Biathlon | 24 settembre 2020

Biathlon - La tappa di Östersund è sempre più a rischio: il governo svedese ha fermato anche la nazionale di calcio

La nazionale svedese di calcio maschile avrebbe dovuto giocare in casa contro la Russia il prossimo 8 ottobre, ma sarà costretta a giocare a Mosca perché ai russi non sarebbe permesso di entrare in Svezia

Lisa Vittozzi a Östersund (Foto IBU)

Lisa Vittozzi a Östersund (Foto IBU)

Bisognerà attendere ancora pochi giorni prima che l’IBU comunichi le sue decisioni sulle prime quattro tappe della Coppa del Mondo di biathlon. Nelle passate settimane la federazione sembrava sempre più orientata verso un accorpamento delle quattro tappe in appena due luoghi.

A tremare in questo momento è soprattutto Östersund. La località svedese, che soltanto due anni fa ha ospitato una splendida edizione dei Mondiali, teme di pagare molto caro il silenzio del governo svedese, che non ha ancora risposto all’appello del comitato organizzatore, riguardo la possibilità di far entrare liberamente nel paese – ovviamente dopo apposito tampone – anche gli atleti provenienti da paesi considerati a rischio.

A preoccupare ulteriormente gli organizzatori della tappa della Coppa del Mondo di biathlon, che sarebbe in programma dal 3 al 6 dicembre, è quanto accaduto alla nazionale di calcio maschile. La squadra allenata da Janne Andersson avrebbe dovuto ospitare la Russia alla Friends Arena di Stoccolma il prossimo 8 ottobre, ma è stata costretta a chiedere ai russi di disputare il match a Mosca in quando alla nazionale ospite non sarebbe stato consentito di entrare in Svezia.
L’ordinanza del governo svedese vieta infatti i viaggi non necessari in Svezia da paesi diversi da Unione Europea, Regno Unito, Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Svizzera, senza fare alcuna eccezione, nemmeno per gli atleti d’elite.
   
Se il Governo svedese non dovesse intervenire entro pochi giorni (fine settembre, ndr) sarebbe impossibile per l’IBU tenere la tappa svedese nel calendario della Coppa del Mondo, in quanto non potrebbero gareggiare atleti di Russia, Stati Uniti, Canada ed altre nazioni extra UE.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: