Combinata | 28 agosto 2019

SGP: Geraghty-Moats si riconferma a Klingenthal, Rehrl si impone nella mass start

Seconda vittoria consecutiva per la statunitense nella classica gundersen, mentre l’austriaco conquista il primo alloro estivo. Tre azzurri nella top ten: Annika Sieff 7^, Daniela Dejori 9^ e Samuel Costa 10°

SGP: Geraghty-Moats si riconferma a Klingenthal, Rehrl si impone nella mass start

La località sassone di Klingenthal nella giornata odierna è stata teatro della tappa infrasettimanale del Summer Grand Prix 2019 di combinata nordica. Nella classica gundersen femminile si è riconfermata dominatrice la statunitense Tara Geraghty-Moats, mentre gli uomini sono stati impegnati in una mass start vinta in rimonta da Franz-Josef Rehrl.

Sono state le donne ad aprire le danze, svolgendo il segmento di salto durante l’ora di pranzo, seguito dai 5 km sugli skiroll a metà pomeriggio. Sul trampolino la migliore è stata nuovamente Geraghty-Moats, andata a far segnare la migliore misura di giornata con 78 m. Questa volta sono rimaste a stretto contatto le due avversarie che hanno condiviso con lei il podio domenica, Stefaniya Nadymova (4’’) e Jenny Nowak (5’’). Entro il mezzo minuto hanno contenuto il distacco anche la norge Thea Minyan Bjorseth, l’austriaca Lisa Hirner e le azzurre Daniela Dejori e Annika Sieff.

Sugli skiroll la statunitense Geraghty-Moats ha condotto la competizione fin dal primo metro, andando progressivamente ad allungare sulle inseguitrici, andando a conquistare il secondo successo estivo, senza però mettere in campo quel passo devastante visto nel weekend. La russa e la tedesca hanno condotto una prova parallela, finché nel finale Nadymova ha staccato la rivale. Nowak non ha però perso le speranze, rientrando proprio negli ultimi metri della volata, senza però riuscire a sopravanzare la combinatista di Perm. Il podio è dunque stato il medesimo di domenica, con le atlete che hanno occupato esattamente le stesse posizioni.

Alle spalle del trio di testa un’altra russa si è dimostrata estremamente competitiva sugli skiroll: Anastasia Goncharova. La combinatista classe 1999 ha infatti fatto segnare il miglior tempo, recuperando posizioni fino alla 4^ finale. Quinta moneta conquistata dall’austriaca Hirner, riuscita a prevalere sulla slovena Ema Volavsek. Ancora buoni piazzamenti nella top ten per le italiane: Annika Sieff si è attestata in 7^ piazza superando Lena Brocard, mentre Dejori è stata 9^. Veronica Gianmoena invece non ha preso parte al secondo segmento di gara, in quanto è incappata in una squalifica per tuta irregolare nel salto.

SGP KLINGENTHAL – Gundersen HS 85 / 5 km
1. GERAGHTY-MOATS Tara (USA) 13’32’’1
2. NADYMOVA Stefaniya (RUS) a 21’’9
3. NOWAK Jenny (GER) a 22’’1
4. GONCHAROVA Anastasia (RUS) a 36’’9
5. HIRNER Lisa (AUT) a 1’11’’4
6. VOLAVSEK Ema (SLO) a 1’13’’9
7. SIEFF Annika (ITA) a 1’42’’6
8. BROCARD Lena (FRA) a 1’42’’9
9. DEJORI Daniela (ITA) a 1’58’’8
10. GLADIKOVA Svetlana (RUS) 2’06’’7
Clicca qui per i risultati completi.

Impegnati nella mass start, gli uomini hanno dapprima disputato il segmento di skiroll, dove però è scarseggiato lo spettacolo. I combinatisti infatti sono rimasti in un unico gruppo compatto per tre quarti di gara, allungatosi in qualche frangente per poi ricompattarsi subito dopo. Nelle battute finali Philipp Orter ha sferrato l’attacco decisivo, seguito a ruota da Fabian Riessle e Rehrl. Il terzetto è riuscito a guadagnare qualche metro, andandosi a giocare il successo parziale. Lo stiriano non è però riuscito a tenere le code del duo, alzando bandiera bianca per poi tagliare il traguardo in 11^ piazza a 13’’. Nel frattempo il Riessle ha affiancato Orter sul rettilineo conclusivo, vincendo lo sprint. Terza posizione per l’azzurro Raffaele Buzzi, che ha superato nel finale i tedeschi Vinzenz Geiger ed Eric Frenzel. Distacchi comunque estremamente ridotti  - meno di 15’’ – per tutti i principali contendenti, compresi i fratelli Watabe e Ryota Yamamoto, tra i più competitivi nel salto, così come il polacco Szczepan Kupczak a 20’’. In gara anche Samuel Costa, brillante in alcuni frangenti di gara, dove si era messo in testa al gruppo a dettare il ritmo, ma nel finale ha perso un po’ di terreno giungendo a 26’’. Subito dopo è giunto anche il ventenne Aaron Kostner (31’’).

Nel secondo segmento di gara, ovvero il salto, il primo ad alzare l’asticella è stato proprio il polacco Kupczak, andato a guadagnarsi la leadership con un ottimo salto da 138 m. Pochi salti più tardi è stato raggiunto ex-aequo dal nipponico Yamamoto, fermatosi mezzo metro prima. Il duo è stato poi scalzato da Rehrl, protagonista del miglior salto di giornata, avendo raggiunto l’ HS – posto a 140m – partendo da un gate più basso su richiesta dell’allenatore. Nessuno dei dieci combinatisti che lo hanno seguito sono riusciti ad impensierirlo, così l’austriaco ha conquistato il successo. Colui che è riuscito ad avvicinarsi di più è stato Akito Watabe, atterrato a 139 m, ma infine distante quasi 4 lunghezze. Buona prestazione anche per il fratello Yoshito, giunto a 136.5 m valsogli la terza posizione parziale, prima di venire squalificato per tuta irregolare. Così il tandem Kupczak-Yamamoto ha condiviso l’ultimo gradino del podio.

Tutti i migliori sugli skiroll invece non hanno trovato prestazioni competitive sul trampolino: Riessle è arrivato appena a 127m finendo 15°, Orter è stato squalificato prima di poter gareggiare, a Buzzi è mancata completamente la misura e i 114m raggiunti lo hanno fatto precipitare al 36° posto. Per quanto riguarda i tedeschi, il migliore è stato Frenzel con la 6^ moneta, superato anche dall’austriaco Christian Deuschl. A sorpresa il russo Vitalii Ivanov si è attestato al 7° posto, precedendo di un decimo Harald Johnas Riiber e di tre decimi Hideaki Nagai. Anche in campo machile c’è stato spazio per un po’ di Italia nella top ten: Samuel Costa è infatti giunto 10°, mentre alle sue spalle in 11^ posizione è giunto Aaron Kostner.

SGP KLINGENTHAL – Mass start 10 km / HS 140
1. REHRL Franz-Josef (AUT) 145.0
2. WATABE Akito (JPN) 141.3
3. YAMAMOTO Ryota (JPN) 134.9
3. KUPCZAK Szczepan (POL) 134.9
5. DEUSCHL Christian (AUT) 121.8
6. FRENZEL Eric (GER) 120.5
7. IVANOV Vitalii (RUS) 119.9
8. RIIBER Harald Johnas (NOR) 119.8
9. NAGAI Hideaki (JPN) 119.6
10. COSTA Samuel (ITA) 119.0
Clicca qui per i risultati completi.

Per quanto concerne i pettorali gialli, Tara Geraghty-Moats indossa quello femminile, mentre al maschile la classifica è guidata a pari merito da Akito Watabe e Franz-Josef Rehrl. Il Summer Grand Prix non si prende alcuna pausa e proseguirà questo weekend a Oberhof, dove sono in è programma due competizioni per ciascun genere. In particolare queste saranno l’epilogo per le donne, mentre gli uomini avranno a disposizione tre gare in più.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: