Biathlon | 06 agosto 2020

Biathlon - Irina Starykh sfortunata: chirurgo positivo al covid-19, l'intervento alla schiena è rinviato a settembre

L'atleta russa ha un problema alla schiena che richiede un intervento chirurgico, che era inizialmente programmato a luglio, ma la sfortuna non vuole lasciarla in pace

Biathlon - Irina Starykh sfortunata: chirurgo positivo al covid-19, l'intervento alla schiena è rinviato a settembre

Proseguono i problemi per Irina Starykh. Come vi avevamo riportato lo scorso luglio, la biatleta russa, che tra poche settimane compirà trentatre anni, aveva saltato il primo raduno a causa di problemi alla schiena e avrebbe dovuto sostenere un esame medico approfondito per capirne la causa. Dopo il consulto medico si è deciso di operare, ma la sfortuna si è accanita sulla russa facendole perdere oltre un mese.
    
Come, infatti, svelato da TASS, l’atleta è stata costretta a rimandare l’operazione quando era già in ospedale, dal momento che il chirurgo era stato trovato positivo al covid-19. «L’operazione avrebbe dovuto svolgersi alla fine di luglio – ha spiegato Maxim Kugaevsky, allenatore della squadra regionale di Tyumen – ma proprio nel giorno dell’operazione, al chirurgo è stato diagnosticato il coronavirus, così tutte le operazioni pianificate sono state urgentemente annullate. In quel momento Irina era in sala operatoria. Ora l’intervento chirurgico si farà solo a inizio settembre».

Insomma, valutando anche i tempi di recupero, tanta sfortuna per la biatleta russa, che vede partire subito in salita la sua stagione sportiva.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: