Combinata | 18 dicembre 2020

Combinata Nordica Femminile - Westvold Hansen domina il segmento di salto; ottima Gianmoena, è seconda

La norvegese, cugina di Johaug, ha mostrato un livello nettamente superiore sul salto e partirà nell'inseguimento con 25" di vantaggio sull'azzurra; attenzione però a Nakarmura e Geraghty-Moats, le migliori sugli sci

Combinata Nordica Femminile - Westvold Hansen domina il segmento di salto; ottima Gianmoena, è seconda

È la norvegese Gyda Westvold Hansen, cugina di Therese Johaug, la vincitrice del segmento di salto della prima storica gara della Coppa del Mondo femminile di combinata nordica, che si sta svolgendo a Ramsau.

La giovanissima 2002 ha rispettato i pronostici trovando una distanza che le altre, tranne la compagna Mari Leinan Lund, non sono nemmeno riuscite ad immaginare, arrivando a 94,5 metri pur partendo da stanga più bassa. Come le era già accaduto ieri, l’atterraggio è stato da rivedere, essendo totalmente mancata la genuflessione, ma i punti persi per il voto dei giudici non le hanno impedito di chiudere nettamente in testa la fase di salto.

Westvold Hansen partirà con ben 26” di vantaggio sulla seconda in classifica, che è l’azzurra Veronica Gianmoena. La trentina ha effettuato un buonissimo salto per lunghezza ma soprattutto stile, avendo piazzato senza dubbio uno dei migliori atterraggi dell’intera competizione. Per la venticinquenne, aggregata per le Fiamme Oro, sono diversi i motivi per sorridere. Alle spalle dell’italiana una delle avversarie più pericolose per Westvold Hansen, la giapponese Anju Nakamura, che aveva impressionato sugli sci nelle gare di Continental Cup dello scorso anno. La giovane nipponica è stata autrice di un ottimo salto chiudendo sorprendentemente in terza piazza e diventando così una delle favorite per la vittoria finale, anche se ovviamente la condizione sugli sci è tutta da scoprire.

Meno soddisfatta colei che è la donna da battere nella combinata nordica femminile, la statunitense Tara Geraghty-Moats, che ha particolarmente sofferto l’abbassamento della stanga di partenza, chiudendo così in sesta posizione. Partirà a 39” dalla norvegese e una decina di secondi dalla giapponese che l’aveva battuta sugli sci lo scorso anno. Resta probabilmente la favorita e difficilmente la vedremo giù dal podio.

Sorrisi per l’Austria, con ben tre atlete nelle prime otto posizioni (Purker 4ª, Kleinrath 5ª e Hirner 8ª). Bellissime conferme anche per l’Italia. Oltre al secondo posto della veterana Gianmoena, molto bene hanno fatto le giovanissime Annika Sieff e Daniela Dejori. La vincitrice del PCR di giovedì ha mostrato di avere un buonissimo livello nel salto concludendo in settima posizione, mentre la gardenese ha dimostrato di essere in nettissima crescita rispetto alla passata stagione, quando aveva faticato a trovare dei buoni salti. Lodevole quindi il lavoro svolto dallo staff tecnico azzurro nel corso dell’estate, segno che il progetto combinata nordica è partito nel modo giusto.

In decima piazza la norvegese Mari Leinan Lund, capace di arrivare a 97 metri, con un salto che ha sbaragliato per lunghezza tutta la concorrenza. Peccato che la giovane ha però più che pasticciato in fase di atterraggio finendo a terra, fortunatamente senza conseguenza. Il suo decimo posto nonostante la caduta dice molto. Male le tedesche, la cui migliore è l’ex saltatrice, Svenja Würth, solo undicesima. Attenzione a Lena Brocard, la francese che partirà dalla 21ª piazza. Considerati i distacchi così ravvicinati, c’è da aspettarsi da lei una grande rimonta.

CLASSIFICA TOP 10
1ª G. Westvold Hansen (NOR) 125.8
2ª V. Gianmoena (ITA) 119.2 (+26)
3ª A. Nakamura (JPN) 118.5 (+29)
4ª C. Purker (AUT) 117.3 (+34)
5ª S. Kleinrath (AUT) 116.3 (+38)
6ª T. Geraghty-Moats (USA) 116.0 (+39)
7ª A. Sieff (ITA) 115.4 (+42)
8ª L. Hirner (AUT) 112.7 (+52)
9ª D. Dejori (ITA) 111.8 (+56)
10ª M. Leinan Lund (NOR) 111.4 (+58)

Per la classifica completa clicca qui

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: