Biathlon | 24 gennaio 2020

Biathlon - Denise Herrmann trionfa da eccellente biatleta, ma riecco Lisa Vittozzi: quarta senza errori

Cadono le regine, decolla Denise Herrmann: nel giorno dei tanti errori di Tiril Eckhoff (3) e Doro Wierer (4) la tedesca si regala uno zero e domina l'individuale di Pokljuka; sul podio Öberg e Bescond con Lisa Vittozzi quarta senza errori; Doro Wierer patisce il tiro in piedi ed è 23ima

Denise Herrmann - Foto IBU

Denise Herrmann - Foto IBU

Denise Herrmann è la dominatrice dell'individuale di Pokljuka, ma che bello rivedere in quota Lisa Vittozzi.

Se la gara maschile di ieri era stata di una linearità eccezionale e incentrata sul parallelismo del testa a testa tra Bø e Fourcade, l'analoga individuale femminile odierna ha proposto un canovaccio completamente opposto, nel quale le due reginette stagionali Tiril Eckhoff e Dorothea Wierer si sono risvegliate in una giornata difficile al tiro, con rispettivamente tre e quattro errori che le hanno fatte inevitabilmente scendere in classifica.

E sul palcoscenico sono così salite le altre, a cominciare dalla protagonista che mai ti saresti aspettata in un'individuale selettiva come quella slovena, ed è il caso di Denise Herrmann che a poco più di due settimane dai Campionati Mondiali di Anterselva si è regalato un clamoroso zero al tiro supportato da uno dei migliori tempo sugli sci (meglio di lei solo Braisaz, undicesima con 3 errori). Dati che inevitabilmente l'hanno lanciata sul gradino più alto del podio, dopo 41'33"4 di gara ed un margine appena inferiore minuto nei confronti della svedese Hanna Öberg che invece un errore se l'è concesso (al secondo poligono) ma che è comunque volata al secondo posto sorretta da una condizione sempre più smagliante. Forma in crescendo anche per la francese Anais Bescond che vive la miglior gara della stagione ed a sua volta senza errori sale sul gradino più basso del podio (+1'15"7), soffiandolo ad una Lisa Vittozzi (1'21) pienamente ritrovata.

Non ce ne vorrà Herrmann (prima di oggi, il suo miglior risultato nella disciplina era il 18imo posto di Oestersund, in avvio di stagione), ma oggi la vera notizia in casa azzurra è il ritorno ad alti regimi della carabiniera sappadina, interprete di quatto poligoni "alla Vittozzi" e di un robusta prova sugli sci che l'hanno riportata dalle parti del podio. Ci voleva, davvero, e l'impressione destata nelle scorse settimane è stata corroborata in questo primo atto sloveno, consentendo alla ventiquattrenne di fare il pieno di fiducia e di pensieri positivi, quando la rassegna iridata è ormai alle porte. Bene, Lisa, bene così; bentornata!

Alle spalle di Vittozzi, sempre con zero errori, ecco la tedesca Franziska Preuss attardata di due minuti dalla connazionale e la statunitense Claire Egan, seguite dall'austriaca Lisa Hauser (1 errore), dalla russa Irina Starykh (senza errori) e dalla svizzera Aita Gasparin (1 errore).

Bisogna scorrere la classifica per trovare le protagoniste delle stagione: una gara decisamente a vantaggio di Öberg che dall'altro della sua seconda piazza vede crescere atleta dopo atleta il margine in termini di punti guadagnati sulle due norvegesi Marte Røiseland (dodicesima con 3 errori), Eckhoff (diciottesima con 3 errori) e soprattutto Wierer (23ima con 4 errori).

Gara strana, per la ventinovenne delle Fiamme Gialle: una buona prova sugli sci, ottimi poligoni a terra ma pesanti balbettii in piedi, con due bersagli mancati in ciascuna delle due serie. Un'evoluzione che meriterà un'analisi supplementare (probabilmente centra il mal di schiena che la accompagna nelle ultime settimane) ma che comunque rappresenta un macigno nel cammino stagionale, in una giornata che poteva altrimenti avere risvolti molto interessanti, alla luce della giornata non brillante nemmeno in casa Norvegia. Ma questo è il biathlon, si sa, prendere o lasciare.

Tre errori al tiro anche per Federica Sanfilippo che resta ampiamente in zona punti con il 31imo posto finale, quattro invece per Michela Carrara, nella prima individuale della carriera sul massimo circuito per il 59imo posto finale.

Nella graduatoria di Coppa del Mondo cambiano solo le distanze tra le prime tre protagoniste, con Eckhoff a quota 524 che allunga ulteriormente su una Wierer (477) che vede avvcinarsi Oberg (396) con Herrmann in scia (393); Lisa Vittozzi sale al dodicesimo posto (271).

 

La Classifica di giornata

La Classifica di Coppa del Mondo

 

 

Luca Perenzoni

Ti potrebbero interessare anche: