Combinata | sabato 03 marzo 2018

Salta il banco nella team sprint di Lahti: vince l’Austria di Denifl e Gruber

I veterani hanno permesso all’Austria di archiviare il primo successo stagionale, precedendo Norvegia e Finlandia

Salta il banco nella team sprint di Lahti: vince l’Austria di Denifl e Gruber

Oggi giornata dedicata alla team sprint di combinata nordica a Lahti, dove finalmente l’Austria è riuscita a raccogliere il primo successo stagionale grazie alla coppia di veterani Wilhelm Denifl e Bernhard Gruber.

In mattinata è stato disputato il segmento di salto in cui aveva avuto la meglio il secondo duo austriaco, formato da Lukas Greiderer e Franz-Josef Rehrl. I venticinquenni avevano infatti realizzato due salti di grande qualità, atterrando rispettivamente a 127.5m e 130m. In particolare è stato il secondo a riuscire a fare la differenza, soprattutto grazie alla fortuna di aver saltato molto prima rispetto ai diretti avversari, trovando così vento nullo.

Infatti durante la seconda rotazione c’è stato un problema con il sistema di misurazione che ha portato ad un’interruzione di 20 minuti dopo soli 9 salti. Nel momento in cui è ripresa la gara però erano cambiate le condizioni meteo, con il vento che ha iniziato a soffiare alle spalle degli atleti soprattutto sul dente. La direzione gara inoltre ha deciso di proseguire dal medesimo gate, così facendo tutti coloro che hanno saltato dopo hanno faticato oltremodo.

Alle spalle di Austria II a 25’’ si è così posta la Norvegia I di Jørgen Graabak e Jan Schmid, entrambi competitivi alla luce delle rispettive condizioni trovate. Si è difesa anche Finlandia I di Ilkka Herola ed Eero Hirvonen, partita 37’’ dopo i leader, seguita appena un secondo dopo da Austria I (Gruber - Denifl) e Giappone II (Taihei Kato – Go Yamamoto).

Attardati invece i due team teutonici che avevano dominato l’unico precedente stagionale in questo format. Germania I è scattata a 1’04’’ in quanto all’ottimo salto di Johannes Rydzek è seguito uno mediocre di Fabian Riessle. Ancora più indietro Germania II a 1’28’’, con due prove opache da parte di Vinzenz Geiger ed Eric Frenzel.

Nel segmento di fondo del pomeriggio a metà gara è avvenuto il ricongiungimento in testa tra i due team austriaci, Finlandia I e Norvegia I, mentre alle loro spalle anche Germania I ha tentato di tornare sotto, ma non è stata sufficiente la prova pimpante di Rydzek, che ad ogni tornata guadagnava terreno, ma il suo sforzo è sempre stato vanificato dall’opaco Riessle, che perdeva quando era il suo turno.

Nell’ultima tornata per i primi frazionisti il norvegese Schmid e il finlandese Hirvonen sono riusciti a prendere il largo rispetto ai due austriaci, dando il cambio a Graabak e Herola con 10’’ di margine. Questi ultimi non si sono risparmiati, ma nel frattempo Gruber si è superato, andando pian piano a recuperare lo svantaggio.

Sull’ultima salita il finlandese ha tentato l’attacco, ma nello scollinamento formato da una curva a gomito si è sbilanciato cadendo a terra. In questo modo Herola ha perso tempo imboccando la discesa da fermo, rallentando anche l’azione di Graabak, mentre Gruber si è riagganciato esattamente in quel frangente. I pochi metri persi sono stati fatali per il finnico, che non è più riuscito a rientrare ed è arrivato sul traguardo in terza piazza. Nel frattempo davanti Graabak ha tenuto la prima posizione per tutta la discesa, con Gruber sulle sue code. L’austriaco ha poi affiancato il norge in uscita dell’ultima curva, riuscendo a sopravanzarlo in volata.

In quarta piazza è giunta Austria II, seguita da Germania I. Altra volata vincente per Geiger, che ha portato Germania II alla 6^ moneta battendo Norvegia II (Espen Andersen – Mikko Kokslien) e Francia I (Francois Braud – Antoine Gérard). La top ten è stata infine completata dal secondo team di casa, Finlandia II (Arttu Mäkiaho – Hannu Manninen), e da Polonia I (Adam Cieslar – Pawel Slowiok).

Subito dopo sono giunti i due team nipponici orfani di Akito Watabe, che si è preso un turno di riposo nella giornata odierna, davanti all’Italia di Raffaele Buzzi e Alessandro Pittin, attestatasi in 13^ piazza, dopo aver rimontato sei posizioni sugli sci stretti.

Domani andrà in scena una gundersen con il salto alle ore 10 e il fondo alle 14.45.

LAHTI – TEAM SPRINT
1. AUSTRIA I (Denifl, Gruber) 32’30’’6
2. NORVEGIA I (Schmid, Graabak) a 0’’8
3. FINLANDIA I (Hirvonen, Herola) a 2’’1
4. AUSTRIA II (Rehrl, Greiderer) a 30’’3
5. GERMANIA I (Rydzek, Riessle) a 1’22’’9
6. GERMANIA II (Frenzel, Geiger) a 1’37’’9
7. NORVEGIA II (Andersen, Kokslien) a 1’37’’9
8. FRANCIA I (Braud, Gérard) a 1’39’’6
9. FINALNDIA II (Mäkiaho, Manninen) a 1’58’’2
10. POLONIA I (Cieslar, Manninen) a 1’58’’3
Clicca qui per i risultati completi.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: