Combinata | domenica 21 gennaio 2018

Grande superiorità della Norvegia nel salto del team event di Chaux-Neuve

I norge partiranno con oltre un minuto di vantaggio sulla Finlandia. Più attardate Francia e Germania, mentre la gara dell'Austria è stata compromessa da una squalifica

Grande superiorità della Norvegia nel salto del team event di Chaux-Neuve

Si è da poco concluso nella località transalpina di Chaux-Neuve il segmento di salto della gara a squadre di combinata nordica. Le condizioni meteo sono apparse inizialmente estremamente complesse, con gli atleti della prima rotazione abbastanza in difficoltà, anche a causa di un gate di partenza basso. La direzione gara è poi corsa ai ripari alzando la stanga di partenza, così la situazione è poi migliorata e si è potuto assistere ad una competizione più spettacolare.

Come da pronostico davanti a tutti c’è la Norvegia, composta da Jørgen Graabak, Espen Andersen, Jarl Magnus Riiber e Jan Schmid, riuscita a infliggere pesanti distacchi alle nazioni avversarie. Infatti tutti i componenti del quartetto si sono espressi al meglio, trovando salti molto competitivi seppur con condizioni diverse.

La Finlandia scatterà dalla seconda posizione, ma con un distacco di 1’03’’. Il team finnico infatti è stato decisamente più incostante, con Eero Hirvonen e Ilkka Herola autori di buoni salti, mentre Arttu Mäkiaho e Leevi Mutru hanno perso molto terreno, riuscendo però a difendersi abbastanza bene alla luce delle loro caratteristiche.

Terza la Francia padrona di casa, che partirà però molto attardata rispetto ai norge, con 1’37’’ di ritardo. Nessuno tra Francois Braud, Jason Lamy Chappuis, Antoine Gérard e Maxime Laheurte è infatti riuscito a fare la differenza, anzi hanno perso in ciascuna rotazione.

Hanno comunque preceduto una delusa Germania, affossata da un salto deludente di Vinzenz Geiger. Dopodiché Eric Frenzel e Fabian Riessle non hanno recuperato nulla rispetto alla Norvegia, mentre è stato nettamente migliore Johannes Rydzek. Il distacco di 1’43’’ pare però troppo ampio per poter impensierire gli scandinavi, mentre il podio è ampiamente alla portata.

Quinta piazza a 2’11’’ per il Giappone, con i soli fratelli Watabe riusciti a trovare salti competitivi. Saranno seguiti dalla Polonia e dall’Austria, la cui gara è stata compromessa dalla squalifica per tuta irregolare del quarto componente. La squadra Rot-Weiß-Rot infatti aveva condotto una gara eccellente, che la poneva seconda a soli 29’’ dalla Norvegia, dal momento che Franz-Josef Rehrl, Lukas Klapfer, Bernhard Gruber e Wilhelm Denifl hanno trovato quattro salti di grande qualità. Invece partiranno settimi a 3’17’’, con le speranza di entrare nella top 3 ridotta al lumicino.

Fanalino di coda l’Italia, che prenderà il via a 4’05’’. Hanno trovato buone prestazioni Raffaele Buzzi ed Aaron Kostner, mentre Armin Bauer ed Alessandro Pittin hanno realizzato salti difficili.

Il segmento di fondo inizierà alle ore 15.

Clicca qui per i risultati completi.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: