Biathlon - 17 febbraio 2021, 16:08

Biathlon - Sturla Holm Lægreid domina la 20km mondiale a Pokljuka. 19° Hofer tornato in piena forma

Regalo di compleanno anticipato per il formidabile tiratore scandinavo. Risveglio Germania con l'argento di Peiffer, bronzo ancora Norvegia con Dale. Troppo fallosi gli azzurri al tiro.

Biathlon - Sturla Holm Lægreid domina la 20km mondiale a Pokljuka. 19° Hofer tornato in piena forma

Sturla Holm Lægreid corona una straordinaria stagione regalandosi l'oro mondiale nella 20km individuale dei Mondiali sloveni di Pokljuka. Il quasi 24enne norvegese, che compirà gli anni il 20 febbraio, è stato semplicemente perfetto al tiro mostrando una sicurezza disarmante su tutti i quattro poligoni, completati col miglior tempo del lotto, arma che gli ha permesso di compensare una condizione non perfetta sugli sci. La vittoria odierna vale anche come 5° successo in stagione e carriera.

Dopo i dolori delle prime sei gare del programma, si è aggiunta al medagliere anche la Germania con il veterano Arnd Peiffer, campione mondiale di questa gara nel 2019, che con quattro serie perfette è giunto a 16"9 dal vincitore. Lægreid è crollato nel giro finale, ma una prima parte di gara di buon livello sugli sci gli ha lasciato un buon margine di vantaggio, sufficiente per impedire al tedesco di tornare in corsa per l'oro.

Gli uomini norvegesi portano a casa la doppia medaglia con il bronzo a 40"9 dell'altro super talento classe '97 Johannes Dale, autore di un eccellente 3° tempo sugli sci, ma rallentato dall'unico errore nella terza serie di tiro. 

Enorme delusione di giornata per due dei grandi favoriti. Il francese Quentin Fillon Maillet, 4°, è stato il 2° più rapido sugli sci, ma questo non è bastato con i due minuti di penalità accumulati con gli errori equamente distribuiti nelle serie centrali. 5° posto amaro andato a Johannes Thingnes Bø, finora con un magro bottino mondiale individuale di un bronzo, più veloce sugli sci di chi lo ha preceduto di 10"9 con gli stessi errori ma più lento al poligono e battuto di 6 decimi nel giro finale. 

Per completare, spettacolare gara del giovane russo Said Karimulla Khalili, 6°, che si è conquistato un pettorale per la mass start con l'enplein al tiro; 7° il solito austriaco Simon Eder con un errore al terzo poligono; 8° e 10° Benedikt Doll, con due bersagli mancati, e Roman Rees, con uno, protagonisti del riscatto tedesco; fra loro si è inserito in 9^ piazza l'ucraino Artem Pryma, che ha commesso l'unico errore di gara all'ultimo poligono.

Giornata estremamente complicata al poligono per la squadra azzurra. Le scelte avevano fatto discutere poiché l'esclusione di Thomas Bormolini rischiava di privarlo della gioia della qualificazione alla prima mass start della carriera. L'azzardo non ha pagato in termine di risultato, ma almeno il pettorale per il livignasco nell'ultima gara del mondiale è stato salvato.

Il migliore è stato come al solito Lukas Hofer (1+0+1+2) 19°, ritrovato completamente sugli sci con il 4° tempo di giornata nel fondo a 21"4 da JTB. Non hanno conseguito punti gli altri azzurri: 45° Dominik Windisch (1+3+1+0), veloce sugli sci col 7° tempo di giornata, 60° Didier Bionaz (0+2+0+2), 71° Tommaso Giacomel (1+1+2+2).

Vedremo nei prossimi giorni che decisioni verranno prese per la staffetta. Intanto, domani si gareggerà nella gara a coppie, detta Single Mixed, alla quale dovrebbero partecipare Dorothea Wierer e Lukas Hofer.

La classifica completa dell'individuale mondiale

Davide Bragagna

Ti potrebbero interessare anche:

SU