Sci di fondo - 14 agosto 2019, 13:42

Fondo - Estate travagliata per Skistad: cambio nel programma di allenamento?

La giovane norvegese ha forse pagato la tanta mole di lavoro: "Ero ansiosa ed affaticata, ora le cose vanno meglio dopo aver fatto qualcosa in meno"

Fondo - Estate travagliata per Skistad: cambio nel programma di allenamento?

È stata fino a questo momento un’estate un po’ travagliata per una delle fondiste norvegesi più promettenti, Kristine Stavås Skistad, oro all’ultimo Mondiale Junior e a un passo dalla medaglia anche in quello senior di Seefeld, quando è caduta a pochi metri dall’arrivo della semifinale, in una gara nella quale aveva dato l'impressione di poter tranquillamente salire sul podio. In quell’occasione le sue lacrime di tristezza, commossero tanti appassionati.

A vent’anni Skistad dovrebbe essere presenza fissa in Coppa del Mondo nelle sprint della prossima stagione, eppure per lei le difficoltà non sono mancate nel corso dell’estate.

A giugno la giovane norvegese era apparsa in grande difficoltà sulla neve a Sognefjellet, sentiva che il suo corpo non stesse rispondendo alla grande mole di lavoro fatta. Qualcosa non stava funzionando, probabilmente la ventenne norvegese stava risentendo degli allenamenti fatti con la squadra nazionale di reclutamento. «Ero un po’ ansiosa e affaticata – ha svelato la norvegese a Dagbladetgli allenatori hanno pensato che il fisico non stesse rispondendo bene alla tante mole di lavoro. Così ho iniziato a fare qualcosa in meno, mi sono calmata e adesso il corpo sta nuovamente rispondendo».

I risultati si sono visti già in occasione del Blinkfestivalen, nel quale Skistad ha chiuso al quarto posto la sprint. La campionessa del mondo junior, però, ha fatto tanta fatica nella mass start di 10km in tecnica libera, dove si è fermata dopo essere stata doppiata, tanto che molti media norvegesi hanno consigliato i tecnici di farla lavorare tanto sulla resistenza.

Il nuovo allenatore della squadra, Torstein Drivenes ha cercato di spiegare la situazione: «È un po’ complicato affermare cosa le sia accaduto. Il corpo non ha risposto a quanto stava facendo. Se è colpa dell’allenamento o di altre cose non possiamo dirlo. Non ha avuto delle fantastiche sensazioni al Blinkfestivalen, ma non potevamo aspettarci qualcosa di diverso dopo quanto accaduto nell’ultimo periodo». L’allenatore ha poi aggiunto: «Ora il corpo sta rispondendo bene e ora torneremo ad attuare il piano che avevamo all’inizio. In questa fase si ha sempre una particolare attenzione quando queste cose accadono così presto, quindi non dobbiamo vederla in una maniera esageratamente drammatica». Drivens non ha escluso quindi un cambio di programma per la sua atleta: «Che possano esserci dei cambiamenti nel programma che abbiamo preparato non possiamo escluderlo. Dobbiamo forse darle un allenamento diverso rispetto alle altre fondiste».

Skistad parteciperà, insieme alle sue compagne, al training camp della squadra élite in quel di Torsby, come previsto nel suo programma, visto che l’atleta è a tutti gli effetti considerata da Coppa del Mondo, avendo un grandissimo talento. Drivens non ha dubbi: «Lei ci sarà, farà il raduno con la squadra élite».

Insomma solo un piccolo campanello d’allarme per Skistad, per sua fortuna a tanti mesi dal via della stagione, quando si ha ancora tanto tempo per cambiare programmazione e lavorare in un modo diverso con l’obiettivo di vederla magari più spesso tra le big della sprint. 

G.C.

Ti potrebbero interessare anche:
SU