Calendario | 21 dicembre 2019

Biathlon: Eckhoff non si ferma più, terzo successo per Tiril. Grande rimonta per Dorothea Wierer, quarta

Tiril Eckhoff fa tripletta e si prende anche l'inseguimento di Annecy senza mai cedere la prima posizione. Secondo posto per Ingrid Tandrevold che sfila il pettorale giallo ad un'ottima Dorothea Wierer, quarta. Primo podio per Lena Häcki, 15ima Lisa Vittozzi

Tiril Eckhoff - Foto IBU

Tiril Eckhoff - Foto IBU

Si apre il sorriso sul viso di Tiril Eckhoff alla copertura dell'ultimo bersaglio dell'inseguimento di Annecy - Le Grand Bornard. Un sorriso che sa di serenità e consapevolezza, come non può essere altrimenti al terzo successo consecutivo in Coppa del Mondo: inseguimento ad Hochfilzen, sprint ed inseguimento ad Annecy, senza scordare la vittorie in staffetta in Austria che porterebbe a quattro le presenze consecutive sul gradino più alto del podio.

Autorevole ed autoritaria la norvegese, scattata per prima e mai in difficoltà, anche nell'errore: in più occasioni Tiril ha saputo gestire la situazione, controllando e stupendo in lucidità e attenzione. Ulteriore conferma di una nuova dimensione raggiunta dalla vichinga, ora sì davvero grande: sono 9 ora gli acuti, gli stessi di Dorothea Wierer, protagonista poco dietro di una clamorosa rimonta, dal 22imo al quarto posto, una risalita che non è comunque servita per difendere il pettorale giallo di leader della generale, finito sulle spalle dell'altra norvegese Ingrid Tandrevold, seconda alle spalle dell'amica Eckhoff seppur staccata di 38". Due errori per entrambe, con Tandrevold a gestire la seconda piazza dalle avances della svizzera Lena Haecki (2 errori anche per lei) che può così festeggiare il primo podio della carriera.

Solo un errore, nel terzo poligono, per una Dorothea Wierer che ha voluto vendicare la battuta a vuoto di venerdì, una giornata storta che ha lasciato dei segni ma subito digerita e metabolizzata dalla detentrice della Coppa del Mondo, tornata quella delle prime settimane di stagione su tutti i fronti: nella sciata, nella gestione del poligono, nella precisione. Un passaggio a vuoto ci sta, domani nella mass start potrà provare a duellare con norvegesi e francesi per riprendersi la vetta e trascorrere le vacanze natalizie ancora da leader della generale.

Alle spalle dell'azzurra, quinto posto per la padrona di casa Justine Braisaz, incappata in ben 4 errori al pari della tedesca Denise Herrmann che la segue in classifica, con l'altra tedesca Preuss e la bielorussa Kryuko a completare la top 8 di giornata.

Quindicesimo posto quindi per Lisa Vittozzi: tre errori in apertura l'hanno affossata e costretta ad una gara di rincorsa, con un risultato finale importante alla luce delle condizioni in cui è maturato, quarto errore in chiusura incluso. Un copione già visto, per la sappadina che deve ritrovare la giusta sicurezza e fiducia: in tal senso la pausa potrebbe capitare a fagiolo.

Norvegia padrona, seppur in contumacia di Marte Olsbu Røiseland - annunciata - e di Hanna Öberg che non si è presentata al via dopo la faticaccia di ieri. Domani nell'ultimo appuntamento del 2019 saranno tanti gli spunti interessanti in un contesto che vede senza dubbio Eckhoff come la più "on fire" del circuito.

 

La classifica della gara

Luca Perenzoni

Ti potrebbero interessare anche: