Combinata | 18 marzo 2019

Jarl Magnus Riiber e Tara Geragthy-Moats eletti atleti dell'anno 2019

È giunto alla quarta edizione il galà organizzato dalla Fis a Schonach che ha premiato i migliori atleti di questa stagione.

Foto Courtesy Corinna Heitmüller

Foto Courtesy Corinna Heitmüller

Terminata l'ultima delle undici tappe della stagione 2018-'19, a cui vanno aggiunte le competizioni iridate di Seefeld, nella serata di ieri tutta la comitiva di Coppa del Mondo si è lasciata alla spalle tensioni e responsabilità, partecipando al party conclusivo con l'assegnazione dei “FIS Nordic Combined Awards 2019“ .

Grande novità rispetto alle passate stagioni è stato il premio assegnato alle ragazze, autrici per la prima volta nella storia di un vero circuito di Continental Cup composto da cinque tappe e undici gare.

Il riconoscimento "Atleta dell'anno" non poteva non essere assegnato all'unanimità in entrambi i sessi durante a cerimonia tenutasi nella suggestiva “Haus des Gastes” della località nella foresta nera teutonica ben diretta dalla dinamica e grande promotrice della disciplina come Media Coordinator della FIS Silke Tegethof affiancata dal commentatore di Eurosport Hans Peter Pohl.

In campo maschile il riconoscimento è andato a Jarl Magnus Riiber, degno riconoscimento per la sua "Stagione dei Record", fatta di 12 vittorie in Coppa del Mondo (eguagliato il primato stabilito da Hannu Manninen) a cui va aggiunto l'oro iridato di Seefeld nella gara con salto su trampolino piccolo.

Fra le donne invece scontato il premio alla statunitense Tara Geraghty-Moats, vincitrice di 10 delle 11 gare andate in scena.

Il secondo dei quattro premi in palio per i maschietti e' stato l’award come ” Rookie of the Year“. In questa categoria ha prevalso con 7 voti su 10 il giovane talento austriaco Johannes Lamparter. Il vincitore dell’oro ai Mondiali Junior ha sopravanzato il norvegese Jens Lurås Oftebro e il tedesco Julian Schmid.

Lamparter succede a Vinzenz Geiger, Eero Hirvonen e allo stesso Jarl Magnus Riiber, tutti capaci di diventare top athletes di questa difficile disciplina invernale in breve tempo.

Nella categoria di “Allenatore dell'anno“ , il premio è andato al trio di coach austriaci Eugen-Bieler-Strobl che con cinque voti hanno avuto il sopravvento del duo Norge Hammer-Sandell. Gli altri nominati erano i giapponesi Kohno-Kitamura ed i coach finlandesi Kukkonen-Saapunki.

A conclusione della riuscita serata e' stato assegnato anche l'ultimo premio in programma di "Miglior Momento dell'anno 2019“ . A contenderselo vi erano Mario Seidl per la gran rimonta all’ultimo giorno del triple di Chaux-Neuve, Eric Frenzel per le sensazionali medaglie d’oro iridate di Seefeld e il duo finnico Herola & Hirvonen capaci di riportare nella team sprint di Lahti la vittoria nella terra dei mille laghi dopo quasi dieci anni di astinenza.

I dieci giurati internazionali hanno assegnato quattro voti a testa a Frenzel e al duo Suomi. Per rompere la parità è stato necessario ricorrere alla seconda grande novità di questa quarta edizione, ovvero il voto popolare on line . Il pubblico di fedelissimi della combinata dal sito della Fis ha premiato i finlandesi Ilkka Herola & Eero Hirvonen con il 40% dei voti contro il 35% del tedesco .

A differenza della passata edizione, nel 2019 e’ stato assegnato il " premio Fairplay " ad Eero Hirvonen. Il ventitreenne di Jyväskylä ha mostrato tutto il grande cuore che possiede aiutando Bernhard Gruber a risolvere il suo problema alla scarpetta durante il salto dell’austriaco nella prova a squadre a Seefeld .

Mentre il premio opzionale di “atleta più sfortunato “ e’ stato assegnato all’altro finlandese Leevi Mutru che fra cadute in serie e rotture di sci e bastoncini vari nel corso di questa stagione può così risollevarsi  ritirando questo premio di consolazione.

Paolo Romanò

Ti potrebbero interessare anche: