Biathlon | 14 marzo 2020

Biathlon - DORO!!!! La Coppa è ancora tua!! Vince Simon, Vittozzi terza

Succede di tutto a Kontiolahti! Dorothea Wierer in una gara pazza difende la leadership e conquista la seconda Coppa del Mondo assoluta consecutiva. Vince Julia Simon davanti a Selina Gasperin e Lisa Vittozzi. Wierer è 11ma nella scia di Eckhoff e la Coppa resta in Italia

Dorothea Wierer

Dorothea Wierer

Dorothea Wierer ha vinto la seconda Coppa del Mondo consecutiva. Dorothea Wierer è nella leggenda, Dorothea Wierer ha fatto il miracolo. L'inseguimento di Kontiolahti è un continuo di capovolgimenti di fronte, è una gara vietata ai cardiopatici, è una gara che ha proiettato ancor più Doro Wierer nella storia. In due inverni ha saputo cogliere tre ori iridati e due Coppe del Mondo: un bottino che prima era stato raccolto da solo altre due ragazze, Magdalena Forsberg e Magdalena Neuner. Scusate se è poco.

Ha vinto di cuore, Dorothea Wierer. Ha vinto andando a battere Tiril Eckhoff sugli sci, chiudendo nella sua scia sulla soglia della top10 al termine di una gara zeppa di errori, per le continue variazioni di vento: 5 per Wierer, 6 per Eckhoff.

Sapeva di non avere più la costanza al poligono di febbraio, Doro. Ma sapeva di poter spingere a fondo sugli sci e l'ha fatto: dopo i due errori nel terzo poligono e con la rivale in fuga la partita sembrava persa, ma Eckhoff ha spalancato nuovamente la porta sbagliandone tre nella sessione finale. Doro a quel punto ha fatto il resto, marcandola nel giro finale fino a chiuderle in scia (10ima e 11ima) e regalarsi la seconda Coppa del Mondo, con sette punti di margine, 793 a 786.

"Vinceremo insieme, andrà tutto bene" ha voluto scrivere sulla propria carabina, Dorothea Wierer. Il messaggio era rivolto all'Italia che sta lottando come non succedeva da decenni, ma alla fine la profezia si è rivelata vincente anche per lei, forse quando non ci credeva più. Ed invece all'uscita dall'ultimo poligono, pur sbagliando, si è ritrovata davanti ad Eckhoff e da lì non l'ha più lasciata andare via.

Impossibile raccontare nel dettaglio la gara: troppe rivoluzioni, con chiunque si presentasse per prima in piazzola di tiro destinata a saltare per aria. Denise Herrmann prima, Franziska Preuss e Marketa Davidova nei due poligono centrali, Tiril Eckhoff a chiudere: errori come se piovesse e classifica riscritta in continuazione.

Ancora una volta la carabina si è rivelata troppo pesante nelle mani di Tiril Eckhoff, atleta spettacolare quando non sente la pressione, condizione che soffre a dismisura e che l'ha tradita sul più bello anche a Kontiolahti. E' cresciuta molto, in questo inverno, è cresciuta e ha vinto 7 gare, più di quelle vinte nel resto della carriera. Ma vincere così tanto non è bastato per battere Wierer: molto ha pesato la dieci giorni iridata, il resto l'ha fatto la gara di oggi.

Nella giornata che ha confermato Doro Wierer nell'Olimpo del biathlon a vincere, primo acuto in carriera, è stata la francese Julia Simon (2 errori) che completa la giornata di gloria francese lasciandosi alle spalle Selina Gasparin (4 errori) ed una Lisa Vittozzi (4 errori) che chiude così la propria stagione con il secondo podio dell'inverno; quarto posto per l'ultima gara della carriera della padrona di casa Kaisa Makarainen.

 

Difficile fare ordine in questo continuo avvicendarsi di emozioni e di capovolgimenti: la stagione invernale saluta un Mondo in grande difficoltà con il sorriso di Dorothea Wierer, stretto tra la Coppa del Mondo generale e la Coppa della partenza in linea. Un sorriso che fa bene al cuore, che aiuta a pensare positivo. E ne abbiamo tanto bisogno.

Si resta convinti che non si doveva gareggiare, probabilmente già da Nove Mesto. Ma chi di dovere ha deciso di andare avanti: e a questo punto, non potevamo sperare in un epilogo migliore. Grazie, Doro.

 

La classifica di giornata

 

La classifica finale di Coppa del Mondo

Luca Perenzoni

Ti potrebbero interessare anche: