Biathlon | 10 settembre 2019

Biathlon - Paulina Fialkova a Ski Nordique: "Obiettivo il podio della generale e una medaglia ad Anterselva"

La slovacca sta preparando al meglio la prossima stagione, dopo un'annata molto positiva nella quale ha un solo rimpianto: "Mi ha fatto veramente male l'errore commesso nell'individuale di Östersund"

Foto dal profilo instagram dell'atleta

Foto dal profilo instagram dell'atleta

Nella passata stagione è stata una delle principali avversarie di Dorothea Wierer e Lisa Vittozzi, chiudendo al sesto posto della classifica generale, sul podio nelle classifiche di specialità individuale e mass start, dopo aver ottenuto sei podi. Paulina Fialkova, che compirà 27 anni il prossimo 25 ottobre, cercherà il prossimo anno di vincere la sua prima gara in Coppa del Mondo, anche perché le brucia ancora quel successo buttato via all'ultimo nell'individuale di Östersund.

Riportiamo un’intervista che la slovacca ha rilasciato a Michael Lentz per il portale francese www.ski-nordique.net (per leggerla in lingua originale, clicca qui).

Paulina Fialkova ha esordito ricordando i tanti bei momenti vissuti nella passata stagione, sottolineandone però in particolare uno: «Un ricordo speciale per me è stato il finale di Nove Mesto na Moravce, dove ho chiuso seconda dopo una grande lotta con Anais (Chevalier) e Doro (Wierer)». Quella passata è stata una stagione veramente positiva per la slovacca: «Come ho detto molte volte, la cosa più importante è essere in salute. L’ho fatto fino alla tappa di Coppa del Mondo ad Oslo. Con un buon tiro sarebbe stato possibile essere tra le prime dieci in tutte le gare. Mi sono sentita bene, specialmente all’inizio della stagione. Mi dispiace solo per lo stato di forma con cui sono arrivata al Mondiale, ho provato a fare il mio meglio ma non è bastato».

Con il ritiro di Kuzmina, Paulina Fialkova è oggi la leader del movimento slovacco: «Questo non cambia nulla nella mia mente, resto me stessa. L’alta richiesta dei media? Fa parte dello sport e del mio lavoro».
Ovviamente il Mondiale dello scorso anno è l’unica nota negativa della sua stagione, così Fialkova è tornata sulle due settimane di Östersund, in particolare su una singola gara che ancora le brucia: «Sicuramente il mio rimpianto più grande è l’individuale dei Mondiali, ho sbagliato l’ultimo colpo e perso così la mia prima vittoria. Mi ha fatto veramente male».

Inutile però guardare indietro, la slovacca ha già in mente gli obiettivi per la prossima stagione: «Gli obiettivi possono cambiare nel corso dell’anno, ma ora penso sia quello di chiudere tra le prime tre della classifica generale e conquistare una medaglia ai Mondiali di Anterselva. Lavoro duro per quello, ma è ancora lontano e non so quale sarà il mio stato di forma a novembre».

Infine il giornalista di Ski-Nordique ha chiesto a Fialkova se Kuzmina tornerà a gareggiare, dal momento che, secondo voci che circolano nell'ambiente, la sua connazionale si starebbe allenando intenzionata a prendere parte soltanto alle staffette. «Non so se si sta allenando o no e nemmeno se gareggerà nelle staffette. Vedremo, anche se è vero che non è più una ragazzina in grado di gareggiare in Coppa del Mondo»

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: