Sci di fondo | 16 ottobre 2020

Fondo - Chanavat: "Punto a uno dei primi due posti della coppa di specialità sprint"

Il fondista francese ha ottenuto lo scorso anno le sue prime due vittorie in Coppa del Mondo: "Preferisco però non parlare anticipatamente di risultato, preferisco concentrarmi sulle gare"

Fondo - Chanavat: "Punto a uno dei primi due posti della coppa di specialità sprint"

Lo scorso inverno è riuscito finalmente a fare il salto di qualità, riuscendo ad ottenere le sue prime vittorie in Coppa del Mondo. La prima vittoria è arrivata pochi giorni dopo il suo venticinquesimo compleanno, nella sprint di Planica, quando è riuscito a imporsi davanti al nostro Federico Pellegrino. Un mese dopo Lucas Chanavat si è ripetuto a Dresda, dove ha vissuto un weekend da sogno, imponendosi sia nella sprint che nella team sprint in coppia con Jay. Qualche assenza di troppo e la chiusura anticipata della stagione non gli hanno permesso di giocarsi fino all’ultimo un posto sul podio della classifica di specialità, da lui chiusa al quinto posto.

Lo sprinter francese è però ora atteso da una stagione chiave, nella quale deve confermarsi al livello altissimo del passato inverno e fare anche il salto di qualità in tecnica classica, format nel quale ancora non è riuscito a salire sul podio. «Sono un po’ stanco dopo una lunga estate in cui ho fatto un buon lavoro – ha affermato Chanavat a FFS TVtutto l’allenamento pesante e i grandi volumi sono stati fatti. Entriamo ora nella seconda parte della preparazione dove ci si allena più sull’intensità, si svolgono più allenamenti specifici e gradualmente ci si avvicina a ciò che faremo in inverno. Abbiamo seguito la stessa preparazione degli anni precedenti. C’è ancora del lavoro da fare prima dell’inizio della stagione, ma sarò pronto per la prima gara».

Chanavat non ha paura di alzare l’asticella dopo le soddisfazioni avute nella passata stagione, anche se di fronte avrà avversari di altissimo livello, tra i quali il suo amico Johannes Klæbo con il quale si è allenato diverse volte nel corso dell’estate: «I miei obiettivi sono i soliti con i Mondiali che saranno il grande evento. Sto anche puntando alla classifica di specialità sprint e vorrei vincere più spesso rispetto allo scorso anno per continuare a migliorare. Il globo di cristallo? Per me è impossibile, io sono uno specialista delle sprint. Klæbo e Bolshunov saranno di nuovo i due favoriti. Personalmente metto una monetina sul norvegese».

Il francese non vuole invece fare pronostici sul vincitore della classifica sprint: «Evito di fare pronostici perché spero di essere ben posizionato per vincerla. L’anno scorso sono rimasto a lungo secondo in questa classifica prima di finire indietro dopo una caduta nell’ultima sprint. Per questo inverno vorrei arrivare secondo o primo, ovviamente con una preferenza per il primo posto. Preferisco però concentrarmi sulle gare e gareggiare regolarmente piuttosto che parlare di risultati in anticipo».

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: