuto questa idea di accostare il poker allo sport c’è Alberto Tomba. Più volte il campione ha dichiarato di giocare a carte come divertimento e passa tempo tra una gara e l’altra traendone molti vantaggi.
La sua carriera ai tavoli verdi è nata per caso, grazie al giocatore professionista Luca Pagano che lo ha fatto avvicinare al gioco dopo la conclusione della sua attività di atleta, e nel poker Tomba ha trovato tanti punti in comune con lo sci.

Si tratta infatti di un gioco fatto di psicologia e tanta preparazione mentale, proprio come accade per lo sci dove oltre alla prestazione fisica anche la mente deve essere pronta a dare il meglio di sé. Ovviamente partecipando ai tornei di poker con campioni provenienti da tutto il mondo Alberto Tomba ha potuto ritrovare lo stesso spirito di competizione, concentrazione e voglia di vincere tipico delle gare a cui partecipava. Il campione ha anche prestato il suo volto come testimonial per grandi aziende di gioco e ha sempre devoluto i suoi incassi in beneficenza come del resto hanno fatto altri suoi colleghi atleti.

Come lo sciatore di fondo svedese Marcus Hellner, tre volte vincitore della medaglia d'oro olimpica. Ha iniziato a gareggiare nello sci di fondo all'età di 16 anni e ha frequentato una scuola speciale per allenarsi. Ai Mondiali di sci nordico nel 2007, Hellner ha portato a casa il bronzo. Ha poi gareggiato alle Olimpiadi invernali 2010 a Vancouver, dove ha ricevuto una medaglia d'oro nella corsa di cross-country di 30 km. Hellner ha vinto diverse gare di sci di fondo ed è ancora oggi un nome importante nello sport. Hellner ha imparato a giocare a poker mentre viaggiava per le sue gare di sci. Gli ci sono voluti alcuni anni per affinare le sue abilità, ma ora è riconosciuto come un giocatore di poker oltre che ad un grande campione di sci.

Il poker, come già detto, è molto utile per aumentare la concentrazione ma c’è anche chi come Petter Northug che sfrutta le sue abilità di giocatore per osservare meglio i suoi concorrenti in pista. Grazie a questa sua attitudine di sapere studiare i suoi avversari è riuscito a vincere due medaglie d'oro olimpiche e ha disputato più di nove campionati del mondo. Per lui è sempre stato importante avere degli interessi fuori dalla pista da sci e per questo si è avvicinato al mondo del poker partecipando a grandi tornei come  le WSOP 2010 ( i campionati mondiali di poker per intenderci), dove ha incassato oltre 21 mila dollari nel tavolo finale.

Anche i campioni olimpici David Wise e Nick Goepper hanno tratto molti vantaggi nel giocare a poker. Questa disciplina aiuta a sviluppare una forza mentale che forse ad altri sciatori che non giocano a carte può mancare e non è un caso se tutti questi grandi atleti hanno vinto le Olimpiadi ed altri importanti titoli.

Come è successo anche in altri sport, gli atleti olimpionici non devono concentrare tutto il loro tempo allenandosi ma possono interessarsi a tantissime altre attività, il poker come abbiamo visto può essere una di queste. Forse è solo un caso se questo famoso gioco di carte ha aiutato questi atleti a vincere delle medaglie olimpiche ma una cosa è certa: per avere delle ottime prestazioni fisiche la mente deve essere in ottima forma.

 

ip

Ti potrebbero interessare anche: