Combinata | 18 agosto 2020

Si avvicina la stagione storica della combinata nordica femminile: la cugina di Johaug è in rampa di lancio

La Norvegia vuole essere subito protagonista anche al femminile e si affida a Gyda Westvold Hansen, la cuginetta diciottenne di Johaug: "Therese è per me un modello e mi ha dato diversi suggerimenti tecnici"

Photo Credit: OIS photos, Jed Leicester

Photo Credit: OIS photos, Jed Leicester

Ci si appresta a vivere un inverno storico per la combinata nordica femminile, che dopo tanti anni vedrà partire finalmente la prima Coppa del Mondo e soprattutto assegnare le medaglie mondiali. Ogni nazione si sta quindi organizzando al meglio per costruire qualcosa di importante in questa disciplina e dare battaglia alla grande favorita, la statunitense Tara Geraghty-Moats. Vuole farlo l’Italia, con una squadra di talento, la Germania di Jenny Nowak, la pericolosa Russia, l’Austria che ha giovani molto interessanti, il Giappone di Anju Nakamura e ovviamente la Norvegia.

Nonostante le difficoltà economiche causate dall’emergenza Covid-19, la federazione norvegese ha deciso di puntare sulla combinata nordica femminile, formando una squadra di tre atlete: la ventunenne Mari Leinan Lund, la diciannovenne Marte Leinan Lund, vincitrice di due gare di Continental Cup nella passata stagione, e soprattutto Gyda Westvold Hansen, la cugina di Therese Johaug, capace di battere nella passata stagione anche Tara Geraghty-Moats ad Eisenerz in Continental Cup, ma sconfitta nel Mondiale Juniores dalla tedesca Jenny Nowak, sua coetanea.

Thomas Kjelbotn, allenatore della squadra norvegese, è molto soddisfatto del lavoro fin qui svolto. «Sono ragazze molto ambiziose – ha dichiarato a Dagbladetsono mentalmente sempre presenti in allenamento, si concentrano sul loro lavoro e migliorano. Notiamo che stanno crescendo».

Ovviamente la più attesa è Gyda Westvold Hansen, come normale che sia quando si è la cugina della fondista più forte al mondo. Eppure, nonostante abbia alcuni geni della fenomenale Therese Johaug, la diciottenne ama saltare e così si è dedicata alla combinata nordica. Ma quando c’è da mettere gli sci stretti, ovviamente, sa a chi chiedere consiglio. «Lei è sempre stata un modello per me – ha affermato a Dagbladetl’ho sempre ammirata. Therese mi è stata molto utile sotto diversi punti di vista. Tra le altre cose, mi ha dato diversi suggerimenti tecnici».

Con un insegnante così, è ovviamente tra le atlete più attese in vista di questa storica stagione: «È qualcosa che ho aspettato con impazienza per diversi anni (Coppa del Mondo e Mondiale di combinata nordica femminile, ndr) – ha affermato Hansenè sempre stato uno stimolo. Ora si tratta solo di allenarsi nel miglior modo possibile».

Ad Oberstdorf, quindi, il 27 febbraio le due cugine potrebbero entrambe vincere un titolo iridato, dal momento che Johaug avrà lo skiathlon femminile e Hansen la storica gara individuale di combinata nordica.

Nel frattempo il numero uno mondiale della disciplina, Jarl Magnus Riiber ha speso belle parole per le giovani della squadra norvegese e in particolare proprio per Gyda Westvold Hansen: «Sono molto felice di contento di come stanno crescendo queste ragazze, in particolare Gyda, che mi sembra entusiasmante. È bello comunque che il nostro sport si stia sviluppando ancora. Le gare femminili faranno crescere la popolarità della combinata nordica»

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: