Sci di fondo | 29 giugno 2020

Fondo - Bjørgen è tornata ad allenarsi, ma che fatica nella sessione con Johaug: "C'è ancora molta strada da fare"

Parecchia fatica per Bjørgen nel corso di una sessione con Johaug, che ci ha riso sopra: "Ci sono voluti due anni di stop e due figli per riuscire a batterla"

Fondo - Bjørgen è tornata ad allenarsi, ma che fatica nella sessione con Johaug: "C'è ancora molta strada da fare"

Ha ripreso ad allenarsi Marit Bjørgen, dopo aver deciso di rimettersi in gioco a quarant’anni e accettare la proposta del Team Ragde Eiendom dei fratelli Aukland, di prendere parte al Visma Ski Classics. L’obiettivo della campionessa norvegese sono gare importanti come Vasaloppet e Marcialonga.

Ovviamente, nonostante l’atleta più medagliata nella storia delle Olimpiadi Invernali si sia tenuta sempre in forma nei due anni successivi al suo ritiro, tornare ad allenarsi non è stato per niente facile. È stata la stessa Bjørgen a descrivere, in un’intervista rilasciata a NRK mentre partecipava a una sessione di allenamento della squadra juniores, le difficoltà trovate nei primi allenamenti. «La preparazione sta andando avanti – ha affermato l’atleta – ma c’è ancora molta strada da fare. Se mi sono pentita di aver deciso di tornare? Ogni tanto un po’ si (ride, ndr)».

Bjørgen ha quindi svelato di aver effettuato una sessione di allenamento insieme a Therese Johaug, ammettendo che le cose non sono andate molto bene. «Sono stata messa in difficoltà, quindi devo continuare a lavorare. In questi due anni sono accadute molte cose e ho appena ripreso».

La fondista norvegese per il momento si allenerà circa 10 ore a settimana, anche se probabilmente, in alcune occasioni dovrà lavorare un po’ di più. Anche perché, come sottolineato da Anders Aukland, atlete come Lina Korsgren e Britta Johansson Norgren hanno alzato il livello della competizione nelle ultime stagioni. «Nello sci di fondo, la Vasaloppet è quanto di più lontano da ciò che Bjørgen ha fatto prima – ha spiegato Auklandnon si tratta di avere un grande motore ma di sopportare il carico nelle braccia. È ciò che accade al corpo dopo tre gore di gara che determina il risultato. Per questo motivo Bjørgen deve allenarsi. Le migliori del circuito sono molto brave e specializzate».

A quarant’anni, però, al di là della fatica Bjørgen è ben felice di essere tornata: «Ho notato che una volta stabilito un obiettivo, è più facile uscire e svolgere un allenamento. Mi diverto. Noto che sono anche una madre migliore, dopo aver speso un po’ di energie da sola. Quando torno a casa spendo il resto con i miei figli».

Infine anche Johaug ha commentato la sessione che le due atlete hanno svolto insieme, facendo una battuta riguardo ad una compagna di squadra, avversaria e amica che ha sempre ammirato: «Ci sono voluti due anni di stop e due figli per riuscire a battere Bjørgen. Ma penso che la sua preparazione stia migliorando. Se può vincere la Vasaloppet? Se Marit lo vuole, penso ne abbia la possibilità. Ma penso dovrà allenarsi un po’»

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: