Biathlon | 12 dicembre 2019

Biathlon - Beatrice Trabucchi: "Sono felice, non pensavo di salire sul podio"

La valdostana ha parlato a Fondoitalia: "Sono contenta di aver visto dei miglioramenti sugli sci, mentre al tiro ho puntato sulla precisione magari prendendomi un po' di tempo in più al poligono"

Biathlon - Beatrice Trabucchi: "Sono felice, non pensavo di salire sul podio"

Ha iniziato l’IBU Cup Junior con un podio che le dà molta fiducia per il prosieguo della stagione appena iniziata. Beatrice Trabucchi ha conquistato un bellissimo terzo posto nell’individuale di Pokljuka, risultando controllata e precisa al poligono, sacrificando magari la velocità per avere la certezza fondamentale di colpire i bersagli. La valdostana, poi, ha dimostrato che il lavoro sugli sci, iniziato già nella passata stagione, sta portando i suoi frutti. È quindi giustificata la sua soddisfazione al termine della gara.

«Sono molto contenta per questo primo podio perché non me l’aspettavo – ha affermato Trabucchi, raggiunta telefonicamente dalla redazione di Fondoitalianon sapevo quale fosse il mio attuale livello in campo internazionale. Sapevo di essere molto migliorata sugli sci quest’anno. L’individuale è la gara più adatta a me perché generalmente sparo bene, quindi avevo buone speranze ma non mi aspettavo addirittura di salire sul podio. Al poligono oggi sono stata più cauta rispetto alle abitudini, non ho sparato troppo veloce, seguendo il consiglio dei tecnici in pista, che mi invitavano a sparare bene piuttosto che farlo velocemente rischiando poi di non prendere i bersagli. Sugli sci mi sono accorta di essere migliorata, ho fatto il sedicesimo tempo e di questo sono contenta. Sono consapevole di aver dato tutto. Mi dispiace soltanto di aver perso quel secondo di troppo da Barsega, ma alla fine la cosa più importante è avere la consapevolezza di aver dato tutto. Sono contenta che il lavoro fatto con tecnici e squadra stia già dando i suoi frutti, perché si vede che siamo migliorati tutti. Proprio per questo voglio ringraziare gli allenatori e gli skiman della nazionale, ma con essi anche il Centro Sportivo Esercito per tutte le opportunità che mi dà». 

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: