Combinata | sabato 13 gennaio 2018

Germania davanti a tutti dopo il salto della team sprint della Val di Fiemme

Le due squadre teutoniche (Geiger-Frenzel e Riessle-Rydzek) si sono dimostrate le più competitive sul trampolino di Predazzo, vista anche l'assenza dei big norvegesi. Squadre azzurre italiane attardate, scatteranno con oltre 3 minuti di distacco

Germania davanti a tutti dopo il salto della team sprint della Val di Fiemme

In mattinata è andato in scena sul trampolino di Predazzo, in Val di Fiemme, il segmento di salto della prima team sprint stagionale. Si è distinta la Germania, che ha fatto segnare i due migliori punteggi con le due squadre schierate, che si candidano così come favorite per la vittoria finale.

Ha chiuso in testa Germania II, formata dalla coppia Vinzenz Geiger ed Eric Frenzel. È stato il più giovane a fare la differenza con un ottimo salto da 131.5 m corredato da elevate valutazioni stilistiche. Ha fatto il suo anche il detentore della Sfera di Cristallo, arrivando a 126 m, seppur sia lontano dalla miglior forma sul trampolino.

Seconda posizione per Germania I di Fabian Riessle e Johannes Rydzek, che scatteranno con un distacco di 15’’ dai connazionali. I due hanno trovato buoni salti da 127 m e 129 m, ma è mancato qualcosa da parte del bavarese, che aveva dimostrato di avere maggior margine nei salti effettuati in questi giorni.

Complessivamente i teutonici si sono dimostrati i più competitivi sul trampolino, ma va rimarcato come la Norvegia non abbia schierato le prime linee, ovvero i quattro atleti che nella gundersen di ieri avevano chiuso nella top ten: Jørgen Graabak, Jan Schmid, Espen Andersen e Jarl Magnus Riiber.

Terza posizione parziale per il Giappone I dei fratelli Watabe, con il maggiore Akito incappato in un salto non brillante, 123.5 m, anche a causa del mezzo metro alle spalle trovato. I nipponici prenderanno il via  a 17’’ precedendo di un paio di secondi Austria II, composta da Lukas Greiderer e Franz-Josef Rehrl. Lo stiriano è stato protagonista del miglior salto di giornata, avendo raggiunto 133.5 m.

Posizione di partenza interessante per Finlandia I, che proverà a lottare per il podio dal momento che il ritardo è di 27’’ e la coppia Ilkka Herola - Eero Hirvonen ha dimostrato di avere buona qualità sugli sci stretti. Giappone II (Takehiro Watanabe - Go Yamamoto) è l’ultima nazione ad avere contenuto il distacco sotto al minuto (36’’).

Settima piazza per Francia II a 1’11’’, con il rientro in gara dopo l’infortunio di Jason Lamy Chappuis, in coppia con Maxime Laheurte. Nei secondi successivi scatteranno due nazioni che schierano ottimi fondisti: Norvegia (Mikko Kokslien - Magnus Moan) e Austria II (Bernhard Gruber - Lukas Klapfer).

Decimi al via a 1’24’’ gli Stati Uniti dei fratelli Fletcher, che saranno seguiti a ruota da Finlandia II (Hannu Manninen - Arttu Mäkiaho). Più attardata a 1’56’’ Francia I, con Antoine Gérard e Francois Braud autori di salti difficili.

Il distacco delle due squadre azzurre è ancora più pesante: Italia II (Armin Bauer - Aaron Kostner) partiranno a 3’11’’, seguiti dopo 6 secondi da Italia I (Raffaele Buzzi - Alessandro Pittin). Il migliore nel salto tra questi è stato il più giovane del lotto, atterrato a 115 m.

Il segmento di fondo andrà in scena questo pomeriggio alle 15.45.

Clicca qui per i risultati completi.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: