Salto | 17 febbraio 2019

Prosegue il periodo d’oro di Maren Lundby: è suo anche il successo in gara due ad Oberstdorf

La norvegese ha archiviato il 9° successo nelle ultime 11 gare e vede sempre più vicina la Sfera di Cristallo. Un’eccellente Juliane Seyfarth ha chiuso in piazza d’onore, mentre Sara Takanashi è terza. Ancora buona prova per l’azzurra Lara Malsiner (12^)

Credits photo Michele Dardanelli

Credits photo Michele Dardanelli

Dopo un inizio di stagione non scintillante, Maren Lundby ha iniziato ad inserire le marce alte nel mese di gennaio e non si è più fermata. Oggi ad Oberstdorf è andata in scena la 17^ gara della Coppa del Mondo 2018-19 di salto femminile: la Sfera di Cristallo è sempre più vicina a ritornare in Norvegia per il secondo anno consecutivo, dal momento che la ventiquattrenne scandinava sembra non avere nessuna intenzione di interrompere un filotto di risultati incredibili. Con il netto successo odierno è salita a 9 vittorie stagionali, ottenute nelle ultime 11 gare.

Appena ventiquattr’ore fa Lundby si era imposta con un margine davvero minimo, mentre quest’oggi ha messo quasi 10 punti tra se e l’avversaria più vicina, Juliane Seyfarth. Sicuramente la tedesca ha dato filo da torcere, portando la competizione per la prima volta nel weekend oltre i 130m. Nella prima manche la prossima ventinovenne di Ruhla infatti si è spinta fino a 132m, ma la norge ha risposto alla grande andando ad atterrare a 135m. Il copione si è ripetuto anche nel momento decisivo: Seyfarth si è migliorata con un eccellente 135m a cui ha replicato Lundby con una prestazione da 135.5m, nuovo record del trampolino in campo femminile.

Nessun’altra atleta è stata in grado di rivaleggiare con le prime due, che hanno così chiuso con vantaggio enorme sul resto della concorrenza. Sull’ultimo gradino del podio, ma staccata di oltre 40 lunghezze dalla vincitrice, è salita Sara Takanashi. La nipponica si è dimostrata la più costante tra le saltatrici in lotta per la terza posizione, realizzando due salti rispettivamente da 122.5m e 124m – al cambio è sempre atterrata oltre 10 metri prima rispetto a Lundby e Seyfarth. Nella prima parte di gara la ventiduenne era preceduta da Katharina Althaus e Chiara Hölzl, arrivate a 128m e 125m, ma entrambe non sono riuscite a ripetersi. La tedesca ha limitato meglio i danni finendo 4^ con un salto da 120.5m, mentre molto peggio è andata all’austriaca, finita addirittura fuori dalla top ten in 11^ piazza dopo un salto molto debole da 112.5m.

Miglior risultato stagionale per la giapponese Yuki Ito, oggi 5^, non lontana dalla connazionale Takanashi dal momento che sono state divise da soli 3 punti. Alle sue spalle si è attestata la rimontante Eva Pinkelnig, autrice del terzo punteggio di manche con un ottimo salto da 127m. In appena 9 decimi hanno concluso le tre atlete a seguire: la tedesca Carina Vogt e le slovene Nika Kriznar e Ursa Bogataj. La top ten è stata infine chiusa da Silje Opseth, riconfermatasi come seconda norvegese in questa tappa. Per quanto riguarda le azzurre, è nuovamente arrivato un buon risultato da parte di Lara Malsiner, giunta 12^. Anche Elena Runggaldier ha raccolto punti chiudendo 25^.

La classifica generale, come anticipato, continua ad essere saldamente nelle mani di Lundby, salita a 1368 punti. Seconda staccata di quasi 300 lunghezze Althaus (1073), mentre la contesa per la terza posizione è ridotta a Takanashi (916) e Seyfarth (866).

Questa è stata l’ultima gara per le saltatrici prima dei Mondiali di Seefeld. Le ragazze non gareggeranno nella prima settimana iridata, che si svolgerà sul Bergiselshanze per le discipline del trampolino, ma inizieranno la loro avventura martedì 26 febbraio sul normal hill di Seefeld. In quell’occasione verranno assegnate medaglie iridate nella prova a squadre, competizione femminile introdotta per la prima volta in quest’edizione.

OBERSTDORF II – HS 135
1. LUNDBY Maren (NOR) 292.4
2. SEYFARTH Juliane (GER) 283.0
3. TAKANASHI Sara (JPN) 250.3
4. ALTHAUS Katharina (GER) 249.7
5. ITO Yuki (JPN) 247.3
6. PINKELNIG Eva (AUT) 245.2
7. VOGT Carina (GER) 240.9
8. KRIZNAR Nika (SLO) 240.8
9. BOGATAJ Ursa (SLO) 240.0
10. OPSETH Silje (NOR)
Clicca qui per i risultati completi.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: