Sci di fondo | 13 febbraio 2021

Sci di Fondo - E' BRONZO! L'Italia juniores maschile prende la medaglia nella staffetta iridata a Vuokatti

Straordinaria gara di Longo, Chiocchetti, Sclisizzo e Barp che salgono sul podio dopo un finale spettacolare dietro a Norvegia e Finlandia.

Sci di Fondo - E' BRONZO! L'Italia juniores maschile prende la medaglia nella staffetta iridata a Vuokatti

Splendide notizie dalla Finlandia dove si stanno svolgendo i Campionati Mondiali di categoria a Vuokatti.

L'Italia maschile ha colto una splendida medaglia di bronzo con grande carattere nella staffetta 4x5km juniores. Il fiemmese Fabio Longo, il fassano Alessandro Chiocchetti, il friulano Luca Sclisizzo e il bellunese Elia Barp sono stati grandi protagonisti della gara che ha visto prendersi l'oro la Norvegia e l'argento i padroni di casa della Finlandia.

Nella prima frazione in tecnica classica, Longo tiene bene il gruppo di testa, cambiando con qualche metro di svantaggio in 6^ posizione. 

In seconda, Chiocchetti è sontuoso nel rientrare in vetta alla gara e risponde benissimo all'attacco del fortissimo norvegese Jonas Vika (13° nella cronometro in classico ai campionati nazionali assoluti di Trondheim!), che aveva ricevuto il cambio da Edvard Sandvik. La Norvegia guadagna poco ma in maniera decisiva ai fini della medaglia d'oro. Il 18enne, 15° nella sprint, cambia perfettamente in linea per le medaglie dietro al russo Alexander Ivshin e al finnico Niko Anttola.

Metà gara e cambio di tecnica. La Norvegia chiude la contesa con la medaglia d'oro della 10 skating a cronometro Martin Kirkeberg Mørk, il quale consolida il vantaggio definitivo. Al terzetto in lotta per argento e bronzo al cambio, si aggiungono la Germania con un trascinante Jan-Friedrich Dörks e gli Stati Uniti con Will Koch, figlio d'arte del celebre Bill. Una volta ricompattati, è il russo Nikita Rodinov ad allungare la pattuglia, poi è proprio il tedesco a non contentarsi e andarsene di prepotenza. Sclisizzo soffre ma reagisce bene rimanendo con il finlandese Eemil Helander e lo scavalca al cambio in 4^ posizione.

Ultima frazione con un avversario decisamente proibitivo per Barp come il finlandese Alexander Stahlberg, argento ieri nella 10 skating, e il russo Sergey Volkov. La Norvegia riesce ad amministrare con il figlio d'arte Lars Agnar Hjelmeseth il vantaggio non enorme costruito in precedenza e taglierà il traguardo in solitaria. Dietro le cose si fanno interessanti con la Germania che viene ripresa subito e staccata a metà frazione. E' il veneto classe 2002 ad aumentare il ritmo dopo il passaggio allo stadio, poi sulle ultime salite Volkov attacca con irruenza e Stahlberg risponde. Barp inizialmente si stacca ma non molla e nel finale riprende il russo volato via dal finlandese. In volata ne ha di più con Volkov che lo chiude anche in maniera abbastanza scorretta, inserendosi nella stessa corsia di destra. Elia lo sorpassa nonostante tutto e per un soffio è bronzo Italia!

Note statistiche. La medaglia dello stesso colore era stata vinta anche un anno fa a Oberwiesenthal con un quartetto completamente diverso composto da atleti tutti del 2000 che sono saliti in categoria U23. C'è qualità nel movimento dello sci di fondo italiano. A livello juniores è la 18^ medaglia iridata per l'Italia, il cui medagliere storico arriva a 4 ori, 4 argenti e 10 bronzi.

La classifica completa della staffetta mondiale juniores

Davide Bragagna

Ti potrebbero interessare anche: