Sci di fondo | 03 novembre 2020

Sci Nordico - Manca ancora l'ok dell'Istituto Nazionale della Sanità, trema Lillehammer: a rischio la Coppa del Mondo?

La FIS ha concesso una proroga alla Federazione Norvegese che avrà ancora alcuni giorni di tempo per attendere la risposta da parte dell'Istituto Nazionale della Sanità

Sci Nordico - Manca ancora l'ok dell'Istituto Nazionale della Sanità, trema Lillehammer: a rischio la Coppa del Mondo?

Lo sci nordico norvegese attende con ansia una risposta da parte delle autorità per capire se potrà o meno ospitare la Coppa del Mondo di sci di fondo, salto e combinata nordica, in programma a Lillehammer dal 4 al 6 dicembre. Un evento storico, in quanto segna l’esordio assoluto della Coppa del Mondo di combinata nordica.

Al momento però le gare di Lillehammer sono in forte dubbio. Gli organizzatori e la Federazione Norvegese di Sci non hanno ancora ricevuto dal FHI (l’Istituto Nazionale della Sanità Norvegese) l’approvazione del protocollo per il regolare svolgimento delle competizioni, che è stato inviato all’Istituto già dieci giorni fa. Il responsabile dell’evento presso la Federazione Norvegese di Sci, Terje Lund, ha spiegato la situazione a Nettavisen, mostrandosi anche comprensivo per questo ritardo: «Siamo consapevoli che in questo momento ci sia una grande pressione su FHI e quindi è normale ci sia bisogno di maggior tempo per ricevere una risposta. Ma senza l’approvazione dell’Istituto Nazionale della Sanità, la Federazione Norvegese di Sci non può confermare alla FIS che la tappa di Coppa del Mondo in programma a Lillehammer si disputerà regolarmente».

Il termine ultimo per dare la risposta definitiva alla FIS scadeva proprio oggi, ma Lund ha chiesto alla Federazione Internazionale una proroga di alcuni giorni. La FIS aspetta una risposta definitiva entro giovedì, anche se in realtà potrebbe anche concedere una nuova proroga di qualche giorno e aspettare tutta la settimana.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: