Salto | 14 agosto 2020

Salto femminile - A Frenstat partenza in tono ridotto per il Grand Prix: per la vittoria è sfida tra le tre K

In Repubblica Ceca nel primo pomeriggio ci saranno i salti di allenamento; tante le assenti, 27 atlete al via da 8 nazioni: favorite le slovene Kriznar e Klinec, che se la vedranno con l'austriaca Kramer

Salto femminile - A Frenstat partenza in tono ridotto per il Grand Prix: per la vittoria è sfida tra le tre K

Si torna finalmente a gareggiare. Nel primo pomeriggio, con i salti di allenamento, prenderà ufficialmente il via a Frenstat, in Repubblica Ceca, il Summer Grand Prix di salto femminile. La partenza sarà comunque in tono ridotto, vista l’assenza di tante big della disciplina.

Sono infatti appena 27 le atlete al via dei primi salti di prova, provenienti da otto nazioni diverse, cosa che permette il regolare svolgimento della gara. Tante però le assenze. L’emergenza Covid-19 ha spinto il Giappone a non rischiare una trasferta europea, mentre la Norvegia ha preferito non raggiungere la Repubblica Ceca, così non saranno al via atlete attesissime come Lundby, Takanashi e la giovane Opseth. Non saranno in gara nemmeno le austriache Hölzl e Pinkelnig, come le tedesche Althaus e Seyfarth. Ovviamente, come già sappiamo, non parteciperanno nemmeno le italiane, anche se vista l’assenza di tante big, per alcune azzurre sarebbe stata una buona occasione di accumulare punti per la qualificazione olimpica.

Di conseguenza per il successo finale la lotta sembra circoscritta a tre atlete di grande talento, tutte con il cognome con inizia con la K: le due slovene Nika Kriznar e Ema Klinec, insieme all’austriaca Marita Kramer. Parliamo di tre Under 23. Da tenere d’occhio anche la slovena Rogelj, la francese Clair e la giovanissima speranza polacca Kinga Rajda. 

Oggi pomeriggio alle 17 il salto di qualificazione, che dovrebbe però diventare un semplice salto di prova, visto il numero esiguo di partecipanti. Domani mattina alle 10.00 la gara.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: