Olimpiadi - 20 ottobre 2023, 12:40

Putin: "La partecipazione ai Giochi non è più un diritto, ma un privilegio". La risposta del CIO: "Abbiamo reagito alla violazione della Carta Olimpica"

Putin: "La partecipazione ai Giochi non è più un diritto, ma un privilegio". La risposta del CIO: "Abbiamo reagito alla violazione della Carta Olimpica"

Nella giornata di ieri, il presidente russo Vladimir Putin ha accusato il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) di "discriminazione etnica" contro gli atleti del suo Paese e di utilizzare i Giochi Olimpici come "strumento di pressione politica". I commenti di Putin sono arrivati ​​in un discorso pronunciato oggi a Perm, come riportato dall'agenzia di stampa ufficiale statale russa TASS.

La maggior parte delle Federazioni internazionali ha aderito alle raccomandazioni del CIO, portando gli atleti provenienti da Russia e Bielorussia a partecipare come neutrali ai Campionati del mondo. Tuttavia, il Comitato Olimpico deve ancora prendere una decisione sulla partecipazione russa e bielorussa a Parigi 2024.

Putin ha sostenuto che le condizioni dettate da Bach e soci fossero a dir poco discriminatorie. "I Giochi stessi possono essere usati come strumento di pressione politica contro persone che non hanno nulla a che fare con la politica". Presidente russo che ha ribadito che, secondo lui: "Alcuni funzionari sportivi si sono arrogati il ​​diritto di determinare a chi si applica la Carta Olimpica e a chi no. Tali approcci contraddicono la natura stessa dello sport" ha spiegato.

Il CIO ha fermamente respinto tutte le affermazioniaffermando che la partecipazione alle Olimpiadi non è un diritto umano. "La partecipazione ai Giochi Olimpici non è affatto un diritto umano e la recente modifica della Carta Olimpica non è collegata ad esso", ha affermato il CIO nella sua dichiarazione. "Le rigorose condizioni che il CIO ha definito e a raccomandato alle Federazioni Internazionali per la partecipazione di atleti neutrali con passaporto russo o bielorusso sono conformi alla Carta Olimpica". "Sono una reazione alla violazione della Carta Olimpica da parte dei governi russo e bielorusso. Respingiamo fermamente le accuse secondo cui queste misure costituiscono una 'discriminazione etnica".

Putin ha tirato in ballo inoltre, l'organizzazione dei Giochi BRICS, che vengono visti come un potenziale rivale delle Olimpiadi. BRICS è un’alleanza politica composta da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa. Il controverso evento multisportivo si svolgerà dal 12 al 23 giugno del prossimo anno a Kazan, poco più di un mese prima dell'inizio delle Olimpiadi di Parigi il 26 luglio. La Russia ha sottolineato che i Giochi BRICS non sono un’alternativa alle Olimpiadi e Putin ha insistito sul fatto che il suo Paese resta fedele ai principi olimpici. "La nostra grande famiglia sportiva multinazionale è messa alla prova per quanto riguarda la coesione, la lealtà ai veri valori dello sport, i principi olimpici di solidarietà, uguaglianza e competizione sportiva leale", ha affermato Putin.

Lorenzo Menichetti

Ti potrebbero interessare anche:

SU