Biathlon | 21 dicembre 2019

Biathlon, IBU Cup: la Germania trionfa nella single mixed relay di Obertilliach

Il duo Scherer-Fratzscher precede al traguardo i russi Porshneva-Povarnitsyn e i norvegesi Erdal-Jorde. Tredicesima posizione per la coppia azzurra composta da Eleonora Fauner e Saverio Zini

La Germania guida la gara (foto tratta dal profilo Twitter dell'IBU Cup)

La Germania guida la gara (foto tratta dal profilo Twitter dell'IBU Cup)

Sorride alla Germania la single mixed relay di Obertilliach, disputatasi nella mattinata di oggi, sabato 21 dicembre. La coppia tedesca formata da Stefanie Scherer e Lucas Fratzscher ha preceduto al traguardo i russi Porshneva e Povarnitsyn (autori di una bella rimonta dopo un avvio shock) e i norvegesi Erdal e Jorde.

Al quarto posto si piazza un'ottima Ucraina, che ha preceduto un'Austria apparsa decisamente sottotono nei momenti cruciali della competizione.

Bene gli azzurri Eleonora Fauner e Saverio Zini, che hanno chiuso in tredicesima posizione con un solo giro di penalità effettuato e 12 errori.

La gara si è disputata sotto una copiosa nevicata, indubbiamente agevolata dallo zero termico che si attestava proprio ai 1450 metri di Obertilliach. Totale assenza di vento al momento del via, con elevati livelli di umidità (93%)

PRIMA FRAZIONE

Buon avvio della coppia italiana, composta da Eleonora Fauner e Saverio Zini. Nel primo segmento la 22enne di Pieve di Cadore si mantiene a stretto contatto con le prime posizioni, rivelandosi precisa al poligono da terra e accusando 13.8 di ritardo dall'austriaca Zdouc, momentanea leader della corsa davanti alle atlete di Norvegia e Germania. Nella sessione di tiro in piedi, l'azzurra usufruisce di una sola ricarica e mantiene la nona posizione (+51.2), mentre la Russia si attesta al sesto posto malgrado quattro errori e un giro di penalità rimediato. In vetta, si registra il sorpasso della Svezia ai danni dell'Austria, seconda, e della Norvegia, terza.

SECONDA FRAZIONE

Nella seconda frazione, parte male l'Italia con quattro bersagli mancati e tre ricariche usufruite da parte di Saverio Zini, costretto al giro di penalità. Davanti, volano via Norvegia, Svezia e Austria, con Ucraina e Russia sulle loro tracce. Al poligono seguente, l'ucraino Tsymbal sbaglia troppo e la sua nazionale scivola in ottava posizione, mentre il terzetto di testa si dimostra quasi infallibile, con la Germania che risale in quarta piazza. Bene, questa volta, Saverio Zini, che fallisce solo un tiro e recupera sette secondi dalla Norvegia, leader temporanea (+1:46.1).

TERZA FRAZIONE

Sette errori per la Svezia al poligono da terra, con gli scandinavi costretti addirittura a quattro giri di penalità: ne beneficia la Germania, che sale al terzo posto momentaneo. Buona anche la prova di Eleonora Fauner (una ricarica), con l'Italia tredicesima e con oltre due minuti di ritardo dalla Norvegia, che mantiene la leadership davanti all'Austria. Attenzione a Russia, Ucraina e Cina, che si stanno ben comportando. Dopo il sesto poligono scatta in testa la Germania, marcata a uomo dalla Norvegia e dalla Russia, ripresasi meravigliosamente dopo i quattro errori in piedi commessi nella prima frazione. Perde terreno l'Austria, lenta sugli sci e imprecisa al tiro (due ricariche). Eleonora Fauner non tradisce, evitando il giro di penalità e tenendo viva la lotta con la Bielorussia.

QUARTA FRAZIONE

La Russia manda nuovamente in pista Povarnitsyn e completa una rimonta clamorosa, con la Germania seconda (tre errori al poligono da terra) e la Norvegia terza e con un giro di penalità da smaltire. Tre errori anche per l'Austria, con l'Ucraina ai piedi del podio. Fallisce solo due colpi Saverio Zini, che approfitta delle sbavature della Bielorussia (tre giri di penalità) e guadagna una posizione, accorciando sulla Polonia. All'ultimo poligono, la Germania impiega una ricarica e 20 secondi in meno della Russia e mette in ghiacciaia il successo. Gradino più basso del podio per la Norvegia, che mantiene a debita distanza una buona Ucraina. Finale concitato per Zini, che difende la dodicesima posizione nella sessione in piedi, salvo poi essere rimontato sugli sci dal bielorusso Smolski e chiudere al tredicesimo posto.

CLASSIFICA FINALE TOP 10

1. GERMANIA 0+10 (Stefanie Scherer-Lucas Fratzscher) 44:31.4

2. RUSSIA 1+13 (Anastasiia Porshneva-Alexander Povarnitsyn) +8.6

3. NORVEGIA 1+9 (Karoline Erdal-Sindre Fjellheim Jorde) +43.2

4. UCRAINA 1+11 (Anastasiya Merkushyna-Bogdan Tsymbal) +1.14.0

5. AUSTRIA 0+8 (Dunja Zdouc-David Komatz) +1:40.6

6. BELGIO 0+9 (Lotte Lie-Tom Lahaye-Goffart) +2:05.3  

7. FRANCIA 2+14 (Camille Bened-Aristide Begue) +2:14.2

8. CINA 0+9 (Ying Qu-Xuezhi Li) +2:14.2

9. SVEZIA 4+9 (Johanna Skottheim-Malte Stefansson) +2:26.7

10. FINLANDIA 3+15 (Erika Jaenkae-Jaakko Ranta) +2:31.4

13. ITALIA 1+12 (Eleonora Fauner-Saverio Zini) +4:17.5

Clicca qui per leggere la classifica completa

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche: