Sci alpinismo | 25 novembre 2020

La nazionale di sci alpinismo si divide in tre gruppi: raduno tra Canazei, Cervinia e Bormio

Per ridurre il rischio di contagi, la direzione tecnica della FISI ha deciso di creare tre gruppi di allenamento per continuare la preparazione in vista della stagione 2020/21 che inizierà il 19 e 20 dicembre sul Tonale

La nazionale di sci alpinismo si divide in tre gruppi: raduno tra Canazei, Cervinia e Bormio

Continuano a lavorare separatamente gli azzurri della nazionale di sci alpinismo. Dopo un raduno svoltosi in due gruppi distinti, per diminuire ulteriormente il rischio di infezione da covid-19, il direttore tecnico Stefano Bendetti, d’accordo con lo staff sanitario, ha deciso di dividere ulteriormente la squadra, facendo allenare gli atleti in tre gruppi.
Dal 25 al 29 novembre, quindi, piemontesi e valdostani si alleneranno ancora assieme a Cervinia, i lombardi saranno negli stessi giorni a Bormio, mentre veneti e trentini si ritroveranno a Canazei. In questa materia si vogliono evitare rischiosi viaggi per gli azzurri.

A Cervinia si alleneranno sei atleti sotto l’attenta guida di Manfred Reichegger. Sono William Boffelli, Matteo Eydallin, Damiano Lenzi, Nadir Maguet, Ilaria Veronese e Sebastien Guichardaz. Il gruppo di Bormio, allenato da Davide Canclini, sarà composto da otto atleti: Robert Antonioli, Michele Boscacci, Alba De Silvestri, Giulia Compagnoni, Andrea Prandi, Giovanni Rossi, Luca Tomasoni e Samantha Bertolina. Infine a Canazei, in Trentino, agli ordini di Stefano Bendetti lavoreranno cinque skialper azzurri: Federico Nicolini, Alex Oberbacher, Mara Martini, Matteo Sostizzo e Lisa Moreschini.

Gli azzurri preparano la stagione internazionale che partirà ufficialmente il 19 e 20 dicembre al Tonale con una sprint e una vertical.  

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: