Sci di fondo | 10 gennaio 2020

Fondo - Super Sprint a Dresda: Emanuele Becchis è secondo di un soffio dietro a Hortlund

L'azzurro è giunto alle spalle in uno scenario bellissimo come quello offerto dalla città di Dresda; nella gara femminile vittorie della ceca Beranova

Fondo - Super Sprint a Dresda: Emanuele Becchis è secondo di un soffio dietro a Hortlund

Nel secondo appuntamento con il neonato circuito del World Sprint Series, dedicato alle super sprint da cento metri, è arrivato il primo podio stagionale per Emanuele Becchis. L’atleta cuneese dello Ski Avis Borgo ha concluso al secondo posto la gara di Dresda, che ha anticipato l’evento di domani con la sprint di Coppa del Mondo.

Nono in qualificazione, Becchis, sostenuto in tribuna dalla squadra azzurra di Coppa del Mondo, che sarà impegnata nella sprint di domani, ha tirato fuori il meglio da sé nelle batterie, dominando la semifinale nella quale ha eliminato il grande favorito, il norvegese Jensen. In finale l’azzurro ha lottato per la vittoria fino alla spaccata finale, ma è stato battuto dallo svedese Johannes Hortlund per pochi centrimetri. In terza posizione è giunto lo sloveno Lampic, mentre giù dal podio è rimasto il finlandese Poikonen. A sorpresa nessun norvegese è giunto in finale. Quinto Jensen, che si è imposto nella finalina B su Andresen e Reigstad.

Diverse atlete di Coppa del Mondo hanno invece partecipato alla gara femminile, nella quale si è imposta proprio una di esse, la ceca Tereza Beranova, che ha sbaragliato piuttosto nettamente la concorrenza. Seconda piazza per Coletta Rydzek, mentre Marte Nordlunde si è presa di forza il terzo gradino del podio sulla connazionale Ane Appelkvist Stenseth. Nella finalina B sembrava di essere in Coppa del Mondo, con Lotta Udnes Weng che ha preso il quinto posto davanti alla finlandese Lindvall, la slovena Visnar e la norvegese Mari Eide, queste ultime due medagliate negli ultimi Mondiali di sci nordico.

Oltre anche dal punto di vista agonistico, va segnalato che a livello paesaggistico lo scenario è stato uno spettacolo fuori dall’ordinario: la pista di sci con gli atleti ad affrontarsi a tutta velocità sul rettilineo con lo sfondo notturno di una città dal fascino inconfondibile come Dresda. Buona anche la risposta del pubblico, spinto anche dalla sprint di Coppa del Mondo che si disputerà domani, a confermare la bontà delle motivazioni che hanno portato alla nascita di questo circuito che potrebbe portare lo sci di fondo, anche se in questo format molto particolare, all’interno delle città più belle del mondo. Uno spettacolo molto più bello rispetto alla prima assoluta di Östersund. Ovviamente c’è ancora tanto da migliorare, soprattutto bisognerà in futuro evitare i problemi tecnici che hanno portato a una lunga attesa prima delle finali, con le atlete ferme al via per diversi minuti.

Prossimo appuntamento il 24 gennaio a Cavalese in occasione della Marcialonga. Chissà se, oltre a Becchis, vedremo al via tanti altri azzurri.

CLASSIFICA MASCHILE
1° J. Hortlund (SWE)
2° E. Becchis (ITA)
3° J. Lampic (SLO)
4° V. Poikonen (FIN)
5° L.S. Jensen (NOR)
6° R. Andresen (NOR)
7° S.B. Reigstad (NOR)
8° J. Drusys (LTU)

CLASSIFICA FEMMINILE
1ª T. Beranova (CZE)
2ª C. Rydzek (GER)
3ª M. Nordlunde (NOR)
4ª A.A. Stenseth (NOR)
5ª L.U. Weng (NOR)
6ª J. Lindvall (FIN)
7ª K. Visnar (SLO)
8ª M. Eide (NOR)

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: