Combinata | domenica 25 marzo 2018

Jarl Magnus Riiber si aggiudica l’ultimo segmento di salto della stagione a Schonach

Il norge partirà davanti a tutti inseguito dai fratelli Watabe: Akito a 9’’ e Yoshito a 54’’. Buona posizione di partenza per Fabian Riessle a 58’’

Jarl Magnus Riiber si aggiudica l’ultimo segmento di salto della stagione a Schonach

Questa mattina è iniziato a Schonach l’ultimo appuntamento stagionale con la Coppa del Mondo di combinata nordica, riservato ai migliori 30 della classifica generale. Il segmento di salto è stato disputato su due serie e davanti a tutti hanno terminato due atleti più competitivi in questa componente quest’inverno, ovvero Jarl Magnus Riiber  e Akito Watabe.

Il norvegese è stato il migliore nella prima manche, andando ad atterrare a 101.5 metri, senza però riuscire ad effettuare una buona genuflessione, in quanto c’è stata una spigolata molto evidente che gli ha fatto perdere terreno nella componente stilistica. Nella seconda serie Riiber si è spinto moto più in là, arrivando a 107m, superando di un metro l’HS. Ha però avuto nuovamente problemi sull’appoggio del telemark, perdendolo subito. Basse valutazioni dei giudici hanno fatto sì che Akito Watabe si sia avvicinato e partirà appena 9’’ dopo il norge. Il nipponico ha trovato due salti competitivi da 97m e 102.5m, con il secondo che ha spostato gli equilibri in quanto effettuato con vento meno favorevole rispetto a Riiber.

Terza posizione a 54’’ per il fratello minore Yoshito Watabe, che ha fatto segnare 100m e 97.5m, tallonato da vicino dal teutonico Fabian Riessle (58’’). L’atleta di casa si è prima difeso nella prima serie, toccando 95.5m con vento complesso, mentre nella seconda manche ha pescato un grandissimo jolly, trovando vento frontale in uscita dal dente che gli ha fatto mantenere grande quota e si è così spinto fino a 100m.

Franz-Josef Rehrl scatterà dalla 5^ piazza a 1’05’’, autore del primo salto più lungo con 103m, ma partendo da gate più alto. Non sarà comunque semplice per lui chiudere il gap dal più giovane dei Watabe e dal tedesco. Gli altri avversari partono decisamente più attardati: il francese Maxime Lahuerte a 1’26’’, precedendo il trio austro-finlandese Eero Hirvonen, Bernhard Gruber e Lukas Greiderer a 1’38’’.

Come ieri le condizioni meteo sono state complesse e non sono risultate uniformi nel corso della competizione, penalizzando così molti atleti. Prenderanno il via indietro i norvegese Jørgen Graabak (1’52’’), Espen Andersen (2’05’’) e Jan Schmid (2’20’’), ma peggio ancora è andata ai tedeschi, con i quali si contenderanno la Coppa per nazioni. Oltre a Riessle infatti il solo Manuel Faisst (1’44’’) ha una posizione discreta, mentre sono più attardati Eric Frenzel (2’20’’) e Johannes Rydzek (2’30’’). Potranno comunque risultare decisive anche le posizioni finali dei vari Björn Kircheisen, Magnus Krog, Terence Weber, Vinzenz Geiger e Magnus Moan, che partiranno nelle retrovie. Trentesimo ai nastri di partenza l’azzurro Alessandro Pittin a 4’34’’, autore di due salti difficili.

Il segmento di fondo da 15km avrà luogo alle ore 13.

Clicca qui per i risultati completi del salto.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: