Sci di fondo | 03 marzo 2020

Fondo, Mondiali U23 - Nessuna sorpresa nella 10km femminile: vince Ebba Andersson

La svedese si è imposta sulla norvegese Johansen e la connazionale Ribom; indietro le azzurre, con Pittin che ha fatto registrare il miglior tempo chiudendo 15ª

Fondo, Mondiali U23 - Nessuna sorpresa nella 10km femminile: vince Ebba Andersson

Prosegue il dominio svedese in campo femminile ai Mondiali Under 23 di Oberwiesenthal. Dopo la doppietta firmata Ribom – Hagstroem nella sprint in skating, sono arrivati oggi il successo di Ebba Andersson e il terzo posto Ribom nella 10km in tecnica classica. Solo un grande finale della norvegese Johansen, giunta seconda, ha privato la Svezia di un’altra doppietta.

Di dubbi alla vigilia sul nome della vincitrice ne avevano tutti pochi, in quanto Ebba Andersson è senza dubbio già oggi una delle big del circuito della Coppa del Mondo, rientrando in quel gruppo di atlete capaci, in alcune occasioni, anche di costringere Johaug a spendere tante energie per ottenere un successo, come accaduto quest’anno a Falun e Lahti. La ’97 svedese ha vinto comodamente, senza uccidere la gara, partendo a un ritmo controllato per poi iniziare ad accelerare nel finale del primo giro. Andersson ha battagliato per buona parte della gara con la sua compagna di squadra Emma Ribom, per poi guadagnare moltissimo nella parte conclusiva del secondo dei tre giri, complice anche un calo di quest’ultima, nel finale superata da una Johansen capace nell’ultimo giro di recuperare praticamente su tutte, tranne Andersson. Un bel risultato per la norvegese, già a punti in Coppa del Mondo.

Non distante dal podio la statunitense Julia Kern, giunta quarta a 8” dal podio, di un soffio davanti alla russa Matsokina. Sesta la tedesca Fraebel, autrice di una buona prestazione.

Condizioni meteo complicate con freddo e nebbia, gara che ha fatto soffrire molte atlete, compresa la svedese Moa Lundgren, che tra mille difficoltà ha comunque tagliato il traguardo con il 25° tempo, finendo a terra e abbandonando il campo gara portata a braccia da alcuni volontari. Indietro le azzurre, che hanno fatto registrare tempi molto vicini tra loro. Come nella sprint la migliore è stata una combattiva Cristina Pittin, giunta 15ª a 1’47”, davanti a Francesca Franchi, Anna Comarella e Martina Bellini. La speranza è che le cose possano andare meglio nella mass start in skating.

CLASSIFICA FINALE
1ª E. Andersson (SWE) 28’28.7
2ª M. Johansen (NOR) +24.8
3ª E. Ribom (SWE) +30.2
4ª J. Kern (USA) +38.0
5ª H. Matsokina (RUS) +38.5
6ª A. Fraebel (GER) +50.3
7ª H. Swirbul (USA) +1’03.8
8ª V. Nissinen (FIN) +1’06.7
9ª H. Amundsen (NOR) +1’14.3
10ª N. Dubotolkina (RUS) +1’15.6
Le italiane
15ª C. Pittin +1’47.1
16ª F. Franchi +1’51.0
17ª A. Comarella +1’52.8
18ª M. Bellini +2’00.9

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: