Sci di fondo | 14 gennaio 2021

Fondo - Cramer a Fondo Italia tra l'elogio di Stupak e le speranze mondiali di Ustiugov

L'allenatore della squadra russa: "Dietro al risultato di Stupak c'è molto lavoro e i suoi tanti sacrifici; Ustiugov? Mi auguro possa tornare per il Mondiale, lo capiremo meglio questo weekend"

Fondo - Cramer a Fondo Italia tra l'elogio di Stupak e le speranze mondiali di Ustiugov

Avevano le lacrime agli occhi Yulia Stupak e il suo allenatore Markus Cramer, dopo il secondo posto della russa al Tour de Ski 2021. Una commozione figlia del grande lavoro fatto in questi mesi, da quando l’atleta è tornata ad allenarsi dopo la nascita del primo figlio. Lacrime che ricordano i sacrifici che questa splendida atleta sta facendo da tempo. Un’emozione forte anche per Cramer che l’ha seguita passo per passo, portandola fino a un podio inimmaginabile anche poche settimane fa.

Domenica scorsa abbiamo avuto l’opportunità di commentare con Cramer quanto fatto dalla sua atleta, ma anche di parlare delle aspettative russe per la staffetta femminile e chiedergli degli aggiornamenti su Sergey Ustiugov, uomo di punta del gruppo da lui diretto (Bolshunov si allena con Borodavko, ndr).

È veramente emozionato per questo risultato. Cosa significa per lei?
«È qualcosa di fantastico, perché a un anno di distanza dalla nascita del bambino, il lungo periodo di stop e tutto l’allenamento fatto in questi mesi, il fatto che Yulia Stupak sia tornata in questo modo è bellissimo».

Cosa c’è dietro a questo risultato?
«Tanto lavoro e molti sacrifici, soprattutto da parte di Yulia. È stato un periodo difficile perché da novembre non torna a casa. Con la famiglia e il bambino non è facile. Non è solo l’allenamento, bisogna avere sempre alta la motivazione anche per fare tutto questo. Lei però ne ha tanta, perché vuole essere sempre la migliore».

Ritiene che la prestazione di Stupak, sommata a quanto fatto a tratti anche da Nepryaeva e Sorina, rappresenti un bel segnale per la Russia anche in vista della staffetta femminile del Mondiale di Oberstdorf?
«Sicuramente, non abbiamo solo Yulia, ma anche Sorina e Nepryaeva. Ora dobbiamo trovare una quarta atleta e ci sono diverse opzioni. Per esempio c’è anche Anastasia Sedova, che ci auguriamo possa tornare all’inizio di febbraio. Vedremo. Ora ci godiamo questa gioia».

Passiamo agli uomini. Può già immaginare cosa vogliamo chiederle: riusciremo a vedere Ustiugov al Mondiale di Oberstdorf?
«Mi auguro davvero che possa tornare. Ora sta svolgendo un ottimo allenamento da circa un mese. Il prossimo weekend affronterà delle gare di Coppa di Russia e lì capiremo meglio se sarà possibile o meno vederlo ad Oberstdorf. Ma mi auguro proprio di si».

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: