Skiroll | 02 luglio 2020

Skiroll - Il dt Michel Rainer: "Faremo delle nostre debolezze il nostro punto di forza".

La squadra italiana di skirollisti sta sfruttando al meglio il raduno di Anterselva di questi giorni.

Foto Flavio Becchis

Foto Flavio Becchis

“Faremo delle nostre debolezze il nostro punto di forza.”

Ha le ben chiare il direttore tecnico della Nazionale italiana di skiroll Michel Rainer, il quale non ha di certo tirato scuse la scorsa estate durante il mondiale di Madona quando una giornata di pioggia ha cancellato le reali velleità di medaglie dei suoi ragazzi sprint, in primis quelle del campione del mondo Emanuele Becchis.

Complice purtroppo, ma in questo caso anche per fortuna un inizio di settimana a tratti piovoso, il raduno di Anterselva si sta rivelando assai utile per mettere a punto materiali, tecnica ed approccio  mentale durante le condizioni di bagnato, con temporali tipici del periodo che mai come in questi giorni fanno la felicità del team azzurro.

“Nell’ ipotesi più pessimistica che la stagione agonistica quest’anno non partirà, abbiamo comunque programmato 5 raduni in località diverse tra Anterselva, Dobbiaco, Forni Avoltri, Val di Fiemme  e Lavazè. La priorità di questi primi raduni è quella di lavorare sulle nostre debolezze, ovvero il bagnato visto che brucia ancora quel mondiale 2019 in Lettonia dove abbiamo dato per scontato due medaglie nella gara sprint invece alla fine con la pioggia abbiamo pagato. A tavolino noi tecnici ed i ragazzi stessi, abbiamo analizzato la situazione e quindi si è deciso di lavorare sulla tecnica su fondi bagnati con un occhio di riguardo verso il comparto materiali che ovviamente ha la sua fondamentale importanza. Ben vengano dunque queste giornate di pioggia dove Emanuele Becchis in particolare si sta allenando sulle partenze e sulla sprint.”

Mondo dello skiroll che attende con ansia la data del 20 luglio, giorno in cui la federazione internazionale si riunirà per decidere se le tappe programmate in Estonia e Lettonia di fine agosto si disputeranno: “In caso questi due appuntamenti verranno confermati, allora i nostri programmi verranno modificati ma non prima di un confronto con la nostra federazione la Fisi  che valuterà se l’Italia vi prenderà parte o meno. La decisione dipenderà dalla situazione pandemica a livello nazionale ed internazionale legata alla parte logistica di questi spostamenti. In base alle disposizioni governative e federali prenderemo la decisione che sino al momento resta in sospeso.”

Biathlon Arena di Anterselva che non ha di certo bisogno di presentazioni  che si dimostra un ottimo banco di allenamento e dove  l’ampia disposizione di percorsi  variegati presenti, facilita il distanziamento sociale  che il team azzurro dello skiroll sta osservando in maniera scrupolosa con l’ausilio delle mascherine posizionate sul collo pronte ad essere utilizzate durante i tempi morti se si presentasse l’occasione. “Il prossimo raduno si svolgerà a  Forni Avoltri -continua il D.T Rainer- dove porteremo la squadra A di coppa del mondo Junior e la squadra dei giovani composta da 6 elementi 5 ragazzi ed una ragazza che svolgeranno la seconda parte del raduno. La squadra giovani è una novità dove si vuole investire nei giovani per farli crescere e poi inserirli gradualmente nel mondo dell’alto livello.

Forni Avoltri, così come Anterselva, è un centro ideale per l’allenamento sugli ski roll, sarà l’occasione buona per conoscere meglio i giovani e sempre con i tecnici Emanuele Sbabo e Solange Chabloz si punterà al miglioramento del gesto tecnico. Ripeto se quest’anno non si disputeranno gare, sarà l’occasione giusta per lavorare sulle lacune, il nostro obiettivo è quello di mantenere la squadra viva di confrontarci e di tenerci pronti per la bandiera a scacchi”.

Video della Nazionale Italiana di skiroll

Katja Colturi

Ti potrebbero interessare anche: