Combinata | 17 gennaio 2021

Combinata Nordica - Boom Alessandro Pittin, è 7° dopo il salto in Val di Fiemme! Guida il giapponese Yamamoto

Il bronzo olimpico di Vancouver 2010 non partiva così avanti da quasi un decennio. Avrà un distacco dalla testa di soli 14". I rivali? Riiber 3°, Geiger 8°, Herola 15°. Bene anche Costa 23° e Buzzi 31°.

Alessandro Pittin (foto NEWSPOWER)

Alessandro Pittin (foto NEWSPOWER)

Terza e ultima giornata di gare per la combinata nordica in Val di Fiemme. E' andata in scena questa mattina allo stadio del salto "Giuseppe Dal Ben" di Predazzo la prova sul trampolino piccolo HS104. Ci si trasferirà poi a Lago di Tesero per la 2^ 10km gundersen di questa tre giorni. La partenza è fissata per le 13.15.

E' finalmente arrivato il morso del Pittbul. Alessandro Pittin, dopo i numerosi infortuni di diversi anni fa e la continua ricerca delle magiche antiche sensazioni sul trampolino nelle ultime stagioni, ha realizzato il miglior salto da tempo immemore con la misura di 100,5 metri. Fece meglio nell'ultimo atto della tripletta di Chaux Neuve nel 2012, quando partì 4° a 10" dalla testa.

Il finanziere di Cercivento partirà per 7° a soli 14" dal battistrada nipponico Ryota Yamamoto, autore della miglior misura di giornata con 103,5. Tranquillamente alla portata del 30enne carnico ci sono il francese Laurent Muhlethaler 2° a 2", il leader di Coppa del Mondo Jarl Magnus Riiber 3° a 3", i fratelli giapponese Akito e Yoshito Watabe, 4° e 5° a 5" e 11" e il norvegese Espen Bjørnstad 6° a 12".

E' chiaro che un Pittin nella forma mostrata nella prima gara individuale, quella di venerdì, può puntare al successo su una pista così difficile. Il surplus motivazionale è dato dal fatto che la Val di Fiemme è casa sua da diversi anni, non solo per motivazioni professionali.

Chi potrebbero essere gli atleti in grado di impedirgli l'impresa? Ovviamente Riiber che dovrà mostrare di avere la tenuta nel fondo sulla durissima pista di Lago di Tesero per sfruttare le sue qualità in volata nel finale; c'è poi il tedesco Vinzenz Geiger, 8° a 16", forse più pericoloso del norvegese viste le accelerazioni di cui è capace in salita; infine, Ilkka Herola, finlandese che partirà 15° a 30", l'uomo più in forma nel fondo di questa stagione. 

Non solo Pittin. Sul trampolino di casa si sono comportati ottimamente anche il gardenese Samuel Costa, 23° a 1'00, ieri formidabile nella prova di fondo della team sprint, e il friulano Raffaele Buzzi, 31° a 1'10, che potrebbe nettamente migliorare il 24° posto di venerdì, suo miglior risultato in carriera.

Peccato per Aaron Kostner 50°, che nel salto di qualificazione aveva fatto nettamente meglio. Era entrato fra i 50 anche il giovane Giulio Bezzi, poi 49° nel salto di gara. Non avevano passato il turno Stefano Radovan e Domenico Mariotti.

La classifica completa dopo il salto

Davide Bragagna

Ti potrebbero interessare anche: