Biathlon | 23 ottobre 2020

VIDEO, Biathlon - Marco Barale tra arruolamento e nazionale: "Felice dell'opportunità che mi è stata data"

Il giovane piemontese della nazionale juniores e giovani ha parlato al microfono di Fondo Italia dopo il suo arruolamento nelle Fiamme Oro: "Sono sicuro che faremo le gare, quindi dobbiamo mantenerci concentrati"

VIDEO, Biathlon - Marco Barale tra arruolamento e nazionale: "Felice dell'opportunità che mi è stata data"

È un periodo certamente molto particolare e importante per la carriera di Marco Barale. Dopo i successi della passata stagione sia in Italia sia soprattutto in ambito internazionale, con la vittoria dell’oro nella staffetta mista e l’argento nella single mixed relay agli YOG, il giovane cuneese, classe 2003, è entrato a far parte della nazionale juniores e giovani e da poche settimane è stato anche arruolato dalle Fiamme Oro.

L’abbiamo quindi raggiunto mercoledì 14 ottobre nel corso di un allenamento che ha svolto ad Entracque assieme al compagno di squadra della nazionale Stefano Canavese, entrambi seguiti dall’allenatore azzurro Pietro Dutto che ha sostituito quel giorno Samantha Plafoni, il tecnico della nazionale che segue solitamente i giovani piemontesi quando si allenano a casa tra un raduno e l’altro.

Con il giovane biatleta azzurro abbiamo quindi parlato dell’arruolamento nelle Fiamme Oro, arrivato assieme al compagno di squadra e amico Nicolò Betemps, per poi affrontare diversi argomenti, dalla preparazione a una stagione che si annuncia molto particolare visti i tanti dubbi legati all’emergenza globale che ha portato l’IBU a cancellare l’IBU Cup Junior e gli organizzatori degli EYOF di Vuokatti a rimandare l’evento a dicembre 2021.

Il giovane atleta piemontese ci ha poi ricontattato successivamente per chiederci di poter aggiungere anche alcuni ringraziamenti, in quanto non aveva avuto modo di farli nel corso dell’intervista video: «Ci tenevo tantissimo a ringraziare alcune persone senza le quali oggi non sarei nella nazionale giovanile azzurra e nelle Fiamme Oro. Dico grazie quindi allo Sci Club Entracque Marittime, a Gian Piero Pepino e Ilvano Rigaudo, l’allenatore Amos Pepino, che mi ha guidato sin dagli inizi. Quindi Roberto Biarese, che mi ha spinto a fare biathlon, e infine tutti gli altri allenatori fantastici dello sci club e del Comitato FISI AOC: Alessandro Fiandino, Rachele Fanesi e Tommaso Custodero. Ovviamente un grazie speciale va anche alla mia famiglia, che ha fatto tantissimi sforzi credendo sempre in me».

 

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: