Biathlon | 19 marzo 2019

A Oslo Dorothea Wierer e Lisa Vittozzi si sfidano per la prima storica Coppa del Mondo azzurra

Le due azzurre sono appaiate in testa alla classifica generale di Coppa del Mondo. Chi delle due porterà in Italia la prima Sfera di cristallo?

Pentaphoto

Pentaphoto

ATTUALITA'
Se la Coppa del Mondo maschile è già stata assegnata da tempo, imperversa invece la corsa alla Sfera di cristallo femminile che - a meno di clamorosi sconquassi - arriverà per la prima volta in Italia.

A tre gare dal termine, la situazione al netto degli scarti è la seguente. Tra parentesi i punteggi attualmente scartati dalle atlete in questione

824 - VITTOZZI Lisa [ITA] (20-8)
816 - WIERER Dorothea [ITA] (19-17)
742 - RØISELAND-OLSBU Marte [NOR] (11-0)
719 - KUZMINA Anastasiya [SVK] (5-0)

Dunque 8 punti separano la veneta di scuola friulana dall'altoatesina. Sarà probabilmente decisiva la sprint, essendo la base di partenza per il successivo inseguimento. Essere nella top ten nella prova su due poligoni dovrebbe essere la garanzia definitiva sul successo azzurro nella classifica generale.


Questa invece la situazione nelle varie Coppe di specialità.

SPRINT
311 - KUZMINA Anastasiya [SVK]
309 - VITTOZZI Lisa [ITA]
300 - WIERER Dorothea [ITA]
288 - RØISELAND-OLSBU Marte [NOR]
271 - MÄKÄRÄINEN Kaisa [FIN]

Lotta a tre fra le azzurre e Anastasiya Kuzmina, tutte vicinissime. Può ancora coltivare qualche piccola speranza anche Røiseland-Olsbu, mentre per Mäkäräinen le possibilità sono minime.

INSEGUIMENTO
301 - VITTOZZI Lisa [ITA]
298 - WIERER Dorothea [ITA]
269 - RØISELAND-OLSBU Marte [NOR]
252 - MÄKÄRÄINEN Kaisa [FIN]
249 - KUZMINA Anastasiya [SVK]

Vittozzi e Wierer sono praticamente appaiate, con tutte le avversarie staccate in maniera sensibile.

MASS START
165 - WIERER Dorothea [ITA]
160 - ÖBERG Hanna [SWE]
156 - FIALKOVA Paulina [SVK]
132 - TANDREVOLD Ingrid Landmark [NOR]
132 - YURLOVA-PERCHT Ekaterina [RUS]
130 - BRORSSON Mona [SWE]
129 - OLSBU-RØISELAND Marte [NOR]
118 - PREUSS Franziska [GER]
114 - KRYUKO Iryna [BLR]
114 - KUZMINA Anastasiya [SVK]
105 - HERRMANN Denise [GER]

In linea teorica ancora 11 atlete possono ambire alla Coppa di specialità della partenza in linea. All'atto pratico ci sono tre sfidanti (Wierer, Öberg e Fialkova) pressochè sullo stesso piano.

 

STORIA
Oslo
ha fatto la sua comparsa nel calendario della Coppa del Mondo femminile nel lontano 1988, tuttavia ha dovuto aspettare un decennio prima di diventare presenza fissa. Infatti ha dovuto osservare a lungo una rotazione con altre località norvegesi (Lillehammer su tutte, ma anche Steinkjer e Fagernes).

Dal 1998-'99 Holmenkollen si è invece trasformata in un appuntamento costante, mancando all’appello solo nell'annata 2008-'09 quando nell’impianto fervevano i lavori di ammodernamento in vista dei Mondiali di sci nordico 2011. 

Sino a questo momento nella capitale norvegese si sono disputate ben 66 gare femminili individuali di primo livello (9 quindici km, 24 sprint, 19 inseguimenti, 14 mass start), di cui ben 12 con valore iridato.

Sono trentuno le biathlete capaci di vincere almeno una competizione. Fra di esse meritano una menzione Olena Zubrilova e Magdalena Neuner, forti di 5 affermazioni a testa.

Sono invece cinque le atlete in attività a essersi già imposte su queste nevi. Anastasiya Kuzmina ha grande feeling con questo impianto, avendovi primeggiato 4 volte. Hanno festeggiato in 2 occasioni Tiril Eckhoff e Mari Eder-Laukkanen. Infine si conta 1 vittoria per Kaisa Mäkäräinen e Laura Dahlmeier.

A esse se ne aggiungono altre sette in grado di calcare un gradino del podio senza essersi però mai issati su quello più alto. Si tratta di Vita Semerenko, Susan Dunklee, Veronika Vitkova, Dorothea Wierer, Anais Bescond, Justine Braisaz e Yuliia Dzhima.

Guardando alla graduatoria per nazioni, nessuna può competere con la Germania, accreditata di ben 21 successi. Segue a quota 13 la Norvegia padrona di casa. Vengono poi Russia (6); Ucraina e Francia (5); Svezia, Bielorussia e Slovacchia (4); Finlandia (3). Chiude a 1 la Cina.

ITALIA – STORIA E ATTUALITA’
L’Italia non ha mai vinto, tuttavia mette assieme 5 podi, molti dei quali parecchio datati.

Infatti il primo arrivò nel marzo 2001, quando Nathalie Santer chiuse 3^ una sprint, ottenendo l’ultimo piazzamento nella top-three della sua carriera.

Seguono ben tre podi firmati da Michela Ponza, trovatasi sempre benissimo da queste parti. La gardenese si classificò 3^ nella sprint del 2003, 2^ nello stesso format nel 2006 e 3^ nella mass start del 2008.

Infine Dorothea Wierer si è messa al collo la medaglia d’argento iridata nell’inseguimento del 2016.

Wierer a parte, anche altre due azzurre in attività hanno raccolto piazzamenti nella top-ten a Oslo. Federica Sanfilippo ha concluso 9^ la sprint del marzo 2017. In quella stessa gara Alexia Runggaldier si è classificata 10^, ripetendo lo stesso risultato raccolto nell’individuale iridata dell’anno precedente.

Al contrario Lisa Vittozzi non è ancora andata oltre la 13^ posizione, mentre Nicole Gontier è stata al massimo 25^.

PROGRAMMA FEMMINILE
Giovedì 21, ore 16.30 – Sprint Femminile (Diretta Eurosport)
Sabato 23, ore 15.00 – Inseguimento Femminile (Diretta Eurosport)
Domenica 24, ore 13.45 – Mass Start Femminile (Diretta Eurosport)

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: