Sci di fondo - 15 agosto 2022, 10:33

Sci di Fondo - Il dolore di Hattestad: "Hana Mazi Jamnik era il nostro raggio di sole"

Credit: Sloski

Credit: Sloski

Un dolore enorme, difficile da mandare cacciare. Ad alcuni giorni di distanza dal tragico incidente che ha portato alla scomparsa della giovane fondista slovena Hana Mazi Jamnik, investita da un furgone dentro un tunnel, mentre si allenava sugli skiroll, l'allenatore della squadra slovena, l'olimpionico norvegese Ola Vigen Hattestad ha parlato per la prima volta di quanto accaduto.

L'ex atleta ha fatto trascorrere qualche giorno prima di rispondere alle domande di NRK, ancora preso dal dolore di questa tragica scomparsa prematura. Hattestad ha raccontato quanto accaduto in quella orribile mattina. Come succede spesso, gli allenatori si sono fermati in determinati punti lungo il percorso, filmando il passaggio della squadra. «Dopo poco il gruppo ha iniziato ad allungarsi, come accade spesso quando siamo fuori sugli skiroll, la distanza tra le atlete aumenta rapidamente».

In quel momento, Hana Mazi Jamnik era ancora nel gruppo, pur stando un po' indietro. Gli allenatori hanno superato la squadra dopo che gli atleti erano passati e hanno aspettato più avanti per un altro passaggio. Per prima cosa, tre atleti sono passati dove erano loro, poi tutto il resto del gruppo, tranne Hana.
Poi hanno sentito le sirene. Gli allenatori si sono girati e sono tornati da dove erano arrivati ​​gli atleti. Lì hanno visto la scena dell'incidente e un mezzo di elisoccorso. «È stato terribile» ha affermato Hattestad.

L'allenatore ha voluto ricordare così la diciannovenne: «Hana era un raggio di sole per la nostra squadra. Era la più giovane del gruppo, aveva solo 19 anni, ma mostrava un'enorme attenzione per gli altri». Hattestad ha sottolineato che Jamnik era sempre allegra e di buon umore, era capace di interrompere anche i momenti di cattivo umore all'interno del gruppo attraverso una semplice battuta che faceva ridere i compagni e le compagne. 

«Gli ultimi giorni sono stati duri - ha ammesso Hattestad - sto ancora attraversando un periodo difficile».

La squadra di Jamnik era quindi venuta a sapere che la compagna aveva avuto un incidente, ma non quanto fosse grave. Gli allenatori, che avevano visto la scena dell'incidente, avevano presto capito la sua portata. «È chiaro che, quando hanno ricevuto il messaggio che se n'era andata, è stato un vero shock - ha raccontato Hattestad - abbiamo passato tutto il giovedì tra un sacco di lacrime». 

Ora gli atleti sono tornati in Slovenia. «Noi allenatori siamo ancora qui in Norvegia - ha spiegato Hattestad - principalmente per aiutare la famiglia con una serie di cose pratiche che devono essere fatte. Non so quando torneremo, forse la prossima settimana, allora il nostro ruolo sarà di nuovo quello di provare a prenderci cura degli atleti. E poi lasciamo passare il tempo. Non sappiamo davvero come saranno le prossime settimane, ciò che ci aspetta nei prossimi mesi. Ciò di cui abbiamo parlato nel team è che Hana sarà ancora con noi: la sua natura contagiosa e il suo atteggiamento positivo».

Difficile ora pensare alla stagione: «In questo momento, l'allenamento e i risultati non sono la cosa più importante. Ci vorrà del tempo e sarà dura andare avanti».

 

G.C.

Ti potrebbero interessare anche:

SU