Salto | 25 luglio 2019

Il Summer Grand Prix fa tappa a Hinterzarten, "Classica monumento estiva"

La seconda tappa maschile e la prima femminile si disputeranno in contemporanea nella località del Bden-Württemberg.

Il Summer Grand Prix fa tappa a Hinterzarten, "Classica monumento estiva"

SETTORE MASCHILE
La storia del GP comincia proprio nel villaggio del Baden-Württemberg, dove il 28 agosto 1994 si tiene la prima gara di sempre. In quella domenica di quasi 25 anni fa si impone il giapponese Takanobu Okabe, precedendo il francese Nicolas Dessum e il tedesco Jens Weißlog.

Da allora Hinterzarten è sempre stata inserita nel calendario del massimo circuito estivo, eccezion fatta per il 2014. Nessun altro impianto può vantare una militanza pari a 25 stagioni diverse nello programma del GP.

Si gareggerà sul Rothaus-Schanze (K95/HS108), il più grande e antico dei quattro trampolini che compongono l'Adler-Skistadion, di cui fanno parte anche l'Energiedienst-Schanze (K15), il Schülerschanze (K30) e l'Europa-Park-Schanze (K70).

Sul pendio dove ora sorge questo complesso il salto con gli sci è praticato sin dal lontano 1924. L'attuale struttura è stata costruita a inizio anni ‘80 ed è stata oggetto dell'ultima ristrutturazione nel 1999.

A oggi in quel di Hinterzarten si sono disputate 26 gare individuali maschili di Summer Grand Prix, vinte da ben diciassette diversi atleti. Fra di essi in due sono riusciti a raccogliere ben 3 successi. Si tratta degli austriaci Andreas Widhölzl (2000, 2002, 2002) e Thomas Morgenstern (2003, 2007, 2011). Dunque, come si può notare, il carinziano è l’unico a essersi imposto in tre differenti estati.

Restringendo lo sguardo ai saltatori in attività, sono in cinque a vantare affermazioni su questo trampolino. Fra di essi Dawid Kubacki è già salito due volte sul gradino più alto del podio (2015, 2017). Pertanto avrà l’opportunità di affiancarsi a Widhölzl e Morgenstern in cima alla graduatoria dei plurivittoriosi.

Hanno invece raccolto un singolo successo Simon Ammann (2009), Richard Freitag (2013), Andreas Wellinger (2016) e Kamil Stoch (2018).

Per quanto riguarda invece i podi raccolti a Hinterzarten, sono addirittura sedici i saltatori in attività ad aver già raccolto un piazzamento nella top-three. Nessuno, però, spicca sugli altri:

2 – KUBACKI Dawid [POL] (2-0-0)
2 – WELLINGER Andreas [GER] (1-1-0)
2 – STOCH Kamil [POL] (1-1-0)
2 – FREITAG Richard [GER] (1-0-1)
2 – KASAI Noriaki [JPN] (0-0-2)
2 – SCHLIERENZAUER Gregor [AUT] (0-0-2)
1 – AMMANN Simon [SUI] (1-0-0)
1 – SHIMIZU Reruhi [JPN] (0-1-0)
1 – FREUND Severin [GER] (0-1-0)
1 – KOT Maciej [POL] (0-1-0)
1 – KRAFT Stefan [AUT] (0-1-0)
1 – LEYHE Stephan [GER] (0-1-0)
1 – GEIGER Karl [GER] (0-1-0)
1 – KORNILOV Denis [RUS] (0-0-1)
1 – ZYLA Piotr [POL] (0-0-1)
1 – PEIER Killian [SUI] (0-0-1)

Guardando invece ai vari movimenti nazionali, Hinterzarten è stata a lungo terra di conquista degli austriaci, che però non vincono dall’ormai lontano 2011 e hanno raccolto un solo podio nelle ultime sei gare disputate. Inoltre si nota come Paesi blasonati quali Norvegia e Slovenia abbiano sempre raccolto le briciole in questo contesto di gara, come testimoniato dal palmares di ogni nazione:

24 (9-8-7) – AUSTRIA
16 (6-5-5) – GERMANIA
11 (6-3-2) – POLONIA
09 (3-1-5) – GIAPPONE
09 (1-6-2) – FINLANDIA
02 (1-0-1) – SVIZZERA
02 (0-1-1) – REP.CECA
02 (0-1-1) – NORVEGIA
01 (0-1-0) – FRANCIA
01 (0-1-0) – STATI UNITI
01 (0-0-1) – RUSSIA
01 (0-0-1) – SLOVENIA

SETTORE FEMMINILE
Nel weekend prenderà ufficialmente il via la VIII edizione del Summer Grand Prix femminile di salto con gli sci. Per la terza volta l’opening avrà luogo in quel di Hinterzarten.

A differenza del settore maschile, il villaggio del Baden-Württemberg non ha grandissima tradizione nel massimo circuito estivo per quanto riguarda le donne. A oggi, infatti, è stato inserito in calendario solamente quattro volte su otto.

Le tre gare andate in scena sono state vinte dall’austriaca Daniela Iraschko-Stolz (2012), dalla canadese Alexandra Pretorius (2013) e dalla giapponese Sara Takanashi (2018).

La nipponica peraltro non è mai scesa dal podio, poiché quando non ha vinto si è sempre classificata alla piazza d’onore. Per il resto, oltre alle tre vincitrici, fra le atlete in attività hanno fatto il loro ingresso nella top-three anche Yuki Ito (seconda nel 2018), Carina Vogt (terza nel 2012) e Ramona Straub (terza nel 2018).

Non sorprende, dunque, che tra le nazioni sia il Giappone a fare da mattatore. Questo l’elenco dei podi conquistati sinora da ogni Paese.

4 (1-3-0) – GIAPPONE
2 (0-0-2) – GERMANIA
1 (1-0-0) – AUSTRIA
1 (1-0-0) – CANADA
1 (0-0-1) – SLOVENIA

PROGRAMMA E PALINSESTO TELEVISIVO
Venerdì 26: Qualificazione femminile, ore 15.30
Venerdì 26: Qualificazione maschile, ore 19.00
Venerdì 26: Gara individuale femminile, ore 20.30
Sabato 27: Team event misto, ore 11.55
Sabato 27: Gara individuale maschile, ore 18.30 (Diretta Eurosport 2)

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: