Sci di fondo - 02 aprile 2021, 12:03

Sci di Fondo - Underup festeggia la fine della sua quarta stagione: "Con tanto entusiasmo pianifichiamo già la prossima"

La società bergamasca del presidente Pellegrinelli si è tolta tante soddisfazioni, con cinque podi Under 23 ed uno assoluto in Coppa Italia, ma soprattutto la stima di tutto l'ambiente

Sci di Fondo - Underup festeggia la fine della sua quarta stagione: "Con tanto entusiasmo pianifichiamo già la prossima"

Si è conclusa la quarta stagione dell'Underup Ski Team Bergamo, società nata nel 2017 che rappresenta una bellissima realtà dello sci di fondo italiano. L'obiettivo del sodalizio del presidente Giuseppe “Manfri” Pellegrinelli aiuta quegli Under 23 che appena usciti dai rispettivi Comitati di appartenenza non sono riusciti a trovare posto in nazionale, oppure rientrare tra i fondisti aggregati o arruolati nei Centri Sportivi. Diversi atleti hanno quindi avuto l'opportunità di proseguire la propria attività grazie alla società bergamasca, che tra mille sacrifici, non si è mai fermata anche nell'anno della pandemia.

I risultati hanno ripagato lo sforzo in quanto in stagione la società bergamasca si è tolta tante soddisfazioni. Soddisfazioni sono arrivate fino alla fine, anche a Passo Cereda, con Davide Mazzocchi miglior civile nella 15 km in classico, giunto poi secondo nella classifica generale della Coppa Italia Civili (atleti non facenti parte dei corpi sportivi, ndr), vinta da Alberto Piasco (Valle Stura).

«È stata la prima gara lunga per i nostri ragazzi - è scritto nella Newslettere inviata da Underup - ben 30km per le donne e 50km per gli uomini, su un percorso nervoso, difficile, saliscendi da 10km da percorrere cinque volte; una sorta di granfondo dai diversi contenuiti con i nostri ragazzi che nonostante le crisi han portato a termine la competizione, svuotati ma felici di aver sperimentato anche questa lunghezza di gara».

La stagione 2020/21 ha regalato tante soddisfazioni, dal momento che in Coppa Italia sono arrivati ben cinque podi nella categoria Under 23 per Alessia De Zolt, Davide Mazzocchi, Luca Compagnoni, Michaela Patscheider e Maria Eugenia Boccardi. Quest'ultima è riuscita a regalare all'Under Up anche il primo podio assoluto, giungendo terza nella 10 km in classico di Tarvisio, un risultato che ha fatto felice e motivato tutto il team.
 
Ma oltre ai risultati sportivi, Underup è anche e soprattutto passione ed amicizia, quella che porta a citare col nome proprio gli atleti nei comunicati e non far mancare mai quei sorrisi che devono essere una prerogativa di uno sport bellissimo come lo sci di fondo. Proprio per questo, oltre che per i suoi risultati, il lavoro della società del presidente Pellegrinelli è molto apprezzato Nella newsletter di fine stagione, è arrivata anche quella conferma che tutti speravano: «A Passo Cereda c'è stata anche l'occasione di salutare tanti amici e dirigenti del circo bianco e ricevere da loro graditissimi apprezzamenti per quanto fatto dal nostro Team, oltre a richieste di nuove adesione per giovani atleti.
I titoli di coda son di certo riservati ai ringraziameti a tutti coloro che hanno contribuito quest'anno al progetto Underup, a partire dagli Alteti, Dirigenti, Ski-man, Allenatori, Massaggiatori, Accompagnatori e Partners e a tutti i supporter che da casa tengono vivo l'interesse e non mancano di portare il loro contributo all'iniziativa.
Il gruppo è unito, complice e motivato, situazione ideale per pianificare con serenità il futuro del nostro Progetto, la nostra quinta stagione; siamo ancora alle elementari con tanto da imparare, sperimentare e conoscere ma con la volontà di farlo, spinti dal coinvolgente entusiamo dei ragazzi che ripaga dell'impegno assunto.
 Un augurio che il calvario pandemico possa chiudersi al più presto, portando una Pasqua di rinascita mai così necessaria e attesa»
.

Insomma dal messaggio una certezza: Underup sarà al via anche il prossimo anno, perché questo progetto si sta rivelando sempre più azzeccato e sta continuando a crescere grazie alla passione di chi ci ha sempre creduto. È bello trovare chi ha il coraggio di energie risorse ed energie nello sci di fondo. Un esempio da seguire.

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche:

SU