Salto | 06 dicembre 2020

Il covid non ferma le emozioni del salto: è tripletta norvegese a Nizhny Tagil

Assenti i polacchi e all'ultimo momento anche gli austriaci, questi ultimi colpiti da un nuovo focolaio covid, Granerud si è imposto davanti a Johansson e Lindvik

Il covid non ferma le emozioni del salto: è tripletta norvegese a Nizhny Tagil

Si è chiuso un weekend di gara fortemente condizionato dal covid e dall’imminenza dei Mondiali di Volo in programma a Planica. A Nizhny Tagil, assenti i big della squadra polacca e molti saltatori austriaci, rimasti a casa perché risultati positivi al covid-19 dopo le gare di Wisla, la vigilia della seconda gara è stata colpita dalla notizia delle positività di altri quattro atleti austriaci, che hanno costretto al ritiro dell’intera squadra, e del direttore di gara Sandro Pertile, al quale mandiamo i nostri più grandi auguri.

A causa di un vento piuttosto instabile, come già accaduto sabato, la gara è stata piuttosto emozionante, nonostante l’assenza di tanti big. A sorridere è stata la Norvegia che ha conquistato una straordinaria tripletta. Successo per Granerud, alla terza vittoria consecutiva, capace nella seconda serie di salto di mettersi alle spalle di un soffio Johansson, in testa dopo la prima serie, che paga un voto più basso da parte dei giudici, staccato di otto decimi di punto. Addirittura terzo a nove decimi è giunto Marius Lindvik, che rende bene l’idea delle emozioni vissute. Bella rimonta di Eisenbichler, che dopo la sfortuna di ieri, è riuscito almeno a chiudere al quarto posto. In quinta piazza il giapponese Keiichi Sato, che ha guadagnato diverse posizioni nella seconda serie, mentre il classe ’99 Wasek ha regalato alla Polonia il sesto posto anche in una gara senza i suoi big, imitando quanto fatto ieri dal suo compagno di squadra Zniszczol.

CLASSIFICA FINALE TOP 10
1° H.E. Granerud (NOR) 241.5 (127.3 – 114.2)
2° R. Johansson (NOR) 240.7 (131.8 – 108.9)
3° M. Lindvik (NOR) 240.6 (123.2 – 117.4)
4° M. Eisenbichler (GER) 231.6 (113.2 – 118.4)
5° K. Sato (JPN) 219.8 (108.9 – 110.9)
6° P. Wasek (POL) 218.9 (113.5 – 105.4)
7° J.A. Forfang (NOR) 217.9 (109.4 – 108.5)
7° C. Schmid (GER) 217.9 (107.2 – 110.7)
9° G. Deschwanden (SUI) 216.5 (112.5 – 104.0)
10° T. Zajc (SLO) 215.2 (106.9 – 108.3)

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: