Sci di fondo | 12 ottobre 2020

Praticare sci di fondo nel Sud Italia? Uno splendido esempio dalla Basilicata: lo Sci Club Terranova di Pollino

Conosciamo una importante realtà del Sud Italia per lo sci di fondo, e non solo, con nuove proposte di sviluppo grazie anche all’innovativo Skiroll Cross per un centro fondo 4 stagioni, polivalente, moderno ed ecologico

Praticare sci di fondo nel Sud Italia? Uno splendido esempio dalla Basilicata: lo Sci Club Terranova di Pollino

Nelle scorse settimane, attraverso le interviste a due giovani della regione Lazio, Maria Gismondi e Giacomo Petrini, entrambi di Subiaco, che si sono spostati però nel nord Italia per potersi regolarmente allenare sulla neve e inseguire i loro sogni sportivi, abbiamo parlato dello sci di fondo nel centro Italia. Lo stesso abbiamo fatto con Tommaso Tamburro, abruzzese, referente FISI per il Centro Sud. Ora siamo scesi ancora più a Sud, arrivando fino alla Basilicata, per raccontarvi la storia dello Sci Club Terranova di Pollino e del suo centro fondo, che consente a tanti bambini di scoprire questo bellissimo sport.

Dai primi anni 80 in cui lo sci di fondo in Italia viveva un periodo di grande espansione alla realtà attuale dove questo Centro Fondo nel Comune di Terranova di Pollino, seppure già ben strutturato guarda a nuove discipline per rilanciare la sua immagine di modernità ed efficienza per aumentare il suo grado di appeal con un’offerta a 360° rivolta ai ragazzi dello sci club locale e ai numerosi turisti appassionati di sci nordico.

Lo Sci Club Terranova di Pollino è nato nella stagione invernale 1980/81 per iniziativa di  alcuni giovani terranovesi dotati di grande passione per la montagna, per la neve e per gli sport invernali. Il primo Presidente è stato Carmine Chiarelli, in carica per quattro anni, al quale è subentrato Giovanni Izzi tutt’ora in carica.
Nel corso degli anni, oltre a raggiungere nello Sci di Fondo importanti traguardi nel settore organizzativo e agonistico a livello regionale, interregionale e nazionale (Campionati Italiani, Nazionali Giovani e Coppa Italia), lo sci club Terranova ha avvicinato molti giovani alla pratica sportiva e alla passione per la montagna svolgendo così un importante ruolo nella promozione del turismo invernale e nella valorizzazione del territorio contribuendo  in tal senso, e in maniera determinante, alla realizzazione del Centro Sci di Fondo di Piano Giumenta, del quale attualmente ne cura la gestione.

Lo Sci Club ha contribuito con orgoglio alla formazione professionale di alcuni giovani che hanno ottenuto diplomi e titoli e ricoperto poi importanti ruoli istituzionali per meriti sportivi con 9 Maestri di Sci di Fondo, un Allenatore Federale e un Omologatore Nazionale FISI per Piste da Fondo. Ha ricevuto diversi riconoscimenti per merito sportivo da parte della Federazione Italiana Sport Invernali (FISI) e dal C.O.N.I.  Delegazione Regionale di Basilicata: nel 2001 il Distintivo d’'Argento FISI, nel 2015 il Riconoscimento per la promozione sportiva dello Sci di Fondo dal CONI Regionale Basilicata, nel 2017 il Riconoscimento “Sci Club Stellato” della FISI e nel 2019 il Distintivo d'Oro della FISI.

Ma ecco alcune info interessanti sul centro fondo nel Parco Nazionale del Pollino, che potrebbero rivelarsi utili anche per chi durante una bella vacanza nel sud dell'Italia non riuscisse a fare a meno di allenarsi. Il Centro Sci di Fondo & Nordic Walking è ubicato a Piano Giumenta a 1,550 mt nel Parco Nazionale del Pollino. E' un Centro Turistico – Sportivo  costituito da una Pista omologata nazionale di Km 3,3 e da un Centro Servizi con bar, ristoro e noleggio. Nel periodo invernale, oltre allo sci di fondo turistico e escursionistico, è possibile praticare lo sci di fondo agonistico con una pista omologata FISI per manifestazione di livello Regionale e Nazionale. Negli altri periodi è molto diffusa la pratica del Nordic Walking, una disciplina sportiva da praticare tutto l'anno. E’ possibile organizzare giornate escursionistiche guidate a piedi o in MTB lungo i sentieri del Parco Nazionale del Pollino, scoprire e ammirare i suggestivi paesaggi di alta quota con i Pini loricati. I sentieri sono ideali anche per passeggiate con i cavalli, manifestazioni di corsa in montagna e per la pratica dello Skiroll Cross. 

Allo stato attuale il Centro Fondo con la Scuola Sci Monte Pollino, pur offrendo piste ben preparate e sentieri battuti per le ciaspole, il numero degli utenti non è ancora sufficiente a rendere la gestione economicamente vantaggiosa. Questo è dovuto principalmente al fatto che le presenze sono costituite da un tipo di turismo pendolare con un basso impatto economico. Tuttavia esiste la convinzione che il Centro, grazie alla pratica allargata dello skiroll (strada e sterrato) possa svolgere con l'ampliamento dell'offerta nelle 4 stagioni, un importante ruolo di promozione del territorio a livello sportivo e turistico,  con ricadute occupazionali ed economiche.

Da qui l’idea nata dal Presidente dello sci club Terranova di potenziare l’offerta sportiva con l’introduzione dello SkirollCross, una attività che si addice soprattutto agli skirollisti già esperti, ma anche per la natura soffice del terreno sul quale viene praticato, ai bambini principianti. Nel Centro di Piano di Giumenta è in programma inoltre, per un’offerta davvero completa, la realizzazione di un tracciato asfaltato da skiroll della lunghezza di 800 metri in piano, da adibire principalmente all'avviamento della tecnica e all'allenamento che potrà poi essere praticato nella sua variante da sterrato anche su parte (2,5 km) del tracciato invernale omologato convertito d'estate a “SkirollPark” per lo SkiCross. Questo SkirollPark è di facile realizzazione in quanto necessita, laddove è in campo aperto, di una semplice preparazione del terreno che consiste in una falciatura dell’erba e una successiva rullatura del terreno, mentre la parte nel bosco, già ricca di sentieri battuti non necessita di ulteriori interventi salvo la pulizia dei rami a terra. La sua manutenzione, al pari della sua realizzazione è a basso costo perché essenzialmente garantita dal suo stesso utilizzo e dalla presenza, già in essere, di canali di scolo lungo la pista rendendo in tal modo l’impianto economico nella sua gestione così come divertente ed ecologico nel suo utilizzo.

Di questo progetto ci parla il suo ideatore, il Presidente dello Sci Club Giovanni Izzi che ha guardato con interesse prima e fortemente creduto poi alle potenzialità legate all’implementazione di questa nuova disciplina dello SkirollCross che tra l’altro dovrebbe diventare secondo le indicazioni della FIS strutturale nella programmazione di manifestazioni mondiali giovanili come un nuovo format invernale di gare di Sci di Fondo. «Non molto tempo fa, guardando un video sui social mi ha incuriosito il fatto di vedere atleti percorrere sentieri sterrati con gli Skiroll da sterrato. Ho subito pensato al nostro Piano Giumenta, dove è ubicato il Centro Sci di Fondo con piste e sentieri sterrati che si snodano nelle bellezze naturali del Parco Nazionale del Pollino. Ho cercato dei contatti e con piacevole sorpresa ho scoperto una vecchia amicizia degli anni '85 -'90. In quegli anni, a Festiona in provincia di Cuneo, si sono svolti i Campionati Italiani di sci di fondo e in quella occasione, insieme al Tecnico FISI Abruzzese Giovanni Ursitti, ho avuto il piacere di conoscere Valéry Romano attualmente Tecnico dello Skiroll Cross. Ho pensato di contattarlo e subito ha  manifestato la piena disponibilità per una dimostrazione presso il Centro Fondo di Piano Giumenta. Nei giorni 5-6 settembre si è così concretizzato l'evento. Hanno provato questi attrezzi della ditta Skirollo, assieme a suo figlio Alessio, alcuni ragazzi dello sci club Terranova con il loro Allenatore Isabella Salamone. Il giudizio sugli “Ski Cross” è stato molto positivo. Sono state due bellissime giornate, che oltre a riscoprire l'antica amicizia con Valéry, sono state ricche di valutazioni e apprezzamenti della nuova disciplina dello Skiroll da sterrato».

Insomma una storia lunga ormai quarant'anni, che vuole proseguire sfruttando ogni mezzo che il progresso sta offrendo agli appassionati dello sci di fondo.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: