Salto | 31 gennaio 2021

Salto femminile - A Titisee-Neustadt vince ancora Kramer; Lundby sempre in difficoltà, spavento per Kvandal

L'austriaca si è imposta su Takanashi ed Opseth; Lundby ancora fuori dal podio, mentre Kvandal è caduta ma fortunatamente senza conseguenze; 20ª Jessica Malsiner, 25ª sua sorella Lara

Salto femminile - A Titisee-Neustadt vince ancora Kramer; Lundby sempre in difficoltà, spavento per Kvandal

Terza vittoria stagionale in quattro gare per Marita Kramer. La diciannovenne austriaca ha vinto anche la seconda gara sul trampolino HS142 di Titisee-Neustadt, in Germania. La leader della classifica generale di Coppa del Mondo è riuscita a spuntarla su una Sara Takanashi in crescita, che le è arrivata ad appena 2,2 punti di distacco pagando l’handicap di due salti leggermente più corti. Sul terzo gradino del podio ancora una volta è salita Opseth. La norvegese ancora una volta è stata protagonista di un ottimo secondo salto che le ha consentito di recuperare ben cinque posizioni e prendersi così la terza piazza. Ai piedi del podio l’austriaca Iraschko-Stolz, protagonista di un’ottima prestazione, davanti alle slovene Klinec e Kriznar, in difficoltà nella prima serie. Buon settimo posto per un’altra austriaca, Sophie Sorschag.

Solo ottava piazza per una Maren Lundby che conferma di essere in grande difficoltà, forse anche a causa dei tanti problemi fisici accusati nel corso della preparazione. La campionessa norvegese non è ancora salita sul podio in questa stagione. Lundby è alla quarta gara consecutiva senza podi. Per ritrovare una serie così lunga bisogna addirittura tornare indietro nel tempo al 2016. Quattordicesima piazza per la giovanissima norvegese Eirin Maria Kvandal, che si è presa un brutto spavento nel suo lunghissimo secondo salto quando è caduta in fase d’atterraggio, fortunatamente sembrerebbe senza conseguenze.
    
Giornata negativa per la Germania che piazza una sola atleta tra le prime venti, Katharina Althaus, giunta 12ª.

Ancora una buona prova di Jessica Malsiner, che ha concluso in 20ª posizione, non trovando però la misura nella seconda serie. Peccato per la diciottenne gardenese, che era 17ª dopo il primo salto. Ancora una volta indietro Lara Malsiner, che sta cercando di trovare stabilità. Alla leader della squadra azzurra è mancata la distanza sul secondo salto. Per lei è arrivato un 25° posto.

PER CLASSIFICA FINALE CLICCA QUI

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: