Salto - 31 ottobre 2023, 18:30

Salto con gli sci - Giovanni Bresadola è fiducioso per la stagione alle porte: "Essere con Cecon e Insam dopo sole due settimane è positivo"

Salto con gli sci - Giovanni Bresadola è fiducioso per la stagione alle porte: "Essere con Cecon e Insam dopo sole due settimane è positivo"

L’infortunio a Courchevel, nella primissima tappa di Grand Prix, ha scombinato i piani per la preparazione estiva di Giovanni Bresadola. L’azzurro, che ha passato quindi i mesi di agosto e settembre a riprendersi, è tornato ad allenarsi e saltare poche settimane fa. Lo scorso sabato, nel corso dei Assoluti Italiani di Salto e Combinata, ha conquistato il secondo gradino del podio alla sua prima uscita ufficiale dopo lo stop.

Fondo Italia ha sentito il 22enne del CS Esercito in questi giorni, per fare un punto della situazione sulla sua salute, sulle sensazioni provate nell’indossare di nuovo un pettorale di gara dopo così tanto tempo e le sue attese in vista dell’imminente avvio di stagione a Ruka a fine novembre.

 

Giovanni, come stai e come procede il recupero?

«Abbastanza bene, il ginocchio mi da molti meno problemi, a saltare e in allenamento non ho fastidi, giusto un po’ quando vado ad accucciarmi o se vado un po’ lungo e atterrando con un impatto più forte da un po’ più fastidio, in particolare nelle ultime sedute a fine raduno, ma per il resto va abbastanza bene» 

In queste settimane siete stati in giro su diversi trampolini. Com’è andata? C’è qualcosa in particolare su cui hai lavorato?

«Sono riuscito a saltare, iniziando a Predazzo dal HS60, poi siamo stati un paio di giorni a Stams e poi Oberstdorf per poi scendere a Villach per i Campionati Italiani. Pian piano sto cominciando a ritrovare la fiducia e ovviamente è lunga star fermi due mesi e mezzo, serve ancora un po’ di tempo.»

Sabato hai partecipato alla tua prima gara dopo l’infortunio. È andata come ti aspettavi?

«Diciamo che sono in parte soddisfatto e in parte deluso, nel senso che quando partecipi ad una gara, vai per vincere. I salti che ho fatto in settimana erano leggermente migliori, rispetto a quelli che ho fatto in gara, ma d’altro canto sono abbastanza soddisfatto perché sia Alex (Insam) che Francesco (Cecon) quest’estate hanno fatto dei buoni risultati e quindi essere lì con loro dopo sole due settimane che salto è positivo.»

Quali sono le aspettative per l’inverno dopo lo stop che hai avuto?

«Al momento sono abbastanza fiducioso, dipenderà un po’ da come evolve la situazione del ginocchio. Difficile da dire adesso perché manca ancora un po’ di tempo e spero comunque di fare dei progressi. Al momento non ho ancora degli obiettivi chiari però penso sicuramente che per l’inverno qualcosa salterà fuori»

I prossimi step?

«Andremo a Garmisch a partire dal 3 novembre per continuare la preparazione, poi molto probabilmente faremo un raduno a Planica e infine andremo a Ruka qualche giorno prima delle gare per provare il trampolino e fare i primi salti sulla neve»

Federica Trozzi

Ti potrebbero interessare anche:

SU